Windows 8 non è piaciuto, Windows 9 non ci sarà e Windows 10 è lontano ancora qualche mese, ma che fine farà Windows 7? Chi vuole continuare a usarlo può stare tranquillo, almeno per altri cinque anni.

Windows 7 LiteLa notizia circola già da qualche tempo ed è una buona notizia, o almeno lo è per tutti coloro che amano Windows 7 e non sono così entusiasti all’idea di abbandonarlo: Windows 7 godrà del supporto Extended almeno per altri cinque anni, cioè fino al 14 gennaio 2020. Questo significa che il “vecchio” sistema operativo sarà pienamente utilizzabile in tutta sicurezza e senza problemi ancora a lungo. La fine del sistema, quindi, ha una data precisa, ma per ora la sua sostituzione può essere rimandata e cinque anni sono un periodo abbastanza lungo per abituarsi all’idea di passare oltre.

Una notizia passata quasi inosservata

Il fatto che una notizia così importante sia passata quasi inosservata non deve stupire più di tanto. Microsoft, infatti, ha comunicato la data di fine supporto a Windows 7 già da poco prima che Windows 8 arrivasse sugli scaffali. Quello che non si poteva prevedere era l’accoglienza a dir poco tiepida ricevuta da Windows 8, forse uno dei sistemi operativi meno amati tra quelli prodotti da Microsoft.

La situazione che si è creata era simile a quella verifica-tasi con Windows Vista, il cui insuccesso aveva spinto a prolungare il supporto al precedente XP. Con i suoi quasi tredici anni di attività, Win-
dows XP è al momento il sistema operativo più longevo di Microsoft. Il fatto che un nuovo sistema operativo non riesca a scalzare il precedente, però, non è certo una buona notizia per chi lo produce e Microsoft sperava che Windows 8 riuscisse a diventare popolare al punto da fare dimenticare in fretta Windows 7. Così non è stato.

Cosa cambia adesso per Windows 7?

Windows 7 è ancora amatissimo, al punto che Microsoft è stata costretta a scartare molte delle novità introdotte con la versione 8 e tornare sui suoi passi nella realizzazione di Windows IO. Il nuovo sistema operativo è previsto per il prossimo febbraio, ma vediamo insieme le date che riguardano il nostro Windows 7: il prossimo 13 gennaio segnerà la fine del supporto definito “Mainstream”. Questo significa, in poche parole, che il sistema operativo non verrà più sviluppato e che quindi non potremo aspettarci novità, funzioni extra e miglioramenti. Comincerà invece il supporto “Extended”, che pur non comprendendo lo sviluppo completo, garantisce tutti gli indispensabili aggiornamenti per la sicurezza e i cosiddetti interventi di emergenza, o “Hotfix”, ma solo per i problemi relativi alla protezione. Il supporto Extended, come confermato anche sul sito di Microsoft, continuerà fino al 14 gennaio del 2020. Dopo questa data, cesseranno anche gli aggiornamenti di sicurezza e continuare a usare il sistema non sarà più consigliabile. Fino a quel momento, però, potremo stare tranquilli e usare 7 senza problemi.