Ecco la nostra recensione e prova completa di Huawei P10 Plus

Abbiamo provato il nuovo smartphone Huawei P10 Plus: ecco la nostra recensione completa

Finalmente siamo pronti per proporvi la recensione di Huawei P10 Plus‎.

Non ci girerò troppo attorno: dopo aver provato S8, G6 e Huawei P10 Plus‎, penso che quest’ultimo sia lo smartphone perfetto per questo 2017. Non sarà rivoluzionario e innovativo come gli altri 2, ma è davvero perfetto in tutto dal mio punto di vista. Già P9 Plus mi era piaciuto molto, con questo P10 l’azienda ha eliminato (quasi) tutti i difetti rendendolo un prodotto completo e maturo.

Ecco la videorecensione completa. 

Confezione e contenuto

Molto ricca la confezione: abbiamo telefono, cuffie di ottima qualità, cavo dati e caricatore (che ricarica la batteria in 1 ora e mezza e ricarica il 50% in 30 minuti).

Plus: c’è una fantastica cover inclusa e anche una pellicola già applicata al display. In pratica si risparmiano 15 euro visto che comunque cover e pellicola vanno acquistati per ogni smartphone. Fa molto piacere trovarli già in confezione!

Materiali design e touch-and-feel

Ok, esteticamente è molto simile ad iPhone 7 Plus e Honor 8 Pro (un pò più piccolo e leggero rispetto a questi 2, ma molto simile). Ad alcuni piace, ad altri meno. A me piace molto: è bello, elegante, solido, robusto, ben costruito. Le colorazioni disponibili sono varie e regalano giochi di luce davvero belli.

Mi ha stupito il fatto che, nonostante sia quasi un phablet, non risulta comunque scomodo, pesante o scomodo da tenere in tasca e difficile da usare con una mano. Rispetto a Honor 8 Pro o iPhone 7 Plus, infatti, questo P10 Plus si usa “abbastanza” bene anche con una mano. Il peso è ben distribuito.

Molto bella l’idea di fare il tasto accensione zigrinato per renderlo facile da individuare. Il tasto Home anteriore non è fisico, ma solo incavato nel vetro (con sensore di impronte digitali incluso e molto sensibile).

Sempre davanti abbiamo il LED di notifica, meno luminoso di altri smartphone ma comunque visibile.

Segnalo un poco efficace trattamento del vetro anteriore trattiene molte impronte, soprattutto con la pellicola di fabbrica applicata.

A livello costruttivo è assolutamente impeccabile: è realizzato in alluminio monoscocca e vetro Gorilla Glass 5, un po’ scivoloso ma assolutamente curato e premium. Non gode però della resistenza ad acqua e polvere ma solo di quella contro gli spruzzi occasionali. Non lo metterei comunque in acqua, quindi non è un grosso problema a mio avviso.

Display

Bello, molto bello. Peccato che si perda l’AMOLED che era presente su P9 Plus. Unico neo.

Per il resto abbiamo una super definizione (QHD a 540ppi). Il display è luminoso, si vede bene sotto al sole, ottimi angoli di visuale, ottimo contrasto, neri abbastanza robusti. Non è come un AMOLED, ma ci va abbastanza vicino.

Per quanto riguarda la temperatura di colore è possibile regolarla a piacimento dalle impostazioni come di consueto.

Scheda Tecnica, Processore e Memoria

  • Schermo: 5,5” WQHD con Corning Gorilla Glass 5
  • CPU: Kirin 960
  • RAM: 6 GB
  • Memoria interna: 128 GB + MicroSD
  • Fotocamera posteriore: doppia fotocamera Leica. La risoluzione è di 20 megapixel (sensore monocromatico) e 12 megapixel (sensore RGB) con f/1.8 sul Plus, laser autofocus e stabilizzatore ottico. Attraverso interpolazione software, combinando i due sensori posteriori, è possibile ottenere foto a 20 megapixel a colori. Degno di nota il punteggio ottenuto da Huawei P10 su DxOMark, che lo colloca tra i migliori smartphone fotografici al mondo.
  • Fotocamera frontale: fotocamera Leica con sensore da 8 megapixel f/1.9
  • Dimensioni: 147 x 70 x 7-8 mm (Huawei P10)
  • Batteria: 3.750 mAh + ricarica rapida
  • OS: Android 7.0 Nougat

Il Bluetooth fermo alla versione 4.2, mentre Samsung si è portata avanti con lo standard 5.0. Peccato solo che l’uscita Type-C non supporti anche l’uscita video.

Non manca anche una porta infrarossi posizionata nel bordo superiore per usare lo smartphone come telecomando.

Il processore è il nuovo Kirin 960: potente, potentissimo, ma scalda un pò se messo sotto pressione e consuma un pò troppa batteria. Forse va ancora ottimizzato un pelino, ma niente di grave. L’importante è che processore e RAM spingano lo smartphone al massimo in qualsiasi situazione.

E non dimentichiamo i 128GB di memoria integrata che si possono espandere con MicroSD.

Batteria

Buona, ma forse un pelo migliorabile. Come ho già detto, ho l’impressione che il processore consumi un pò troppo. Riuscirete ad arrivare a 5 ore di display acceso se il vostro utilizzo è un pò attento.

Si copre senza problemi la giornata stress, si arriva a sera con un 15% di autonomia. Non si fanno 2 giorni, ma 1 giorno e mezzo si fa senza grossi problemi stando un pò attenti con le app.

