In quest’articolo: Domani un’asteroide sfiorerà il nostro pianeta…Vediamone i Dettagli

20150118_c1_asteroide2

 

[dropcap]T[/dropcap]erra: Sembra quasi un’allerta a qualcosa di pericoloso ma non lo è…almeno in queste circostanze. Si tratta di un grosso asteroide che domani sfiorerà il nostro bel pianeta alle 17,49 (ora italiana), appuntamento ben segnato da tutti gli astronomi del mondo (almeno quelli che si trovano in posizioni utili) che non sprecheranno l’occasione di analizzarlo attentamente.

L’asteroide è designato con la sigla 2004 BL86: gli astronomi hanno calcolato che ha una dimensione di circa 500 metri; è stato scoperto il 30 gennaio 2004 da un telescopio del centro statunitense di osservazione asteroidi LINEAR a White Sands, nel New Mexico. Il sorvolo rappresenterà il maggiore avvicinamento di un corpo celeste conosciuto, fino all’asteroide 1999 AN10 che transiterà vicino alla Terra nel 2027.

“E’ un passaggio relativamente vicino per un asteroide di queste dimensioni, e quindi ci fornisce un’opportunità unica di osservarlo e scoprire qualcosa di più su di esso” – ha detto a “NASA Space.com” Don Yeomans, che è stato responsabile del Near Earth Object Program Office della NASA presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California”.



Nessun pericolo per gli abitanti del pianeta poiché nessun contatto è previsto, infatti 2004 BL86 transiterà a una distanza minima pari a tre volte quella tra la Terra e la Luna (quindi 1,2 milioni di chilometri).

L’asteroide dovrebbe essere osservabile anche per gli astrofili dotati di piccoli telescopi: “Potrei prendere il mio binocolo preferito e darci un occhio” – ha detto Yeomans – “Gli asteroidi sono qualcosa di speciale. Non solo hanno fornito alla Terra i mattoni della vita e gran parte della sua acqua, ma in futuro, diventeranno risorse preziose per i minerali di cui sono composti e altre risorse naturali vitali”.

Al momento del massimo avvicinamento l’asteroide non sarà osservabile dalle nostre latitudini, ma sarà possibile seguirlo nelle ore immediatamente successive. Dopo aver attraversato le costellazioni dell’Idra e del Cancro, l’asteroide, la notte successiva, il 27/01, si dirigerà verso l’Orsa Maggiore, alto nel cielo e con una magnitudine presumibilmente di 8.8/9.0 , quindi ben visibile con un binocolo o un piccolo cannocchiale.