Pirateria, Voltage Pictures inizia a chiedere soldi ai pirati europei di Dallas Buyers Club

BRITAIN-ENTERTAINMENT-CINEMA-DALLAS BUYERS CLUB

Non è uno scherzo, è tutto vero: Voltage Pictures chiede 250$ a chi ha scaricato illegalmente il film Dallas Buyers Club.

Davanti al rischio di finire in tribunale per il download illegale di un film, gli utenti danesi hanno già cominciato a pagare 250$ per chiudere il problema. E’ tutto vero, scopriamo la vicenda nel dettaglio.

Dallas Buyers Club è un film arrivato al cinema negli USA e in altri Paesi Europei non troppo tempo fa. Si tratta di una pellicola che ha fatto vincere un Oscar a Matthew McConaughey e Jared Leto: abbiamo dunque a che fare con una pellicola di spessore, non il solito filmetto cinepanettone natalizio.

Molti utenti, però, anzichè andare al cinema a vedere il film, hanno preferito scaricarlo illegalmente per guardarlo comodamente in casa, sul tablet o sul PC, risparmiando i soldi del biglietto. Tutti questi pirati hanno dunque scaricato il film Dallas Buyers Club tramite la rete Torrent, certi di essere irrintracciabili, protetti e anonimi. Le cose, però, sono andate diversamente.

L’azienda che ha prodotto il film, la Voltage Pictures, ha infatti rintracciato (non so in che modo) tutti gli utenti che hanno scaricato illegalmente il film via torrent e li ha contattati uno per uno, chiedendo 250$ a testa come risarcimento. Se gli utenti si rifiutano di pagare, si procede con la causa legale, che sicuramente cosa molto di più dei 250$ richiesti dall’azienda.

Appare evidente che l’azienda è davvero agguerrita e ha incaricato il suo studio legale di contattare i vari utenti che hanno scaricato il film illegalmente e chiedere dei soldi a titolo di risarcimento. Come detto, se l’utente si rifiuta di pagare, si procede con la causa.

Come è ovvio che sia, gli utenti in molti preferiscono pagare. Visti i buoni risultati della “campagna negli USA”, Ora Voltage Pictures ha deciso di uscire dai confini degli Stati Uniti e ha cominciato a prendere di mira gli utenti europei, in Danimarca per la precisione.

In Danimarca, infatti, l’azienda si sarebbe affidata allo studio legale Maqs, che avrebbe già iniziato a inviare le lettere agli utenti. La lettera è indirizzata all’intestatario della linea telefonica: alcuni utenti hanno riconosciuto l’errore, hanno pagato e imparato la lezione, ma ovviamente c’è anche chi ha provato a far finta di nulla, dichiarando di aver una rete WiFi aperta che potrebbe esser stata usata da altre persone, o anche chi ha sostenuto di non essere in possesso di un computer.

In ogni caso, se il pagamento non avviene entro 15 giorni dal ricevimento della lettera, si procede per vie legali.

In tutto questo, ovviamente, non è escluso che Voltage Pictures decida di proseguire anche in altri Paesi: se lo avete scaricato illegalmente da internet, presto potreste ricevere una lettera da quest’azienda che vi chiede 250$ di risarcimento.

Ok, l’azienda ha tutte le sue buone ragioni, ma quanto è legale questa procedura? Penso che si tratti di una pesante violazione della privacy degli utenti e sono abbastanza certo che l’azienda non possa procedere in questo modo. Sta rispondendo con l’illegalità ad una pratica illegale fatta dagli utenti. 

Voi cosa ne pensate?

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!