Sanremo 2015: quanti soldi ha guadagnato la Rai dalla pubblicità?

Sanremo 2015 Costi e ricavi
Sanremo 2015 Costi e ricavi

Sstando alle cifre diffuse dall’agenzia di stampa le cinque giornate di Sanremo, su Rai 1 dal 10 al 14 febbraio, costerebbero tra i 15.500.000 e i 16.000.000 milioni, inclusi dei 5 milioni e mezzo dovuti dalla Tv di Stato al Comune di Sanremo in virtù della Convenzione del regola il rapporto tra i due ‘enti’.

Una cifra che se confermata si attesterebbe al di sotto dei 18 milioni spesi per Sanremo 2014 e dei 20 milioni impegnati per Sanremo 2013, entrambi sotto gestione Fazio. Ad alleggerire il budget di spesa i cachet ridotti di Conti ed Emma Marrone (si parla di soli 70.000 euro di rimborso spese) e a quanto pare dei superospiti: se è vero che Conchita Wurst sarà a Sanremo per 12.000 Euro diciamo che siamo al di sotto delle cifre faraoniche di altre edizioni.

Sul fronte ricavi si calcola un introito di 20-22 milioni di Euro dalla vendita della pubblicità. Cifra da verificare al fine kermesse perché è ancora possibile acquistare spazi pubblicitari. Quest’anno, però, lo spot è calcolato sui 15” e non sui 30” con un leggero aumento del costo medio per secondo. Stando a Francesco Siliato, docente di Sociologia delle comunicazioni al Politecnico di Milano e partner dello Studio Frasi, “è praticamente raddoppiato rispetto all’anno scorso, passando da circa 7 mila a circa 14 mila euro”.

Ovviamente i pacchetti offerti da Rai Pubblicità sono diversi e multipiattaforma, suddivisi per la diretta di Rai 1 e le repliche sul DTT, ma considerano anche il web e la radio. Una strategia a largo spettro con cui si cerca di massimizzare i ricavi.

A quanto pare hanno portato nelle casse della Rai una cifra (20-22 milioni) che potrebbero valere, a fine Festival, almeno 4 milioni di utili per Mamma Rai.