Cities XXL, il brand rivale di SimCity è tornato alla riscossa.

screenshot_pc_cities_xxl003Chi tra voi ha qualche annetto sulle spalle, sicuramente ricorderà la nascita del famoso simulatore urbanistico SimCity, che fu lanciato nel lontano 1989. Da allora sono passati tantissimi anni e nel frattempo anche qualcun altro ha pensato bene di tentare la stessa strada plasmando il brand Cities XL che possiamo definire indirettamente il cugino spirituale del simulatore di Electronic Arts. Questo nuovo franchise gestionale ha visto la luce piuttosto recentemente (nel 2009) e viene pubblicato da Focus Home Interactive ovvero la casa di pubblicazione della famosa serie Farming Simulator di Giants Software, che ne ha rilevato i diritti dopo il fallimento della società fondatrice “Monte Cristo Multimedia”. Anche se si tratta della stessa tipologia di giochi bisogna ammettere tuttavia che non sono esattamente la stessa cosa, ed in particolare il  titolo in questione si posiziona a metà strada tra un The Sims e un SimCity.

Adesso è finalmente arrivato l’ultimo capitolo denominato Cities XXL. Come suggerito dal nome stesso il gioco dovrebbe apparire ancora più grande rispetto al precedente episodio, con diverse novità, miglioramenti e con ancora più carne sul fuoco. Conviene acquistarlo? Vale la pena preferirlo a SimCity? Andiamo a scoprirlo insieme.

Novità- Quale miglior termine che “extra large” per indicare le numerose e succose novità inserite in Cities XXL? Ebbene partiamo subito perchè la prima cosa che balzerà all’occhio a chi magari già conosce la serie è sicuramente la nuova interfaccia di gioco che adesso risulta più leggera, semplice e moderna. Anche chi non ci ha mai giocato comunque non avrà grosse difficoltà; primo perchè è tutto molto intuitivo, secondo perchè è presente un comodo tutorial (sempre accessibile) che spiega passo passo come muoversi nell’universo di questo titolo. L’interfaccia quindi risulta gradevole, produttiva e con tutte le icone facilmente raggiungibili e decifrabili.Cattura7Altra novità importante che in molti apprezzeranno è il nuovo motore di gioco, più fluido e potente. Ovviamente la sua mole di lavoro dipende dal numero di oggetti sullo schermo, più ce ne saranno e maggiore sarà lo sforzo richiesto, tuttavia il lavoro svolto è valido e risulta maggiormente ottimizzato rispetto al passato. Non mancano ovviamente le vagonate di nuovi oggetti e costruzioni a disposizione del giocatore.Cattura10Gameplay- Nel gioco abbiamo massima libertà di movimento e di regia. Potremo visualizzare l’area o la mappa sia dall’alto secondo diverse altitudini e zoom (vedi immagine sopra) sia a livello stradale, ovvero al suolo. E proprio quì si assapora l’essenza del gioco stesso, perchè vedere una strada o un edificio appena costruito muovendosi a piacimento al suo cospetto dà sicuramente appagamento e soddisfazione, coadiuvate anche da una confortevole vista in prima persona che ci permette di muoverci e spostarci per le strade come se fossimo dei veri abitanti. Presente naturalmente il ciclo notte/giorno e i fenomeni atmosferici. A piacimento possiamo decidere di fermare il tempo o di farlo scorrere, senza alcuna conseguenza sui progetti in corso. Tutto è accompagnato da una grafica gradevole e ben fatta con musiche di sottofondo e rumori vari molto ben congegnati che contribuiscono a creare l’atmosfera giusta.Cattura9Si può scegliere tra 75 tipi di mappe diverse con le più disparate location, dai deserti agli altopiani erbosi, dalle distese rocciose alle paludi, dalle montagne alle pianure e tanto altro ancora, non manca davvero nulla. Sta a noi decidere quale paesaggio è più indicato per il nostro progetto. In alcuni casi ci sono mappe pre-inizializzate che possono contenere già alcune strade ed edifici storici (come quella di Hollywood per esempio) e su cui possiamo iniziare direttamente a costruire senza preoccuparci della parte stradale. Possiamo contare, poi, su oltre 1000 tipologie di edifici e ben 47 stili architettonici diversi. Se tutto questo non bastasse sappiate che non manca la possibilità di inserire mod create dagli utenti, espandendo ancora di più le potenzialità e la personalizzazione, grazie a nuovi elementi di gioco.

