Incredibile attacco Hacker DDoS negli Stati Uniti: Bloccati Amazon, Spotify, Twitter e molti altri

Cosa è successo il 21 ottobre 2016 nell’attacco hacker all’ISP che ha buttato giù Twitter, Amazon ed altri?

Ieri probabilmente si è visto il più grande attacco Hacker del mondo che ha colpito uno dei maggiori internet service provider, Dyn, che ha mandando giù centinaia di migliaia di siti web tra cui Amazon, Twitter, Spotify, Paypal, The New York Times, Reddit, Yelp, Box e Pinterest.

Dyn, tra le più grandi aziende al mondo ad offrire servizi DNS è stata sotto attacco DDoS che hanno messo in crisi anche la grandissima infrastruttura di Dyn che ha fatto registrare down paurosi di tantissimi siti internet in tutto il mondo, anche se in special modo negli Stati Uniti ma anche in Italia non era possibile accedere ad esempio a siti come Twitter, Paypal e Kijiji e molti altri.

https://i1.wp.com/image.prntscr.com/image/b9562ec05b5e473ba32b4fa2c67b152c.jpeg?w=640

Dyn ha prontamente riportato la situazione sotto controllo ed al mattino di oggi questa è la situazione che trovate in tutto il mondo mentre ieri c’era del rosso ovunque con impossibilità di connessione in quasi tutti gli Stati Uniti e Canada oltre che in molte nazioni d’Europa.

L’ennesimo attacco DDoS dimostra come l’infrastruttura di Internet sia molto precaria e se organizzato per bene, un attacco hacker potrebbe portare al blocco totale di molti siti di cui diversi istituzionali ed anche di colossi del mondo internet del calibro di Amazon e Twitter.

Infatti dalle 17 di ieri 21 ottobre 2016 fino alle 3 di notte del 22 ottobre 2016, ora Italiana, ancora molti siti avevano problemi tra cui Netflix, Twitter, Spotify, PayPal e Disqus (per questo i nostri commenti non funzionano).

https://i2.wp.com/image.prntscr.com/image/0b4e0ebc45b24d97b9152657727f9b08.jpeg?w=640

Al momento la situazione sembra tornata alla tranquillità e l’accesso ai siti web è garantito il in tutto il mondo ma non è detto che gli hacker ritornino all’attacco nei prossimi giorni.

VIAVia
SHARE
Previous articleEvento del giorno: nel 1934 accadde…
Next articleEcco le 10 auto più rubate in Italia
Sono Brindisino ma emigrato a Torino da più di 10 anni per Studio e poi per Lavoro. Amo la mia terra, la mia donna e tutto ciò che è TECNOLOGICO in particolare la Telefonia ed Android. Amo tutti gli Sport ma la Corsa è la mia valvola di sfogo dove stacco la spina da tutto tranne che dal mio Smartphone che mi segue anche durante gli Allenamenti. Il mio motto "1 o 0. Vivo o Morto"