Adblock Plus lancia la sua piattaforma di pubblicità sul Web

Era nell’aria da diversi mesi ma ora è ufficiale. Arriva il circuito pubblicitario di Ablock Plus che offre pubblicità meno invasive.

Adblock PLus lancia il suo circuito pubblicitario. Si avete capito bene, il nemico delle pubblicità su internet, per voce di Eyeo ha annunciato che a breve lancerà la sua piattaforma di advertising tramite la creazione di un vero e proprio negozio per vendere la pubblicità che però deve rispettare determinati requisiti che ovviamente non devono essere invasivi.

https://i2.wp.com/addons.opera.com/media/CACHE/images/extensions/85/7385/1.12.2-rev1/images/e940cff56f76a9841408a9cf09df715e/350979a3973078021d5c4875c01ec3f4.jpeg?w=640&ssl=1

Il tutto parte dal 2011 quando ci fu lo scandalo attorno ad Adblock che vedeva, dietro il pagamento di soldi da parte dei big del mercato come Google ed Amazon, di “far passare” alcune pubblicità che però rispettavano alcuni criteri.

Adesso questo diventa tutto ufficiale tramite la vendita di pubblicità direttamente da Adblock che ovviamente non filtrerà le sue pubblicità in favore di distribuire guadagni ai suoi concorrenti tramite la visualizzazione di pubblicità però non invasive. Inoltre sarà disponibile una whitelist a cui i publisher potranno aderire, pagando e che con il tempo però potrebbe diventare molto grande rendendo nuovamente inutili Adblock ed affini.

https://www.youtube.com/watch?v=hhb7NM9MGQA

La piattaforma di advertising chiamata Acceptable Ads Platform al momento è ancora in versione beta ed al momento per aderire si possono inserire alcune inserzioni pre-approvate tramite semplici drag&drop e la gestione di opportuni tag da inserire nella pagina. Il tutto tramite una comoda interfaccia grafica semplice ed intuitiva.

L’utente che ha installato Adblock Plus e non ha deselezionato l’opzione Permetti alcune pubblicità non opportune visualizzerà le pubblicità selezionate da AdBlock.

Questo si tradurrà in un introito dell’80% dalle inserzioni mentre il 20% tra chi gestisce la piattaforma mentre Eyeo ottiene il 30% di questa percentuale, quindi il 6% del totale.