Gli smartphone del futuro sono destinati a diventare ancora più grandi ed ingombranti per via delle nuove tecnologie

In questi ultimi anni abbiamo assistito a una rapida evoluzione di smartphone e tablet. 

phablet-montage

Solo qualche anno fa i nostri telefoni cellulari erano piccoli e compatti, estremamente leggeri e comodi tra trasportare, da impugnare e da tenere in tasca. 

Ultimamente, invece, sembra che le aziende si stiano sfidando a “chi ce l’ha più grosso”. Basta guardare l’aumento dimensionale del display del Galaxy S di Samsung o dell’iPhone di Apple per capire che la direzione è una sola: le aziende stanno progressivamente aumentando le dimensioni dei propri smartphone.

Se andremo avanti di questo passo, tra qualche anno ci ritroveremo a chiamare con un tablet da 10 pollici 🙂

Scherzi a parte, sembra proprio che, più che una semplice tendenza, questa dell’aumento dimensionale degli smartphone sia una scelta forzata da parte delle aziende. Da cosa dipende? Cerchiamo di capirlo insieme.

Tralasciando le dimensioni del display, infatti, l’altra causa dell’aumento dimensionale dei nostri smartphone potrebbe essere legata alle tecnologie di rete wireless. 

Vediamo nel dettaglio il tutto.

Le nuove tecnologie di rete wireless potrebbero aver bisogno di più antenne per poter garantire la bandwidth teorica massima. Questo porterebbe al bisogno di avere più spazio all’interno del dispositivo per poter inserire tutto l’hardware necessario al suo corretto funzionamento.

Le nuove tecnologie LTE-Advanced potrebbero infatti obbligare tutti i produttori di smartphone ad aumentare le dimensioni dei propri dispositivi.

Ricordiamo velocemente che la connessione LTE rappresenta l’evoluzione del 3G e permette quindi di scaricare dati da internet ad una velocità di oltre 100Mbps. Questa tecnologia, però, per funzionare correttamente ha bisogno di due antenne separate, che richiedono di conseguenza uno spazio maggiore all’interno dello smartphone, che, di conseguenza, deve essere più grosso.

LTE-Advanced si basa su tecnologie radio MIMO (multiple-input, multiple-output), proprio come alcuni fra i router e le schede di rete già presenti in commercio. Come abbiamo detto, questa tecnologia ha bisogno di una maggiore potenza computazionale, di un numero maggiore di antenne e, di conseguenza, di una capacità energetica superiore rispetto alle batterie standard da 1500/2000mAh del momento.

Tutto questo si potrebbe tradurre in smartphone più grossi e ingombranti.

Sicuramente tra qualche tempo anche i componenti delle antenne LTE saranno rivisti, aggiornati, corretti e rimpiccioliti, quindi non vi preoccupate: presto tutti gli smartphone, anche quelli più compatti, saranno dotati di connettività LTE.

Speriamo solo che prima o poi la corsa a chi ha il display più grosso si fermi: Samsung è passata dai 4 pollici del Galaxy S ai 5 del Galaxy S 4, passando per i 5.5 pollici del Galaxy Note 2. Di questo passo, il Galaxy S 6 0 7 saranno dei veri e propri televisori tascabili 🙂

Vedremo cosa ci aspetterà nel futuro prossimo, sperando di poter toccare con mano le prime novità già durante il MWC 2013 di Barcellona.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • Tristania

    Saranno sempre più grandi i display?! Veramente
    Samsung sta tesrando i display flessibili, ripiegabili e.. quindi meno ingombranti. Grandi magari sì ma anche ultra portabili.

    • yourlifeupdated

      Lo spero vivamente 🙂