Oggi 3 dicembre è il ventesimo compleanno dell’SMS

Forse non tutti lo sanno, ma oggi è il compleanno dell’SMS, che compie 20 anni!

Era il 3 dicembre 1992 quando Neil Papworth, ingegnere del reparto tecnico di Vodafone UK, inviò il primo breve messaggio di testo della storia.

Si trattava di auguri natalizi, spediti dal proprio computer al telefono cellulare del direttore del gruppo Richard Jarvis, che possedeva un Orbitel 901. Da quel momento il mondo della comunicazione è profondamente mutato, fino ad andare quasi in pensione grazie ai tanti servizi di messaggistica oggi disponibili.

Come abbiamo visto, infatti, nel corso degli ultimi mesi gli SMS stanno subendo la concorrenza degli “instant messenger”, che sfruttano la rete internet per consentire agli utenti di comunicare in tempo reale a basso costo attraverso applicazioni come WhatsApp, Viber, Skype ed altri ancora. 

Anche se il suo primato è minato dalla diffusione di queste applicazioni alternative, l’SMS snocciola ancora numeri molto interessanti: secondo alcune stime infatti nel corso del 2012 sono stati inviati a livello globale 48 miliardi di messaggi, mentre nel 2011 gli SMS scambiati sono stati la bellezza di 89 miliardi.

Nel prossimo futuro la maggiore diffusione di servizi simili e alternativi potrebbe determinare un calo dei guadagni per i gestori di telefonia mobile di ben 54 miliardi di dollari, ma per ora l’SMS tiene ancora “botta” e fa entrare nelle casse degli operatori telefonici valanghe di soldi. Come sappiamo, infatti, noi paghiamo un SMS dai 10 ai 15 centesimi, ma agli operatori questi messaggi costano meno di 1 centesimo. Fate voi i calcoli per capire quanto possono guadagnare le compagnie telefoniche su un singolo SMS, pensate su milioni di messaggi inviati ogni giorno!

L’SMS comunque resta un’invenzione importantissima e cruciale che ha contribuito in modo determinante a migliorare la comunicazione fra gli individui, in alcuni casi riuscendo anche a salvare vite umane grazie alla tempestività con cui vengono consegnati.

Voi usate ancora gli SMS? O li avete abbandonati definitivamente per passare a WhatsApp e simili?

Io li uso ancora, soprattutto per comunicare con tutti gli amici che non hanno un piano dati sul proprio telefono e che quindi non possono usare WhatsApp, eBuddy e tutti gli altri software simili.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!