AGCOM, l’autorità per le garanzie delle comunicazioni, ha finalmente imposto le nuove regole dedicati a chi fino ad ora offriva contratti via telefono mettendo i paletti al far west che c’era fin’ora. Dunque a breve la situazione migliorerà e tutte le telefonate che ora riceviamo a qualsiasi ora del giorno e della notte dovrebbe cambiare. Infatti i call center, che si occupano di rompere le scatole regolarmente, offrendo servizi e cambi di contratto con tariffe più agevolate ma con dubbie procedure di registrazione della chiamata.

Dunque l’AGCOM ha stabilito un nuovo regolamento per i servizi call center dei servizi di provider internet ed operatori telefonici, che mirerà a limitare l’azione fraudolenta di alcuni call center che ti propongono il mondo ma anche attivano servizi e contratti mai richiesti basandosi su informazioni incomplete o fuorvianti.

Il regolamento intende anche rispondere alle urgenti esigenze di maggiore chiarezza riguardo a rimodulazioni contrattuali decise unilateralmente da alcuni operatori. Da oggi in poi la comunicazione delle modifiche delle condizioni vigenti dovrà essere trasparente, efficace e realizzata secondo un format stabilito dall’Autorità.

Inoltre è imposto un limite stipula di contatti fino ad un massimo di 24 mesi ed inoltre i call center dovranno fornire alcuni dati come l’identità dell’operatore, scopo commerciale, generalità e codice identificativo dell’incaricato, altre informazioni come prezzo, durata, diritto di recesso, ecc, la procedura da seguire per il perfezionamento del contratto ed infine se il consumatore dovesse accettare di concludere il contratto, l’operatore invia la conferma dell’offerta presso l’indirizzo comunicato dal cliente anche via mail.

Dunque una quantità di modifiche che dovrebbe limitare l’attivazione coatta di contratti senza la nostra autorizzazione. Brava AGCOM.