Essendo comunque un titolo gestionale non manca la classica parte prettamente amministrativa/contabile. Gestire risorse e denaro per costruire nuove opere e generare profitti da reinvestire in nuove costruzioni è alla base di tutto, e far funzionare una città in continua espansione richiederà attenzione e concentrazione, ma l’appagamento di un lavoro svolto per bene non tarderà ad arrivare. Vedere una città viva, pulsante, ricca di negozi, uffici, case, mezzi di trasporto, industrie, aeroporti e tanto altro alimenterà di sicuro le ambizioni di numerosi giocatori. Il segreto del successo si basa quindi sul costruire abitazioni, creare lavoro, costruire centrali elettriche e forniture di acqua alla città, amministrare servizi, creare collegamenti aerei e ferroviari o linee di autobus, uffici e negozi, aree di svago, monumenti e tanto altro ancora.Cattura11Ogni cosa nel gioco si realizza con disinvoltura, basta scegliere la tipologia di costruzione dal menu a sinistra e la posizione sulla mappa in cui alloggiarla e in breve tempo avremo la nostra opera compiuta grazie ad un semplice tocco di mouse. Naturalmente all’espandersi della nostra città aumenteranno anche le accortezze e gli impegni a cui far fronte, dato che il gioco richiede il nostro intervento molto più spesso per diversi tipi di esigenze, anche quelle più semplici. Una serie di grafici e indicazioni accessibili mediante le icone sulla destra dell’interfaccia di gioco ci indicheranno man mano le statistiche e i bisogni della città a cui dovremo metter mano cercando di risolverli.

In linea generale comunque il gioco è ben fatto, certo in molti potranno obiettare l’eccessiva somiglianza con il precedente capitolo Cities XL, ma si tratta di un prodotto che va considerato secondo una logica ben precisa e di certo non va visto come l’ennesima trovata di marketing per spillare soldi agli utenti, poichè è un prodotto che integra diverse migliorie sul lato tecnico e diversi aggiornamenti.Cattura5Se comunque siete dei puristi e cercate il realismo totale, poi, sappiate che potreste rimanere un pò delusi. Purtroppo bisogna constatare che la realizzazione degli abitanti lascia un pò spiazzati, nel senso che ci ritroviamo davanti cittadini che sembrano più delle caricature o mascotte da campionato di football, che abitanti veri e propri. Tutto ciò quindi va un pò a cozzare con il realismo generale dell’opera, ma se riuscite a chiudere un occhio su questo aspetto allora potrete godervi il titolo nelle sue infinite possibilità, apprezzando gli abitanti “fumettosi”.Cattura8 Il fatto poi che all’aumentare delle costruzioni e quindi degli elementi sullo schermo ne consegue un maggiore sforzo del motore di gioco e del PC, potrebbe appesantire la grafica abbassando il framerate, ma questa è un’ipotesi che resta comunque marginale.

Conclusioni- In un confronto diretto tra Cities XXL e SimCity si può dire che ne escono entrambi alla pari, anche se sotto alcuni aspetti il titolo di EA risulta un pò più complesso e complicato nonchè a tratti meno realistico. Se siete sempre stati fedeli alla serie SimCity e avete amato The Sims, tuttavia, potreste tranquillamente provare Cities XXL perchè ne vale la pena. Se avete giocato al prequel di questa serie invece, probabilmente non troverete poi così tante differenze e motivazioni valide per passare a quest’ultimo capitolo, promettendovi magari di aspettare il prossimo. La scelta quindi è soggettiva, come titolo non è affatto male e ci sentiamo di promuoverlo, certo non manca qualche piccolo bug e qualche sporadico calo di framerate, ma l’esperienza generale è più che soddisfacente e basta a giustificare l’acquisto. Un gioco semplificato, intuitivo ma che allo stesso tempo offre sfide ingegneristiche profonde e impegnative; Cities XXL è tutto questo e se lo prendete dal verso giusto vi terrà impegnati per lungo tempo, questo è certo.

Vi ricordiamo che Cities XXL è disponibile dal 5 febbraio 2015 su PC Windows (Steam) ed è localizzato in Italiano.