Una capacità 1000 volte superiore all’attuale standard (rilevato al 2010). L’unione Europea lavora ad accelerare lo sviluppo del 5G, le reti mobili di 5° Generazione!

Tv, filtro contro i disturbi da rete 4G Gratis solo se hai pagato il canone

Correva l’anno 2006 quando fu annunciato il lancio in Giappone delle reti di terza generazione 3G! Uno standard completamente innovativo, in grado di inviare e ricevere chiamate e videochiamate e di navigare ad alta velocità!

Sono passati tanti anni ma il 3G non li sente neanche poichè si è evoluto così tanto nel tempo che da una velocità irrisoria (almeno oggi) di 384 kbit/s siamo arrivati all’attuale velocità dell’HSDPA+ di 42 Mbps raggiungendo con il 4G o LTE i 326 Mbps e addirittura i 3,3 Gbps con LTE Advanced!

Screen Shot 2013-12-23 at 12.04.08

 



Ma non è tutto qui poichè la Commissione Europea ha ufficialmente dato vita alla 5GPPP – 5G Public-Private Partnership Association – con lo scopo di accelerare il lavoro attorno allo sviluppo delle reti cellulari di quinta generazione per la messa in opera dal 2020 in poi.

In precedenza nel corso dell’anno il precursore del nuovo gruppo 5GPPP ha pubblicato una prima bozza di definizione delle reti 5G. Alla bozza hanno lavorato un gruppo di 24 realtà tra carrier, produttori di sistemi e gruppi di ricerca. Alcatel-Lucent, Ericsson, France Telecom, Huawei, Intel, Nokia Solutions and Networks e Telecom Italia sono tra questi. Nella bozza si legge:

“In dieci anni le telecomunicazioni e l’IT saranno integrati in una infrastruttura comune basata in maniera preponderante su hardware programmabile e general-purpose, che metterà a disposizione risorse per il trasporto, il routing, lo storage e l’esecuzione. Gli apparati di rete diventeranno apparati “computing equivalent” che raccolgono risorse programmabili basate su tecnologie di virtualizzazione. Queste reti integreranno risorse di storage e di computazione in un’infrastruttura convergente per orcestrare l’erogazione di servizi IT e di rete”.

La bozza delinea reti 5G in grado di mettere a disposizione una capacità 1000 volte superiore a quella delle reti del 2010 (il riferimento è presumibilmente alle reti 3G) con un consumo energetico del 10% per servizo di rete.

Un’ottimo passo per lo sviluppo delle reti mobili da parte dell’europa, ma una rete 1000 volte più capiente consentirà di avere quella tanto attesa tariffa FLAT anche in mobilità?

Ovviamente si deve tenere conto dell’aumento degli utenti connessi e nell’avanzamento tecnologico dei servizi internet, il che si richiede molta più banda.

Forse un progresso tecnologico potrebbe fa abbassare i costi di installazione delle reti e consentire ai carrier telefonici di aumentare la copertura raggiungendo anche le zone non coperte con reti in grado di offrire accesso ad internet ad alta velocità.

Ovviamente si spera che in un futuro non troppo remoto si abbiano reti ad alta velocità e soprattutto senza limiti di banda!

Restate connessi su YourLifeUpdated!

Alla prossima!