Cos’è Windows Insider di Windows 10: Forse è un sistema per tracciare gli utenti?

https://i2.wp.com/www.hdblog.it/img/width660/height339/id380105.jpg?w=640

Se avete provato o volete provare la Technical Preview di Windows 10 dovete sapere che la versione di test di Windows 10 include una fase di accettazione obbligatoria al programma Windows Insider e di accettare le condizioni d’uso e la policy della privacy. In queste condizioni generali alcune cose non quadrano e secondo molti Microsoft ficcherebbe il naso molto più a fondo di quando dovuto.

Infatti in Windows 10 Technical Preview viene usata una tecnologia conosciuta con il nome di Asimov che permette di tenere sotto controllo e di analizzare in tempo reale le azioni fatte dagli utenti che hanno installato la Tecnical Preview. Quindi Microsoft raccoglie molte informazioni dell’utente sull’utente, sui dispositivi utilizzati, sulle applicazioni e sulle reti e tra i dati carpiti ci sono anche il nome, l’indirizzo email, le preferenze, gli interessi, la cronologia di navigazione, le chiamate telefoniche e anche gli SMS.

Leggendo attentamente le condizioni di Windows Insider si può leggere la frase ” Quando l’utente digita un testo, potremmo collezionare i caratteri digitati e usarli per scopi come il miglioramento delle funzionalità di autocompletamento e controllo ortografico.” che potrebbe far pensare che Microsoft registra anche i singoli tasti che digitiamo e quindi la presenza di un keylogger.

Sicuramente la raccolta dati da parte di Microsoft servirà per ottimizzare Windows 10 ma dietro tanti servizi di monitoring potrebbe esserci altro dietro.