E’ questione di un attimo, una distrazione ed in men che non si dica il nostro prezioso smartphone finisce in acqua ed in molti casi anche la sola immersione per pochissimi secondi può condannarci ad usare lo smartphone solo come soprammobile perchè non funzionerà più. In questo articolo andremo a vedere alcuni consigli pratici da seguire quando il nostro smartphone si bagna in modo da cercare di ripristinarlo ove possibile.

Infatti se non avete un telefono impermeabile, come la serie Sony Xperia oppure il Samsung Galaxy S5, il contatto con l’acqua potrebbe essere fatale con il vostro smartphone ma non disperate, forse con i nostri consigli, potrete recuperarlo.

Reattività

Ricordate che più a lungo il vostro dispositivo rimane sott’acqua, minore è la possibilità di sopravvivenza e dunque dovete recuperarlo dall’immersione il più rapidamente possibile. Ed una volta fuori dall’acqua spegnetelo subito se rimane ancor acceso.

Cosa non fare quando lo smartphone è bagnato?

  • Non accendere il telefono poichè i componenti elettrici non sono felici del contatto con l’acqua quando sono in funzione.
  • Non collegarlo alla rete elettrica.
  • Non premere alcun tasto poichè questo può spingere l’acqua in altri posti all’interno del telefono.
  • Non scuotere o soffiare nel dispositivo poichè l’acqua potrebbe penetrare in componenti come la fotocamera.
  • Non applicare calore al telefono poichè un calore eccessivo può anche danneggiare il telefono.
  • Non portare il telefono in giro e non agitarlo

Cosa fare quando lo smartphone è bagnato?

  • Smontare il telefono

Rimuovete tutti i componenti, ove possibile, come la cover posteriore, la batteria, la SIM e la microSD e disporre il tutto in un tovagliolo di carta. Se siete un po avvezzi allo smontaggio provate anche a svitare qualche vite smontando magari la scheda madre ed il display così da poter asciugare il più possibile ma questa parte è più tecnica quindi potete anche evitarla se non ve la sentite.

  • Tentare di asciugare l’esterno con un tovagliolo di carta

Per prima cosa dobbiamo cercare di sbarazzarsi di tutta l’acqua in eccesso presente nella parte esterna del telefono. Utilizzate un tovagliolo di carta per asciugare ogni componente. Magari anche usando un piccolo aspirapolvere a bassa velocità.

  • Lascia asciugare sotto il sole (non diretto)

Ora dovete avere pazienza e lasciare asciugare il telefono magari sotto una fonte di calore, non elevata, oppure inserirlo in un contenitore sigillato magari comprando i Silica Gel presenti ad esempio nelle scatole delle scarpe, ed avvolgere il telefono di questi piccoli sacchetti che si occuperanno di assorbire tutta l’umidità e dunque asciugare più rapidamente il telefono. I tempi di attesa sono di 3 ai 4 giorni.

  • Dovete avere pazienza

Dovete avere pazienza ed aspettare il più possibile, il nostro consiglio è di lasciare il telefono a riposo, senza mai accenderlo, per circa 10 giorni, in modo da asciugare tutta l’acqua lentamente.

  • Conclusioni

Una volta che avete aspettato tutti quei giorni, il nostro consiglio è di riattaccare la batteria e provare a riaccendere lo smartphone e sperare che tutto funzioni correttamente. Poi iniziate ad inserire selettivamente la SIM, la microSD ed anche la cover posteriore. Se tutto è andato come dovrebbe, il vostro smartphone sarà funzionante come prima ma se questo non dovesse accadere dovete rivolgervi ad un centro assistenza.