Così gestisci al meglio i processi in esecuzione sul sistema per sfruttare tutta la potenza della tua CPU. Oggigiorno i computer hanno una potenza di calcolo che non era neanche immaginabile un decennio fa e gran parte del merito la si deve all’adozione di processori multi-core.

windows-8-su-mac-540x360

 

 

Sistemi operativi e applicazioni non sempre però sono in grado di sfruttare al massimo questa funzionalità e il computer quindi non risulta performante come dovrebbe. Utilizzando però un tool apposito come Ashampoo Core Tuner 2, possiamo ottimizzare tutti i processi attivi su Windows, specificando la loro priorità e i core che ciascuno di essi può utilizzare. Una volta messa a punto la configurazione del computer, potremo spingere al massimo il nostro processore e migliorare le prestazioni dell’intero sistema. Vediamo come!

Scarichiamo Ashampoo Core Tuner 2. Nella prima schermata premiamo I agree, procedi, quindi cicchiamo su Getfree activation key. Nella pagina Web che sia apre digitiamo la nostra e-mail e premiamo Request full version key. Se abbiamo un account Ashampoo, effettuiamo il login e recuperiamo il seriale di attivazione (ci verrà inviato anche tramite e-mail). Selezioniamo il codice e copiamolo (Ctrl +C). Passiamo alla finestra di Ashampoo Core Tuner 2. Clicchiamo su Paste from clipboard e poi su Activate now!. Cucchiamo su Nexte seguiamo la procedura guidata. Quando ci viene proposto di scaricare e installare myPCBackup clicchiamo No, thankyou. Al termine premiamo Finish. Andiamo nel menu Start/Tutti i programmi/Ashampoo/ Ashampoo Core Tuner 2 e cliccando su Ashampoo Core Tuner2. Nella schermata che pubblicizza Ashampoo WinOptimizer 10 premiamo il pulsante No Thanks. Clicchiamo quindi su Ok per chiudere la finestra di benvenuto.

ll tool mostra l’elenco dei processi, le risorse (CPU, RAM, numero di core) occupate da essi e la loro priorità. Selezionando un singolo processo, il programma ci mostra in basso il suo numero di PIO (Process IDentifier) assegnato, la cartella di installazione e altre informazioni utili.  Se un processo è relativo ad un’applicazione aperta ma non usata, possiamo liberare RAM terminandolo. Selezioniamolo, premiamo Terminate in alto e premiamo Yes. Il software non consente di modificare il comportamento di alcuni processi di sistema, per non comprometterne la stabilità. Per ogni processo possiamo impostare il numero di core. Conviene dedicare meno core ai processi che richiedono minori prestazioni e più core a quelli da velocizzare. Per farlo selezioniamo un processo e clicchiamo sulle icone dei core in alto, lasciando verdi quelli da usare.

Possiamo affinare il tuning dei processi impostando la loro priorità di esecuzione dal menu Setprìority. Scegliamo ad esempio High come priorità per i processi più importanti. In alternativa, per assegnare a un processo tutti i core e alta priorità, premiamo Boost in alto. Cliccando sul pulsante Rulespossiamo visualizzare l’elenco EH di tutte le regole da noi inserite più quelle impostate dal I programma. Premiamo invece Resources per ottenere in tempo reale i grafici (RAM occupata, carico della CPU e dei core) relativi all’uso delle risorse del nostro computer.

Un’ulteriore ottimizzazione delle prestazioni del computer la 1 possiamo effettuare disabilitando alcuni programmi esegui-I ti automaticamente all’avvio del sistem aoperativo. Facciamo clic sul pulsante Autostart e leviamo la spunta dalle applicazioni che non devono essere avviate assieme a Windows.