Google userà la nostra foto nelle pubblicità: Ecco come evitarlo

Google offre molti servizi in modo totalmente gratuito ma dovrà avere un introito da tutti questi servizi, ed ovviamente la pubblicità è la prima fonte di guadagno per Big G.

Pochi giorni fa tutti avrete notato una barra blu nella home page di Google che vi informa dell’aggiornamento dei termini di servizio che però nasconde delle insidie dietro questo cambiamento. Il 99 % delle persone non leggerà le info ma vi consiglio di leggerle attentamente poiché dall’11 novembre, il nome e l’immagine profilo degli utenti verranno mostrati in prodotti Google come recensioni e pubblicità e noi vi spiegheremo come fare  per evitarlo.

In pratica l’aggiornamento delle regole permetterà a Google di utilizzare il proprio nome e la foto del profilo di Google+ all’interno dei prodotti Google tra i quali i risultati del motore di ricerca e gli annunci pubblicitari. Facciamo riferimento alla pagina Aggiornamento termini di servizio per un riepilogo.

In pratica i nostri contatti e familiari potrebbero visualizzare il nome e la foto del profilo di un utente, oltre alle recensioni condivise, i commenti scritti e gli annunci sui quali è stato fatto +1. Questo accade esclusivamente quando l’utente compie un’azione in modo attivo (+1, commento ecc.) e le uniche persone che possono vedere tutto questo sono quelle con le quali si è scelto di condividere tali contenuti (tutti per impostazione predefinita). Google ribadisce che gli utenti hanno il controllo su ciò che condividono.

Il cambiamento riguarda tutti i servizi offerti: dalle ricerche online a Maps, dallo store Play ad Adwords. Ad esempio, gli amici possono vedere come un utente ha votato un album su Google Play, oppure i +1 affidati alle attività commerciali della propria città.

131011114922-google-endorsements-story-top-620x348

 

Il cambiamento riguarda naturalmente anche le inserzioni pubblicitarie quindi se per esempio abbiamo fatto +1 o recensito un hotel che ci è piaciuto e quell’hotel utilizza il network di Google per pubblicizzarsi, nello spot di quell’hotel potrebbe comparire ai nostri amici il nostro nome, la nostra faccia e un estratto della nostra recensione.

Sese in passato si è scelto di non condividere i propri +1, il motore di ricerca continuerà a non farlo, così come la visualizzazione di questi elementi non riguarda gli utenti che non hanno ancora compiuto il 18esimo anno di età.

Per disattivare questa opzione vi basterà andare in questa pagina (Consigli condivisi) dopo aver effettuato l’accesso a Google Plus scorrere fino in fondo e disattivare la voce “A seconda della mia attività, Google può mostrare…”. L’impostazione, va ribadito, influisce solo sugli annunci e non disabilita la comparsa dei propri dati in altri prodotti Google proprio come l’immagine seguente.

G+

Così avete impedito a Google di utilizzare la vostra foto negli annunci pubblicitari.