Inizia l’offensiva Hacker per vendicare Charlie Hebdo: Piratato il primo sito web Jihadista

https://i1.wp.com/images.wired.it/wp-content/uploads/2015/01/1420990014_opcharliehebdo-600x335.jpg?resize=600%2C335

Inizia l’offensiva del gruppo hacker Anonymous che oggi ha bloccato il primo sito web jihadista dopo che nei giorni scorsi ha dichiarato guerra aperta online contro gli estremisti islamici per vendicare gli omicidi terroristici alla sede di Charlie Hebdo (10 morti), al negozio kosher (4 morti) ed alle forze di sicurezza francese (3 morti).

Il gruppo che ha rivendicato l’attacco tramite un Tweet dall’account @OpCharlieHebdo dichiarando di aver reso inaccessibile il sito web del terrorista francese ansar-alhaqq.net. Dunque inizia la vera rappresaglia online del gruppo di attivisti può famoso del web.

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=064QkrMATW8

Al momento non è molto chiaro come il sito sia stato bloccato ma quasi sicuramente Anonymous avrà usato la tecnica dell’attacco Distributed Denial of Service (DDoS) che sovraccarica il sito di dati vuoti rendendolo inaccessibile. Già qualche giorno fa, lo stesso gruppo, promise guerra alla Jihad, subito dopo il primo attentato di Parigi, presso il giornale satirico Charlie Hebdo e dunque dopo qualche giorni dall’annuncio ecco il primo attacco concreto che blocca uno dei siti che spalleggiano la Jihad. Anonymous ha già effettuato attacchi informatici su siti web appartenenti a governi, così come su quelli di organizzazioni aziendali e religiose ed anche in questa guerra il gruppo si è dimostrato favorevole nell’aiutare la libertà.