Una sera ho deciso di sedermi sul divano e ragionare seriamente se cambiare il mio smartphone ponendomi delle domande precise, questo per capire come ci comportiamo di fronte ad uno dei principali dilemmi che affliggono quotidianamente milioni di italiani, le risposte sono state sconcertanti.

Le stesse domande sono state poste anche ad amici tecnofili e non, giusto per avere un quadro generale dell’argomento, perché potrà sembrare una stupidaggine ma quasi tutti gli interpellati hanno la stessa risposta in comune, è il migliore.

Chiunque si coccola il proprio smartphone e guai a toccarlo e criticarlo, non sia mai, è così e basta senza possibilità di replica o almeno accennare ad un ragionamento a mente fredda, ci si ritrova dinanzi ad un muro invalicabile e ogni velleità di colloquio è pura utopia; insomma l’obiettivo è quello di interpretare questa risposta, è il migliore perché? Su quale base o confronto? Sempre se esiste realmente lo smartphone migliore.

Ritorniamo all’origine del mio ragionamento, ho deciso di cambiare smartphone per provare un nuovo sistema operativo mobile e così è stato, sono passato da un Galaxy Nexus con Android ad un Nokia Lumia 830 con Windows Phone; delle risposte ricevute sono state simili alla mia, poche in verità, ma devo dire che negli ultimi anni la percentuale di utenti che effettua il cambio proprio per l’OS sta aumentando; il secondo motivo della mia decisione è dovuto alla velocità dello smartphone, accensione in primis e la RAM in dotazione, odio i rallentamenti, in questa occasione quasi nessuno ha preso in considerazione questa scelta.

Nel mio caso la scelta del nuovo smartphone non è avvenuta casualmente, ho visualizzato parecchie recensioni di vari modelli su diversi siti e canali di YouTube, inoltre ho aspettato la migliore occasione sfruttando l’offerta da parte di una grossa catena commerciale di elettronica in modo da risparmiare qualche soldino, al giorno d’oggi fa comodo; con enorme delusione le risposte non hanno rispecchiato le mie aspettative, la maggior parte tende ad acquistare l’ultimo modello appena uscito senza guardare il prezzo, ma solo perché è di un brand famoso e le persone che conoscono hanno lo stesso smartphone.

A questo punto mi viene da pensare che più ad un’esigenza per molti cambiare smartphone è solo un pretesto o un capriccio, addirittura invidia o smania di protagonismo, l’importante è averlo e mostrarlo a tutti, anche se poi telefonare o mandare sms diventa solo un hobby secondario o un fastidio; nessuna delle persone interpellate ha pensato alla qualità della ricezione del terminale, alla durata della batteria o alla compatibilità con determinate applicazioni, ad oggi conta più il colore, la cover e il gadget, l’adorazione di un oggetto che a volte forse serve anche a telefonare.

Dopo quella sera mi sono sentito un pesce fuor d’acqua, ma sono così sciocco a non averci pensato anche io a queste risposte così banali? Era tanto semplice cambiare smartphone!