HP reinventa il Computer: Ecco i PC del futuro tra memristori e fibre ottiche

https://i2.wp.com/static5.businessinsider.com/image/5398e737eab8ea664b5a85ea-634-361/hp-the-machine-motherboard.png?w=640

In un futuro non troppo lontano i PC cambieranno forma e non saranno costruiti come siamo abituati a pensare da 40 anni a questa parte. Non sentiremo più parlare di RAM, Hard Disk e transistor che saranno soppiantati da memristori e fibre ottiche. Circa 6 anni fa, nel 2008, alcuni ricercatori di HP hanno creato il primo memristore a stato solido.

Il memristore è sempre stata un’idea, fin dal lontano 1971 quandoun certo Leon Chua, dell’Università di Berkeley, lo ha teorizzato senza però divenire mai reale.  Proprio questi memristori saranno al centro della rivoluzione nel modo di costruire i PC del futuro. Il primo PC prodotto con memristori si chiamerà The Machine anche se la sua costruzione non sarà proprio veloce.

Infatti solo entro il 2016, HP prevede di avere moduli di memoria basati su memristori che combinano le prestazioni delle attuali DRAM con la densità di storage degli hard disk. Cioè avremo memorie piccole di dimensioni come RAM ma con una grande disponibilità di spazio negli ordine dei TeraByte.

Per costruire The Machine sarà necessario non solo riprogettare l’intero hardware da zero, poichè cambierà il modo di gestione dei segnali elettrici poichè verranno usati gli elettroni per l’elaborazione nei processori, gli ioni per la memoria nei memristori e i fotoni per lo scambio di dati grazie all’utilizzo di fibre ottiche.

Il nuovo sistema produttivo permetterà di elaborare molti più dati di un comune PC (circa 160 petabyte di dati in 250 nanosecondi) con una potenza di calcolo 6 volte superiore a quella attuale consumando però 80 volte meno. Tutto questo sarà necessario rivoluzionando il sistema che regge nei nostri PC eliminando il collo di bottiglia formato dalla gerarchia di memoria cache, RAM e hard disk.

Il memristore rappresenterà la vera rivoluzione, in quanto sono veloci come le RAM e conservano i dati anche senza alimentazione, come negli SSD.

Nel 2018, quindi tra 4 anni, HP ha in progetto di produrre il primo PC basato sui memristori.