Ecco una notizia incredibile: Padre uccide la figlia di 5 mesi per giocare ad Assassin’s Creed 3

image_new

Sembra incredibile, assurdo, illogico e irrazionale, ma purtroppo è accaduto davvero. E non è nemmeno la prima volta che succede.

Una nuova tragedia ha colpito il mondo videoludico: un padre, preso dalla follia del gioco, ha ucciso la propria bambina di sole 5 settimane. Ma vediamo nel dettaglio cosa è accaduto.

Secondo quanto riportato da diverse testate giornalistiche, il padre, Mark Sandland, un ragazzo di 28 anni, stava giocando al popolare terzo episodio di Assassin’s Creed, quando molto probabilmente in preda ad un raptus, esasperato dalle urla continue della figlia, l’ha uccisa.

Il giovane padre ora è stato condannato a 8 anni di carcere, nonostante la difesa abbia sempre sostenuto che, il ragazzo sia stato colpito da una crisi epilettica e che non abbia mai avuto intenzione di uccidere la piccolina.

Tuttavia i sopralluoghi condotti nella casa di Mark Sandland e le lesioni riportate dalla bimba hanno portato la corte a condannare il ragazzo per omicidio colposo, in quanto i vari elementi raccolti indicavano chiaramente che, il giovane dopo il terribile fatto aveva anche cercato di coprire ciò che era realmente accaduto.

La cosa che mi sembra strana è che sia stato condannato per omicidio colposo: se l’ha uccisa volontariamente non è omicidio colposo; se è stato condannato per omicidio colposo significa che non l’ha uccisa volontariamente, ma questo cozza con le prove che dimostrano che abbia cercato di nascondere il fatto. Sinceramente qualcosa non mi torna.

Ad ogni modo, purtroppo il modo in cui siano effettivamente le cose non cambia la conclusione e le conseguenze di tutto questo, che hanno causato la morte di una incolpevole bambina di 5 mesi.

Non è la prima volta che si verifica una tragedia di tali proporzioni ed è giusto ribadire che la colpa di tutto questo non è da imputare ai videogiochi ma solo ed esclusivamente al genitore (o in generale alle persone) che, completamente dipendente da quello che dovrebbe essere solo un hobby e un passatempo, compie un atto del genere.

Ovviamente ci uniamo al cordoglio della famiglia che ha subito questa perdita.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!