Le ADSL italiane saranno messe alla dura prova dall’avvento di Netflix e nei prossimi mesi il traffico aumenterà a dismisura. Ecco che fare un’analisi preventiva della velocità della nostra rete può farci capire se questa è pronta per reggere il carico di lavoro di un abbonamento ad un qualche servizio di streaming online.

Per analizzare non solo la velocità della nostra ADSL ma anche si una normale rete 3G/4G del nostro smartphone possiamo affidarci all’applicazione Ookla Speedtest che è facile da usare, una volta installata ed avviata sarà sufficiente cliccare su Inizia il test, e vi permetterà, dopo un breve test di 1 minuto circa, di ottenere dati reali della velocità in Download ed Upload della nostra rete.

L’applicazione di Ookla Speedtest è disponibile anche per dispositivi mobili Android, iOS e Windows Phone e nell’interfaccia grafica verrà mostrata la velocità della nostra connessione anche se questo dipenderà da diversi fattori come l’ora del test, la qualità del router, l’intasamento delle linee e molto altro. Tra i fattori che possono incidere sulla velocità della linea c’è il Throttling, che è la strozzatura del nostro provider nel limitare la velocità se questi analizzano il traffico e vedono connessioni peer-to-peer, emule o torrent. Insomma potrebbero toglierci qualche KB prezioso. Comunque Speedtest di Ookla non è uno strumento ufficiale mentre quello che vi andiamo a descrivere di seguito si.

Se invece volete andare giù pesante con il vostro provider vi consigliamo di provare il software ufficiale dell’AGCOM che si chiama Ne.Me.Sys. e potete scaricarlo sul sito Misura Internet e permette di monitorare la rete andando ad ottenere un report che potete inviare al vostro provider per ottenere la disdetta senza pagare un centesimo. Il test dura però 48 ore.