A breve diremo addio ai costi di recesso della Telefonia

Ad oggi purtroppo dobbiamo ancora andare incontro ad alcuni impedimenti burocratici che ci legano al nostro operatore di telefonia. Questo perchè i vari gestori ci obbligano a restare con loro per un determinato periodo al fine di usufruire di alcune vantaggiose offerte e se cambiamo operatore potremmo incorrere in penali e anche molto corpose-

A breve però la situazione potrebbe cambiare perchè potrebbero essere aboliti o ridotti sensibilmente i costi di recesso sui contratti telefonici.

Almeno quanto di legge sul decreto legge sulla concorrenza che il Consiglio dei Ministri dovrebbe discutere ed approvare il 20 febbraio. Infatti la bozza del decreto è finito in rete e permette di capire come sia in lavorazione un affinamento del decreto Bersani che aveva già rimosso alcuni vincoli ma non si era espresso sui costi di recesso.

Nel decreto dunque sarà al vaglio la proposta di eliminare integralmente i costi di recesso a causa di una disdetta della linea telefonica ma questa sembra un’ipotesi lontana ma comunque è probabile che questi costi vengano ridotti sensibilmente e saranno anche rivisti alcuni vincoli contrattuali che non dovranno superare i 12 mesi. Inoltre le penali potrebbero essere quantificate in una o massimo due mensilità del canone pagato. Infine sono al vaglio anche nuove soluzioni per agevolare la portabilità del numero.