Facebook tiene traccia di tutto quello che digitate, indipendentemente dal fatto che lo pubblichiate o meno

Vi riporto una notizia davvero curiosa e, al tempo stesso, preoccupante: Facebook tiene traccia di tutto quello che scrivete sul social network, anche se non lo pubblicate.

Si, è proprio vero: Facebook registra tutto quello che scrivete, anche se non lo pubblicate.

In sostanza, grazie alle nuove tecnologie recentemente introdotte, Facebook riesce ora a memorizzare sui propri server qualsiasi informazione l’utente digiti nei campi di testo (dal commento all’aggiornamento di stato), a prescinedere che essi vengano pubblicati o meno. 

State bene attenti a quello che scrivete su Facebook, dunque, perchè il social network in blu registra tutto quello che scrivete, anche se non lo pubblicate!

Ma a cosa serve questa forma di “spionaggio”, direte voi? Molto semplice: così come fanno Google ed altre aziende, Facebook registra tutti i dati inseriti dagli utenti per fare analisi di mercato e per conoscere meglio i propri utenti. In questo modo raccoglie informazioni, scopre nuovi dettagli sugli abitudini degli utenti e riesce a migliorarsi e perfezionarsi continuamente, il tutto a scapito della nostra privacy.

Anzi, a dire il vero Google e altri servizi come WordPress registrano i tasti che digitiamo nei vari campi anche per un altro scopo: se il browser si bloccasse, infatti, grazie alla registrazione dei tasti digitati, avremmo la possibilità di recuperare l’operazione che stavamo facendo. Ma tutto questo non ha niente a che fare con Facebook, che, con questa nuova funzione, vuole solo spiare i propri utenti, cioè noi!

Non pensiate che sia un rumor infondato, perchè la notizia è confermata direttamente dal PDF informativo di Facebook, che spiega anche che la pratica di non pubblicare un aggiornamento potrebbe essere dannosa in termini di comunicazione e scambio delle informazioni. Ecco la “copertura ufficiale” usata dal social network per giustificare questo nuovo abuso nei confronti della privacy dei suoi utenti.

Ecco cosa riporta un portavoce di Facebook in merito a questa vicenda:

Ora riusciamo a comprendere meglio come e quando l’auto-censura si manifesta sui social media; il prossimo passo è quello di capire cosa e perché.

Insomma, ancora una novità negativa per Facebook, che ormai ci spia, ci segue e ci controlla in tutto quello che facciamo e (da oggi) non facciamo all’interno del social network. 

Ma non sarebbe tutto migliore e più semplice se passassimo tutti a Google+?

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!