Ovviamente non mancano tutte le funzioni di risparmio energetico più o meno aggressive per prolungare la batteria di qualche ora.

Software ed ecosistema

Su questo P10 Plus troviamo Android 7 con EMUI 5.1. Non si vedono lag, cali di frame o impuntamenti e i tempi di attesa per i caricamenti sono ridotti all’osso.

E’ la stessa interfaccia di Honor, abbastanza personalizzata rispetto ad Android Stock. A me piace, piace molto: è intelligente, ci sono tantissime funzioni smart, supporta i temi per cambiare icone e grafica, è stabile, fluida, veloce, sempre scattante.

Insomma, prende il meglio di Android e aggiunge tutte le funzionalità che fanno diventare lo smartphone davvero intelligente: ci sono tantissime gestures, possiamo usare 2 app contemporaneamente sfruttando il grande schermo e tanto altro ancora.

Tra le altre funzionalità avanzate troviamo la possibilità di modificare i tasti virtuali inferiori, scegliere se farli comparire o meno, la modalità di utilizzo con una sola mano e la possibilità di duplicare WhatsApp e Facebook per utilizzarli con un secondo account.

E’ possibile scegliere se utilizzare o meno l’app drawer ed attivare un’interfaccia semplificata con testo ed icone molto grandi.

P10 Plus è uno smartphone realmente “smart”, un tocco in più che altri produttori hanno dimenticato di inserire sui propri device.

Reparto telefonico

Praticamente perfetto, sicuramente migliore rispetto a Samsung. Ottima ricezione, ottimo volume anche in vivavoce, molto buona la qualità dell’audio anche nell’auricolare.

Ero in montagna a 1800 metri, disperso in un bosco con un tempo infame e riuscivo a navigare senza problemi su Instagram. Ero l’unico del gruppo di 6 persone e con me c’erano altri utenti Wind che non avevano campo (avevano però smartphone Samsung).

Foto e video

Assolutamente promosso anche il comparto multimediale, sia con tanta che con poca luce. 

Il comparto fotografico di Huawei P10 Plus vede la presenza di una doppia cam posteriore da 12 mega pixel RGB e da 20 mega pixel in bianco e nero. In entrambi i casi il sensore riceve luce da lenti da 27 mm F/1.8 stabilizzate e curate da LEICA, che si possono fregiare del prestigioso marchio Summilux.

Lo scatto è veloce, ci sono tantissime regolazioni, la doppia cam permette di scattare foto in bianco e nero (spettacolari!) e di applicare l’effetto bokeh (sfuocato) in un lampo. Questo effetto sfuocato, essendo applicato lato software, non è sempre perfetto, ma nel 90% dei casi regala foto davvero belle, particolari e originali. Inoltre il software permette di simulare uno zoom 2X senza perdita di qualità, ricorrendo ai dati forniti dal sensore b&w per interpolare l’immagine a 12 mega pixel.

Non mancano tante funzionalità e modalità di scatto avanzate (cibo, panorama, effetto scia, buio, ritratto…) e ovviamente c’è la possibilità di settare ogni singolo parametro in modo avanzato dedicata agli utenti più esperti ed esigenti.

I video in 4K sono molto ben definiti e abbastanza stabilizzati.

Frontalmente c’è invece una cam da 8 mega pixel con autofocus e apertura F/1.9. Buoni i selfie che possono giovare dell’autofocus.

In linea generale è uno smartphone che scatta ottime fotografie, piacevoli e ben bilanciate sia di giorno che di notte. A mio avviso la qualità è migliore di Galaxy S7: finalmente i colori non sono troppo sparati e sono sempre fedeli alla realtà.

Audio

Anche qui nessun problema: audio forte, chiaro e pulito.

Plus: fantastico l’audio stereo, che sfrutta la capsula auricolare per le frequenze alte e regla un suono avvolgente, forte e pulito. Davvero spettacolare.

App e gaming

Come detto poco sopra, il processore e la RAM permettono di aprire/chiudere le app alla velocità della luce. Ottima la gestione del multitasking, estremamente rapida e immediata. E’ sempre tutto fluido e veloce, mai uno scatto o un blocco.

Anche i giochi funzionano alla grande: Real Racing parte in 8 secondi e ha tutti i dettagli al massimo. Giocare su questo grande display è favoloso!

Giudizio finale

Poche parole servono per descrivere Huawei P10 Plus: come ho già detto, non è innovativo e rivoluzionario come S8 e G6, ma è maturo al punto giusto per regalare una fantastica esperienza d’uso. E’ un device convincente, affidabile e un compagno ideale per tutti i giorni.

Poche cornici, design fantastico, funzionalità software davvero smart, ottima batteria, bel display, prestazioni al top, fotocamera favolosa.

Avrebbero potuto renderlo impermeabile, ma considerando che il mio S7, pur essendo impermeabile, si è distrutto completamente per colpa dell’acqua, non avrei comunque provato ad avvicinare questo Huawei P10 Plus all’acqua.

Unico neo forse il prezzo: 820 euro non sono pochi, ma su internet si trova a 600 euro, una cifra decisamente accettabile per un top di gamma di questo tipo.

Consigliato senza dubbio! Non sarà figo come gli altri top di gamma, ma è sicuramente molto concreto e veloce.

Acquisto

Huawei P10 Plus‎ è disponibile online qui:

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!