La tv di Cologno offre 1,2 miliardi di euro per Rai Way, ma dopo le smentite del governo, Mediaset continua!

Mediaset - Rai Way
Mediaset – Rai Way

E’ già da più di 2 settimane che la notizia si è diffusa ed ha già provocato innumerevoli polemiche anche sul piano politico.

Stiamo parlando dell’offerta pubblica (OPA) che Ei Towers (posseduta per il 40,01 % da Silvio Berlusconi) ha proposto a Rai Way, la società che gestisce le antenne e le torri di trasmissione dei canale Rai.

Mediaset perciò offre 1,2 miliardi di euro in parte in contanti e in parte in azioni. Subito si sono sollevate polemiche e il governo ha subito rifiutato l’offerta visto che è intenzionato a mantenere almeno il 51 % della società, in parole povere deve rimanere un’azienda pubblica.

Grandi notizie perciò in casa Berlusconi, infatti dopo l’assoluzione del caso Ruby dell’ex premier la vuole fare da padrone anche sul piano imprenditoriale. Nella mente di Berlusconi c’è anche la divisione di RCS Libri, a cui sono già stati offerti 150 milioni di euro da parte di Mondadori. Da RCS la risposta arriverà a breve, ma sembra molto probabile che accetti visto che la società, che edita il Corriere della Sera, è in forte crisi e registra forti indebitamenti.

Momenti d’oro perciò per l’ex premier visto che le sue società stanno anche correndo in borsa accumulando capitali su capitali. D’altro canto però Berlusconi ha difficoltà nella società calcistica AC Milan, cui Fininvest assicura di non voler vedere.

Resta poi la questione Mediolanum, infatti Berlusconi possiede anch’essa e pochi mesi fa BankItalia conferma che essa dovrà essere venduta, intanto però il Cav sta cercando di fare acquisti su acquisti!

Vi ricordiamo infine che Mediaset si è anche assicurata l’esclusiva dei diritti per trasmettere il triennio di Champions League per un modico prezzo di 700 milioni di euro, un nulla se conosceste tutte le società possedute dalla famiglia Berlusconi, dalla Dolcedrago (società che gestisce il vastissimo patrimonio immobiliare, anche la casa alle Bermuda) fino all’Alba Servizi (società che gestisce il vastissimo garage di aereomobili).

Che dire chi l’avrebbe mai detto che un piccolo imprenditore di Milano, sarebbe riuscito ad arricchirsi e gestire così tante società. Che ne dite?