Zuckerberg lancia Internet.org con l’obiettivo di fornire Internet ad oltre 5 miliardi di persone

Basti pensare che il motto del nuovo servizio lanciato da Mark Zuckerberg, creatore di Facebook, Internet.org è “Tutti connessi, ovunque” la dice tutta sull’ambizioso progetto che ha in mente colui che ha collegato oltre 1 miliardo di persone grazie a Facebook e che tramite la formazione di un gruppo di partner vuole diffondere Internet in tutto il mondo connettendo i restanti 5 miliardi di persone che sulla terra non hanno ancora accesso alla rete.

E se la connettività fosse un diritto umano?

Intenet

Oggi Internet è inaccessibile a due terzi della popolazione mondiale. Come sarebbe il mondo se tutti potessero connettersi?

Internet.org è una partnership globale di leader del settore tecnologico, organizzazioni non-profit, comunità locali ed esperti che collaborano per rendere Internet accessibile ai due terzi della popolazione mondiale che non possono accedervi.

Condividendo strumenti, risorse e procedure operative, i partner di Internet.org esploreranno possibili soluzioni in tre aree principali: accessibilità, efficienza e modelli di business.

Accessibilità

AccessibilitàAccessibilità
Nessuno dovrebbe essere posto davanti alla scelta tra l’accesso a Internet e cibo o medicine. I partner di Internet.org uniranno le forze per sviluppare soluzioni tecnologiche volte a far diminuire il costo per il trasferimento dei dati a livello globale e rendere Internet accessibile alle comunità dove ancora non lo è.

Efficienza

EfficienzaEfficienza

Per la trasmissione di dati (anche sotto forma di SMS o di pagine Web) è necessaria una certa larghezza di banda, una misura ancora scarsa in molte parti del mondo. I partner investiranno in strumenti e software per migliorare le capacità di compressione dei dati e l’efficienza delle reti e dei servizi dati.

Modelli di business

Modelli di businessModelli di business

La connessione di diversi miliardi di persone richiederà un impegno notevole a livello globale e un’innovazione costante. Sviluppatori, operatori mobili e aziende che fabbricano dispositivi collaboreranno per introdurre modelli aziendali che consentano alle persone di accedere a Internet in più modi. Rendere possibile l’accesso a Internet a tutte le persone che abitano questo mondo è un obiettivo troppo grande e troppo importante per una singola azienda, gruppo o governo. I partner di Internet.org hanno unito le forze per far fronte a questo problema poiché credono nel potere di un mondo connesso.

Tra i partner che sposano il progetto Intenet.org troviamo nomi di spicco come Opera, Samsung e Nokia su tutti senza dimenticare Qualcomm, Mediatek ed Edicsson oltre che Facebook stessa.

  • Ericsson è un’azienda di livello mondiale che mette a disposizione tecnologie e servizi di comunicazione.

  • MediaTek Inc. è una famosa azienda produttrice di semiconduttori fabless per le comunicazioni wireless e le soluzioni digitali multimediali.

  • I prodotti di Opera consentono ad oltre 350 milioni di utenti di Internet di trovare e connettersi con contenuti e servizi importanti per loro.

  • Samsung è un’azienda leader a livello mondiale nel settore tecnologico che, grazie a innovazione e scoperte continue, crea nuove possibilità per tutti.

  • La missione di Facebook è consentire il contatto tra le persone rendendo il mondo più aperto e connesso.

  • Nokia è un’azienda leader a livello mondiale nel settore delle comunicazioni mobili. I suoi prodotti sono diventati parte integrante della vita delle persone di tutto il mondo.

  • Qualcomm è un’azienda leader mondiale nelle tecnologie wireless 3G, 4G e di nuova generazione.

 [youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=NdWaZkvAJfM’]

Sicuramente un progetto ambizioso che secondo me punta tutto sull’indicizzazione mondiale di ogni persona in modo da dare all’astuto Mark di conoscere usi e costumi di ogni singolo utente che abbia accesso alla rete. Un progetto importate che secondo me nasconde al suo interno ancora una volta delle mosse pubblicitarie al suo interno. Spero di sbagliarmi!!!

Comunicato stampa Internet.org