In quest’articolo: Emergono nuovi dettagli circa il volo AirAsia precipitato lo scorso 28 dicembre…Ecco la dinamica dell’incidente

n_68013808189b7b74c0b7ae213315b5b6

[dropcap]A[/dropcap]irAsia: Correva lo scorso 28 dicembre quando il volo QZ8501 aveva lasciato l’aeroporto internazionale Juanda di Surabaya, sull’isola indonesiana di Giava, alle 5:20 ora locale (le 23:20 in Italia) e doveva atterrare all’aeroporto Changi di Singapore alle 8:30 locali (le 2:30 italiane).

L’aereo era partito da Surabaya (Indonesia) con 162 persone a bordo, con destinazione Singapore. A parte sette persone di diversa nazionalità, tutti i passeggeri e membri dell’equipaggio erano indonesiani.

Il volo precipitò poco dopo la partenza perché il pilota aveva guadagnato quota troppo in fretta, ad un’inclinazione abnorme che era stata rilevata dai radar prima che vi scomparisse. Lo ha rivelato il ministro dei trasporti dell’Indonesia.

L’Airbus A320, ha detto il ministro Ignasius Johan riferendo al parlamento di Giakarta, subito prima di scomparire stava salendo di 6.000 piedi (circa 2.000 metri) al minuto. “Non è normale salire di quota in quel modo per un aereo commerciale, che normalmente guadagna 1.000-2.000 piedi per minuto”, ha dichiarato Johan, spiegando che “solo un caccia militare lo può fare”. Il volo AirAsia 8501 poi, persa portanza e andato in stallo, è precipitato.



Nell’ultima comunicazione con i controllori di volo il pilota aveva chiesto di salire da 32.000 a 38.000 piedi di quota per evitare delle minacciose formazioni di nuvole cumuliformi. Il permesso è stato negato per via del traffico. L’aereo ha cominciato a salire lo stesso, ma ad un’angolazione troppo accentuata, ed è scomparso 4 minuti più tardi.