Anche Vodafone multata per attivazione di servizi non richiesti. Vodafone: multa di 1 milione di euro per Vodafone Exclusive

L’AGCM sanziona Vodafone con un milione di Euro di multa

Come-contattare-assistenza-Vodafone-696x435

Dopo TIM, anche Vodafone viene multata per Vodafone Exclusive

Ufficiale: Vodafone dovrà pagare una multa di 1 milione di euro per il servizio accessorio aggiuntivo non richiesto “Vodafone Exclusive”. Secondo l’Antitrust (AGCM) tale offerta “ha comportato un pagamento supplementare rispetto alla remunerazione concordata, in violazione del Codice del Consumo”. E come dar torto all’AGCM?

Dopo un’attenta analisi del caso, scoppiato dopo le innumerevoli lamentele dei clienti, l‘AGCM ha sanzionato Vodafone Italia per il servizio Vodafone Exclusive, che chiaramente viola il Codice del Consumo ed ha comportato un pagamento supplementare rispetto alla remunerazione concordata.

Vi ricordate di Vodafone Exclusive? Se la risposta è no, vi rinfreschiamo al memoria.

Vodafone Exclusive prevede la possibilità di navigare su rete 4G, condividere il proprio monte traffico dati mensile con PC e tablet e disporre di un servizio clienti dedicato per parlare con un operatore. Oltre a a 2 biglietti per il cinema a settimana al prezzo di uno.

Questo servizio, potenzialmente interessante, costa la bellezza di 1,90€ al mese e viene attivato automaticamente: gli utenti non interessati sono costretti a disattivarlo, altrimenti i soldi vengono scalati in automatico.

Il Garante, dopo aver analizzato il caso, ha ritenuto che il consumatore non sia stato messo nella condizione “di rendersi conto che Vodafone Exclusive era stato effettivamente attivato sui propri apparati mobili e che gli importi mensili relativi a questo servizio venivano prelevati sistematicamente dal credito residuo dei clienti”.

Si tratterebbe, sempre secondo l’Antitrust, di una violazione dell’articolo 65 del Codice del Consumo, con riferimento ai clienti che hanno sottoscritto un contratto dopo il 13 giugno 2014, sanzionandola e vietandone la continuazione.

“L’Autorità ha anche imposto a Vodafone di pubblicare per trenta giorni consecutivi sulla home page del proprio sito web un estratto del provvedimento dell’Autorità, predisponendo un’icona denominata ‘Comunicazione a tutela dei consumatori’, conclude la nota ufficiale.

Come anticipato ad inizio articolo, comunque, dobbiamo ricordare che recentemente anche TIM è stata sanzionata, sempre dall’AGCM, più o meno per lo stesso motivo dopo aver attivato TIM Prime ai propri clienti senza chiedere loro il preventivo consenso.

Nel frattempo, comunque, Vodafone fa sapere nella sua nota stampa di risposta “che prende atto della decisione”, ma sostiene di aver operato con trasparenza e flessibilità verso i propri clienti “a cui ha garantito il diritto di recesso e la possibilità di mantenere le precedenti condizioni di offerta, e continuerà a far valere le proprie ragioni nelle sedi opportune”.

Via: Mondo3

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!