In quest’articolo: Proposta di Legge molto Ambiziosa per quanto riguarda l’Italia, infatti presto potrebbe arrivare l’obbligo per commercianti ed enti pubblici di dotare gli edifici di connessione internet WiFi…..Vediamo i dettagli

wifi-zone

[dropcap]F[/dropcap]ree WiFi: Proposta di Legge molto ambiziosa per le nostre parti, infatti promossa da Sergio Boccadutri(PD) e cofermata da Enza Bruno Bossio, Ernesto Carbone, Alberto Losacco e Gennaro Migliore prevede l’obbligo per tutti i commercianti ed enti pubblici di munire gli edifici di connessione WiFi gratuita per il cittadino.

Il problema rimane nelle infrastrutture, poiché ne siamo tutti a conoscenza di quanto sature siano le reti italiane. Infatti in pochi raggiungono la velocità nominale del loro abbonamento ed in molti si lamentano delle scarse prestazioni.

La proposta “Disposizioni per la diffusione dell’acceso alla rete internet mediante connessione senza fili” (A.C. 2528 – XVII Legislatura) è stata sottoscritta al momento da altri 106 parlamentari.

“L’iniziativa parlamentare che abbiamo lanciato deve trasformarsi in un acceleratore del nostro modo di vedere la modernizzazione digitale del Paese – ha evidenziato l’on. Ernesto Carbone, della segreteria del PD con delega PA, innovazione e Made in Italy – La diffusione del Wi-Fi con le modalità che proponiamo potrà assicurare un grande impulso allo sviluppo dell’economia digitale di cui abbiamo bisogno nel turismo, nell’istruzione e in tutti quei settori legati alla digitalizzazione del Paese. È una proposta forte, che coinvolgerà prevedibilmente centinaia di migliaia di esercizi commerciali e milioni di cittadini e consumatori, ma senza una scossa non usciremo mai dallo stallo attuale che ci penalizza e ci pone in coda all’Europa”.



Ogni commerciante con almeno due impiegati e superficie superiore ai 100mq, taxy, autobus ed enti pubblici dovranno munirsi di connessione internet WiFi gratuita per consentire al cittadino di essere connesso anche fuori casa gratuitamente.

“Se riusciremo a far approvare in tempi ragionevolmente stretti la proposta di legge sul Wi-Fi – ha commentato l’onorevole del Pd Enza Bruno Bossio – faremo una vera rivoluzione digitale che porterà l’Italia ad essere il paese più connesso al mondo. Un risultato che salterebbe a piè pari le annose considerazioni sul mancato superamento del digital divide e potrebbe rappresentare anche un modello per gli altri Paesi”.

Tutto sommato una minima forma di autenticazione non guasterebbe se non per altro almeno per evitare che chi riceve un buon segnale WiFi nella propria abitazione da un’attività commerciale nelle vicinanze o ente pubblico usi tale connessione per il download di grosse quantità di dati saturandone la connessione.