Ora è ufficiale a tutti gli effetti. Il canone RAI per l’anno 2016 che è stato deciso che venga addebitato direttamente nella bolletta dell’elettricità è realtà. Infatti dopo aver varato negli scorsi mesi la nuova modalità di pagamento “obbligatoria” del canone RAI il costo di 100 euro annui, non più 113,50 come nel 2015, del canone RAI verranno pagati nelle rate mensile direttamente nella bolletta dell’elettricità del nostro gestore.

Siccome non si è trovato l’accordo in Gennaio 2016, era stato accordato che la prima mega rata, da ben 70 euro, doveva essere addebitata nella bolletta di Luglio 2016 e che includeva tutti i primi 7 mesi dell’anno.

Oggi ho ricevuto la mia bolletta elettrica e di seguito ecco le voci che confermano l’inclusione dei 70 euro del Canone RAI.

https://i2.wp.com/image.prntscr.com/image/e902b43027ca4376b11312a63ceb9da5.png?w=640

Come potete ben vedere i 70 euro sono riferiti da gennaio 2016 a Luglio 2016, VF vuol dire che è esente dalle tasse, e che quindi si va a sommare al totale della bolletta. Dal 2017 invece il canone RAI dovrebbe diminuire a 90 euro e sarà sempre incluso nelle bollette bimestrali con rate da circa 20 euro l’una.

Con questo stratagemma ci saranno oltre il 33% di entrate in più rispetto al 2015 fino ad arrivare al 50% nel 2018. Dunque una diminuzione del canone RAI per chi lo pagava ma una tassa obbligatoria per chi non ha la TV o prima non lo pagava, pensiamo alle case vacanze, case sfitte ma con l’allaccio alla corrente elettrica e molto altro.

E’ possibile chiedere l’esenzione dal pagamento del canone RAI solo dopo aver ricevuto il primo addebito. Di seguito come fare.

Come non pagare il Canone RAI

Nella legge si menziona che “il gestore del servizio di fornitura di energia elettrica non opera come responsabile di imposta ed è tenuto ad informare con cadenza bimestrale l’Agenzia delle Entrate al fine dell’attivazione delle procedure di recupero.”

Il canone verrà messo nella prima bolletta e solo dopo potremo chiedere l’esenzione dal pagamento dimostrando o di non possedere nessuna TV, eccezione per gli over 75 che non pagheranno nulla, oppure dimostrare di pagarlo già nella prima casa ove sia presente una seconda casa e dunque non siamo tenuti a pagarlo.

Come fare disdetta del Canone RAI

Per fare disdetta del canone RAI dobbiamo scrivere all’Agenzia delle Entrate, scrivendo un’autocertificazione in cui si dichiara di non possedere alcun apparecchio per la ricezione.

Modulo disdetta Canone RAI

L’esenzione del canone RAI potete ottenerla compilando il modulo online o tramite raccomandata A/R come descritto nel nostro articolo.

Indirizzo disdetta Canone RAI raccomandata

Inviare una raccomandata A/R che dovete spedirla con allegata la fotocopia del documento di identità alla casella postale Agenzia delle Entrate – Ufficio di Torino 1 – S.A.T Sportello Abbonamenti tv – Casella Postale 22 – Cap 10121 – Torino. Mentre per quella online dovete registrarvi al sito dell’Agenzia delle Entrate per ottenere le credenziali delle piattaforme Fisconline o Entratel.