Tutte le anticipazioni della serie tv Gomorra in onda su Rai 3

Gomorra_-_I_Savastano

 

La serie tv rivelazione del 2014 che nasce dal romanzo-caso di Roberto Saviano. La trama, ispirata a fatti realmente accaduti, racconta la sanguinosa faida tra la Famiglia Savastano e gli scissionisti, capitanati nella serie da Salvatore Conte, che rivendicano il monopolio su Napoli. Saranno sei gli appuntamenti di “Gomorra- la serie” su Rai3: ogni sabato verranno trasmessi due episodi della durata di 50 minuti circa l’uno, in seconda serata, subito dopo il programma “Che tempo che fa”.

Gomorra La Serie Anticipazioni Rai 3 | Sabato 17 Gennaio 2015

Don Pietro è detenuto al carcere di Poggioreale. Il boss della camorra continua a comandare il suo clan grazie a un telefono cellulare che si è procurato illegalmente. Imma e Genny, la moglie e il figlio di Don Pietro, sono andati a Milano per consegnare una grossa somma di denaro a Franco Musi, il commercialista che da anni ricicla il denaro del clan. È il giorno del colloquio tra detenuti e famigliari. Don Pietro comunica a Genny di tenersi pronto a prendere in mano il comando del clan nonostante Imma sia dubbiosa a causa dell’atteggiamento immaturo e superficiale del figlio.

Gomorra La Serie Anticipazioni Rai 3 | Sabato 17 Gennaio 2015

Il clan dei Savastano ha affidato un’importante piazza dello spaccio a una banda di criminali nigeriani. I nigeriani rifiutano di spacciare per conto dei Savastano se non ottengono dei margini più alti dalla vendita degli stupefacenti. Il capobanda nigeriano spinge un suo collaboratore a farsi arrestare per parlare e trattare direttamente con Don Pietro. Don Pietro è infastidito e arrabbiato dalle richieste dei nigeriani e minaccia conseguenze mortali se lo spaccio di droga non riprenderà immediatamente e alle sue condizioni. Don Pietro è stanco delle restrizioni e del rigore imposto dal direttore del carcere. L’avvocato del clan non è ancora riuscito a trovare un appiglio legale per scarcerare il boss. Il boss scatena una rivolta in segno di spregio al direttore della prigione e chiede aiuto ai nigeriani, promettendogli di aumentare i margini di guadagno sullo spaccio di droga. La rivolta si conclude non appena Don Pietro riesce a ottenere alcuni privilegi e la rimozione di alcune restrizioni carcerarie. In serata il boss telefona a Ciro per ordinargli di massacrare i nigeriani ribelli. L’indomani il boss è sottoposto al regime speciale 41 bis perché la telefonata della sera precedente è stata intercettata.