Recensione dell’economico Raspberry Pi 3 in Italiano by YourLifeUpdated

Il mini PC più economico nell’ultima versione integra bluetooth e wifi oltre che essere più potente. Ecco la recensione del Raspberry Pi 3

Siamo smanettoni e poi un dispositivo che costa poco più di 35 euro dalle enormi potenzialità ha il suo fascino. Parliamo del Raspberry Pi 3 che nella nuova versione fa un ulteriore passo in avanti nell’offrire un’esperienza completa.

Il Raspberry Pi 3 rispetto alla precedente versione è più potente ed integra la connettività wifi e bluetooth per connettere più dispositivi senza bisogno di accessori esterni.

Il nuovo modello subisce un aggiornamento importante dopo solo 1 anno e mezzo dall’uscita del vecchio modello, importante e si migliora sotto tutti i punti di vista. Da notare che il Raspberry è possibile adattarlo a numerosi utilizzi, dall’home entertainment di casa, al controllo di un elettrodomestico e molto altro ancora.

Ecco che noi lo abbiamo acquistato per recensire anche l’ultima versione in commercio e dopo un paio di mesi di smanettamento vi offriamo la vostra recensione.

Iniziamo la nostra recensione del Raspberry Pi 3.

Dove acquistare il Raspberry Pi 3

Io ho acquistato il Raspberry sul sito ufficiale, Kubii, ma anche su Amazon ed eBay è possibile accaparrarsi il Raspberry al costo di circa 40 euro spedizione inclusa e da dove sarà anche possibile acquistare dei veri e propri starter kit dove sono inclusi tutti i “pezzi” per iniziare a creare il proprio ambiente di sviluppo come la tastiera USB, un mouse, schermi LCD, moduli telecamera e molto altro.

Potete acquistare il Raspberry Pi 3 sullo store ufficiale Italiano Kubii al prezzo di 40 euro circa cliccando sul link seguente.

Link acquisto Raspberry Pi 3 Model B 1GB

Materiale necessario Raspberry per lo starter kit perfetto

Il costo della sola scheda Raspberry Pi 3 è di circa 30 euro a cui dovete solo aggiungere un alimentatore microUSB, va bene uno degli smartphone avanzati, meglio se da 2A ed un cavo HDMI per collegarlo alla TV (circa 5 euro).

Basta non serve altro se non una scheda microSD, da almeno 8GB classe 10 (circa 8 euro) per installarci il sistema operativo ed infine se volete completare la dotazione una tastiera e mouse wireless dal costo di circa 20 euro.

In tutto con meno di 70 euro avremo tutto il necessario per partire.

Scheda tecnica Raspberry Pi 3 modello B

Raspberry Pi 3 rappresenta il primo salto generazionale della scheda raspberry.

Sebbene il prezzo sia sempre di 35 dollari, ora integra anche le connessioni Wi-Fi e Bluetooth ed inoltre la CPU è con architettura a 64 bit.

Ora potremo collegare il Raspberry senza cavi utilizzando la connettività Wi-Fi (in versione 2.4 GHz, non 5 GHz), mentre il Bluetooth è utile per chi usa la scheda per sensori ed altro ma anche di usare tastiere e mouse senza fili senza adattatori.

A livello hardware troviamo la stessa RAM del Pi 2, 1Gb ma il salto lo fa la CPU che ora ha un’architettura a 64-bit ARM Cortex-A53 quad-core a 1.2 GHz rispetto al SoC a 32 bit e 900 MHz del predecessore. Il team assicura che sebbene la RAM sia la stessa, la potenza di questo Pi 3 di Raspberry potrà essere fino al 50% superiore rispetto al predecessore

Prestazioni ed analisi Hardware

Le prestazioni rispetto alla precedente versione sono migliorate e sono aumentate le capacità di decodifica della GPU che ora è in grado di riprodurre contenuti in H.264 4k@30 fps mentre VC1 ed MPEG-2 sono supportati ma la licenza è da acquistare a parte. Ancora niente H.265 e dalle nostre prove con la risoluzione 4k gira abbastanza bene senza problemi e scatti.

Il supporto HDMI CEC è un plus che permette di utilizzare il mediacenter con il telecomando della TV ed in accoppiata con la distro OpenELEC si usa davvero bene senza problemi. I consumi sono molto bassi,  2.5 watt in riproduzione video e solo 0.5 watt da spento.

Installando la distro Raspbian potrete impostare tutte le funzioni di base, come la password del wifi, cambiare impostazioni della tastiera ed effettuare anche l’overclock portando la CPU ad 1GHz senza problemi in modo da avere un po di potenza in più.

Restando a livello hardware la mancanza di una Gigabit Ethernet in favore di una meno performante Fast Ethernet ma il motivo dovrebbe essere il mancato supporto del SoC BCM2836 ma comunque la Fast Ethernet assicura una velocità massima di 90 Mbits/s con una media di 55 Mbits/s.

Il wifi è molto stabile e veloce ed io trasmetto e ricevo streaming senza blocchi o rallentamenti ed anche il bluetooth si comporta bene.

La temperatura della CPU, con clock fino a 900 Mhz, si tiene introno ai 50°C con un picco di 53°C mentre portandolo ad 1GHz non si arriva comunque a 60°C, e direi che è molto buono.

Cosa fare con un Raspberry

Tantissimi sono gli utilizzi che si possono fare con un raspberry, sopratutto se siete avvezzi con la programmazione poichè potreste creare un controller che vi accende le luci di casa ad un dato orario, fare una centralina di controllo per le videocamere di casa che trasmetta in streaming quello che vede e molto altro ma tra gli utilizzi più comuni ve ne elenchiamo alcuni:

  • Server Torrent
  • Hard disk in un NAS
  • Trasformarla in una console anni ’90
  • Giocare a Minecraft
  • Creare un sistema di trasmissione audio in streaming in casa
  • Creare un Mini MAC
  • Installare un browser web (Chromium)
  • Creare Media Center
  • Domotica (magari usato in accoppiata con Arduino)
  • Cornice Digitale
  • Macchina fotografica
  • e molto altro

Conclusioni

Io mi diverto molto con il Raspberry Pi 3 e rispetto alla precedente versione il salto è notevole. Molto più veloce e versatile grazie alle connessioni disponibili.

Tengo in piedi un server Torrent, ma anche per trasformare un hard disk in un NAS ed infine l’ho usato per trasformare la mia TV in un media center installando Kodi per vedere calcio, film, serie TV e trasmissioni televisive in streaming.

Io vi consiglio di comprarlo se siete degli smanettoni, oppure volte avvicinarvi al mondo del modding estremo, che grazie alla folta community risulterà semplice ed intuitiva e che vi servirà per imparare molto del mondo dell’informatica di base. Se vi piace sviluppare e crearvi un vostro sistema di controllo della domotica, Raspberry fa per voi.

Ovviamente se volete solo installarli Kodi, puntate su un mini PC con Android che per cifre dai 50 euro in su ve lo portate a casa tranquillamente, altrimenti compratevi il Raspberry e divertitevi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here