Google Chrome consuma troppa batteria nei portatili, ecco il perché! Il browser internet di Google consuma troppa batteria sul PC portatile Windows

Come probabilmente avrete letto in giro per il web, tantissimi utenti si lamentano perchè il browser internet Google Chrome, il più diffuso e utilizzato al mondo, consuma troppa batteria sui computer portatili. Io, sinceramente, non l’ho mai notato, ma solo perchè da anni uso solo questo browser internet e non ho mai fatto un confronto con altri browser. Chi però utilizza tanti browser internet afferma che con Google Chrome la batteria del portatile duri molto meno.

Ma come mai con Google Chrome la batteria si consuma così in fretta? Perchè Google Chrome consuma così tanta batteria sui PC portatili? Ecco spiegato il motivo!

Se anche voi avete notato un consumo anomalo della batteria con il browser internet Google Chrome sul vostro PC portatile, laptop o netbook, non ve lo siete sognato, ma è tutto vero. Il problema del consumo eccessivo di batteria di Google Chrome sui PC portatili è un problema noto e legato al fatto che nel famoso software di navigazione Google Chrome c’è un bug che lo porta a usare molta più energia di Mozilla Firefox o addirittura del tanto amato Internet Explorer.

Di cosa si tratta nello specifico?

Essenzialmente si tratta di un conto alla rovescia. Ma vediamolo nel dettaglio. Forse non lo sapete, ma tutte le applicazioni hanno un timeout che stabilisce ogni quanto (in millisecondo) il programma deve interfacciarsi con la CPU per passarle informazioni e dati. Più basso è il numero, più alta è la frequenza di richieste e più alto è il consumo di batteria.

Il timeout di Google Chrome, è impostato di default a 1000ms. Uno sproposito se paragonato a Mozilla o Internet Explorer, i cui valori sono invece 15,25ms. Ecco spiegato il motivo del consumo eccessivo di batteria causato da Google Chrome.

In soldoni, dunque, Google Chrome sveglia la CPU 1000 volte in un secondo, mentre gli altri due browser, solo 64 volte in 1 secondo. Ecco perchè la batteria si consuma così in fretta sul vostro portatile!

La buona notizia è che questo inconveniente non colpisce gli utenti del mondo Mac OS X: questo perché le applicazioni di quel sistema non hanno lo stesso sistema di conto alla rovescia per informare la CPU sui cambiamenti effettuati. Per gli utenti Windows invece, il consiglio è quello di utilizzare, almeno per ora, un altro programma scegliendo tra Mozilla Firefox o Internet Explorer, almeno finché non verrà risolto questo “problema” di Google Chrome.

Stando ai primi studi, questo inconveniente di Google Chrome può ridurre l’autonomia del 25% in più rispetto agli altri browser, quindi su un’autonomia media di 10 ore di un PC portatile moderno, con Chrome rischiate di perderne più di 2.

Come ho detto, però, ho sempre e solo usato Google Chrome e non ho nessuna intenzione di cambiare browser internet, quindi non ho mai confrontato l’autonomia del mio PC portatile con Google Chrome o con altri browser internet.

Voi vi siete mai accorti di questo problema? Come avete risolto? Avete cambiato browser?

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • Nicola Pretto

    firefox tutta la vita!

  • c3k

    mah forse sarà il caso di rivedere i dati che hai scritto…

    il timeout è un intervallo, quindi maggiore è, meno volte viene contattata la cpu, un timeout di 1000 ms, vuol dire che la cpu viene contatta 1 volta al secondo non 1000 volte in un secondo!

    poi il succo della notizia è vero, perchè gli altri programmi girano con un intervallo di default di 15625 ms (15,25 ms come avete scritto sarebbe una follia)

    precisato questo, pare con questo programma si possa arginare la cosa: https://www.luculentsystems.com/techblog/how-to-fix-chrome-battery-life-problem/