Telecom taglia 1700 posti di lavoro. Telecom Italia annuncia 1.700 esuberi

Telecom Italia annuncia 1.700 esuberi a seguito della razionalizzazione dei call center e blocca l’assunzione di 4.000 giovani

id449250_1

Telecom Italia annuncia 1.700 esuberi

Pessime notizie per l’Italia e in particolare per i dipendenti di Telecom Italia. L’azienda, infatti, nel corso dell’incontro al ministero per lo Sviluppo Economico con i sindacati, ha annunciato ben 1700 esuberi, suddivisi secondo il CorCom tra marketing, risorse umane e direzione generale.

Alla presentazione del piano industriale, lo scorso febbraio, aveva espresso l’intenzione di assumere 4 mila persone nel giro di un quadriennio, mentre ora Telecom Italia si ritrova con 1700 esuberi.

A quanto pare, però, a subire questo colpo saranno soprattutto coloro che lavorano nei call center, nello specifico i 1254 addetti al servizio informazioni, almeno secondo le informazioni ancora trapelate fino ad oggi.

E’ vero, già a febbraio Telecom Italia aveva espresso il desiderio di avviare lo spin off dei call center, ma ora sembra che l’azienda sia pronta per compiere il grande passo, chiudendo alcune sedi e creando una società separata che si occuperà dei servizi di assistenza alla clientela, che dovrebbe diventare già operativa entro l’estate.

Quanto agli esuberi, 1200 sono previsti tra il personale di staff, 150 nell’ex servizio ’12’, 200 nell’informatica, 150 in attività legate alla divisione Open access, denominate cross activity.

I sindacati, ovviamente, promettono barricate e parlano di un ‘piano inaccettabile’. La Cgil è decisamente contraria anche alla creazione di Tim Caring dove andranno i lavoratori dei call center: «Se non toglie di mezzo questa ipotesi ci sarà uno scontro duro». Anche la Uilcom, tramite il segretario Michele Ugliarolo, ha espresso la sua «totale contrarietà alla societarizzazione del caring» sostenendo «l’importanza del mantenimento del perimetro aziendale» mentre ha dato la sua disponibilità «ad aprire un confronto» sulla «gestione degli esuberi» attraverso gli «strumenti normativi in vigore» e tendendo ben presente la «tutela dei lavoratori interessati».

Vedremo come evolverà la situazione. Il prossimo appuntamento, sempre al ministero dello Sviluppo, è stato fissato per il 29 luglio.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!