In quest’articolo: Una ricerca condotta a Taiwan su 11.000 studenti prevede un’intera generazione di miopi tra 30 anni…Ecco i dettagli

Men photographing with mobile phone

Miopia: Sembra un fatto molto allarmante quello della diffusione di una ricerca condotta a Taiwan su 11.000 studenti, dei quali ben l’80% è risultato affetto da miopia. Un trend in crescita dicono gli esperti, tra cui Antonio Scialdone, direttore dell’ospedale oftalmico Fatebenefratelli, afferma: “Fra trent’anni avremo una generazione di miopi?”

La causa? La principale è l’intenso uso di Smartphone e TV “I giovani – spiega Scialdone – avvicinano troppo a lungo gli occhi a questi schermi. Questo comporta un continuo sforzo di messa a fuoco, un prolungato accomodamento della vista a vedere da vicino”

Quindi meglio preferire schermi molto grandi che tra le altre cose ci invogliano ad “accomodarci” molto più lontano davanti alla così definita “scatola luminosa”. Ma non finisce qui poiché un secondo problema è la luce blu diffusa da alcune tv e da smartphone e tablet che penetra fino alla retina, dove provoca sfocatura e riduzione del contrasto.

E Allora come Proteggersi?



  1.  Sbattere le palpebre: Quando stiamo al computer o leggiamo su un tablet, sbattiamo gli occhi da 2 a 3 volte meno del solito. E questo alla lunga può portare alla sindrome dell’occhio secco e a danni permanenti alla vista. Ricordati di inumidire gli occhi sbattendo le palpebre;
  2. La regola del 20-20-20: Ogni 20 minuti guarda a 20 metri di distanza per 20 secondi, per aiutare gli occhi a cambiare la messa a fuoco;
  3. Controlla gli occhi ogni anno: Spiega all’oculista che fai un grande uso di dispositivi palmari. Ti potrà aiutare a evitare problemi o a trovare soluzioni;
  4. Poni TV, Smartphone eTablet più lontano possibile: E’ l’unico modo per limitare l’impatto di tablet e altri dispositivi elettronici sulla tua salute degli occhi;
  5. Luoghi sempre ben illuminati: Assicurati di essere in una stanza ben illuminata, o all’esterno. L’affaticamento degli occhi è spesso causato dalla mancanza di luce.