Avete cambiato dominio e non volete perdere il posizionamento sudato in questi anni di lavoro lato SEO? Ecco come non perdere il posizionamento su Google ed i motori di ricerca

State trasferendo il vostro sito web da un dominio ad altro e non volete perdere il posizionamento su Google? Bene siete nel punto giusto perchè in questo articolo andremo a vedere come trasferire il posizionamento SEO di un sito su un altro dominio usando diverse tecniche.

Infatti per non perdere il posizionamento su Google durante il cambio di dominio è possibile percorrere diverse strade tutte insieme.

  • Ridirezioni
  • Sitemap
  • Google WebMaster Tool

https://i1.wp.com/www.rienzicomunica.com/wp-content/uploads/2014/12/SEO_arte2.png?w=696

Se avete deciso di cambiare dominio, ovviamente ci saranno delle valide ragioni e quindi ora non volete perdere il lavoro fatto negli anni precedenti in ottica SEO e quindi volete cercare di limitare i danni oppure azzerarli non perdendo il posizionamento su Google. Vi elencheremo alcuni metodi che possono di fatto non farvi perdere posizioni preziose su Google.

Potete seguirli tutti senza problemi.

Metodo 1: Usiamo Google Webmaster Tool

Per iniziare, accediamo alla pagina di Google Webmaster Tool e andiamo in Traffico di Ricerca e poi li visualizzeremo i link che rimandano al tuo sito.

Poi andiamo in Cambio di Indirizzo, cliccando sulla rotellina presente in alto a destra, e all’interno troviamo il wizard per segnalare a Google il cambio di indirizzo.

Infine su Google Webmaster Tools dobbiamo inviare la sitemap del nuovo sito in modo da indicizzare tutte le pagine.

Da Google Webmaster Tools vai in Scansione > Sitemap > Aggiungi/Testa Sitemap ed aggiungi la sitemap del vecchio sito così che Google possa registrare la ridirezione sul nuovo sito.

Ultimo step è inviare la nuova sitemap a Google sempre tramite la procedura descritta precedentemente per il vecchio sito.

Metodo 2: Ridirezione 301

L’ideale è mantenere attivo il vecchio dominio per un po di tempo e poi attivare la ridirezione 301 che rimanda al nuovo sito. Questo porta benefici sia per l’utente che ha ancora il vecchio indirizzo, sia per comunicare a Google il corretto link dal vecchio sito. Per attivare la ridirezione 301 dovete modificare il file .htaccess presente sul vostro spazio web.

In pratica se qualcuno digita il vostro sito, tramite questa modifica, verrà indirizzato automaticamente sul nuovo sito.

Metodo 3: Personalizzare l’errore 404 sul vecchio sito

Se qualcuno però ha conservato un link diretto sul vostro sito, dovrete personalizzare l’errore 404, cioè pagina non trovata, con qualche messaggio per indicare che quello è il vecchio sito e poi inserire un link che rimanda al nuovo sito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here