Android O è ufficiale: ecco tutte le novità

0

Google presenta il nuovo Android O: elenco completo novità. Android O ufficiale e pronto al download: novità e dispositivi supportati

Android O Developer Preview 1 disponibile: focus su autonomia e notifiche

Probabilmente i lavori erano in cantiere da parecchio, ma la novità è stata presentata solo poco fa, ovviamente a sorpresa. Di cosa stiamo parlando? Di Android O, il nuovo sistema operativo di Google che presto arriverà per smartphone e tablet. 

Silenziosamente e senza una conferenza stampa ufficiale, poco fa Google ha annunciato tramite web il nuovo sistema operativo Android O, che tra l’altro è già disponibile al download sotto forma di developer preview per Nexus 5X, Nexus 6P, Pixel, Pixel XL, Pixel C e Nexus Player.

Non perdiamo tempo e vediamo subito quali sono le novità principali di Android O. 

Novità Android O: elenco completo

Iniziamo col dire che Android O si concentra soprattutto su notifiche (di nuovo) e l’autonomia (di nuovo).

Per quanto riguarda l’autonomia, sembra che siano stati aggiunti ulteriori limiti in ciò che le app possono fare in background, in particolare in termini di broadcast, servizi in background e aggiornamenti della posizione. Vedremo come gli sviluppatori interverranno per continuare a fare funzionare le proprie app con il rilascio di Android O, visto che sicuramente alcuni programmi non gradiranno alcuni di questi nuovi limiti.

Per quanto riguarda le notifiche, invece, queste adesso potranno essere raggruppate per tema tramite quelli che Google chiama “canali“. Ogni app appartiene ad una o più categorie, le cui notifiche potranno tutte essere raggruppate assieme.

Con uno swipe sulla notifica stessa la potremo inoltre posticipare per farla ricomparire in seguito quando vorremo.

Inoltre, gli sviluppatori potranno impostare un colore di sfondo per le notifiche, utile per distinguerle le une dalle altre.

Icone auto-adattanti

L’immagine vi chiarirà le idee:

Orale icone possono in parte cambiare forma in base al tema scelto dall’utente, cosa che lascia le porte aperte all’arrivo di una sorta di theme engine in Android. Che sia la volta buona? Da tempo gli utenti aspettano la possibilità di installare temi facilmente su Android, cosa tra l’altro già disponibile su Samsung, Huawei, Honor e altri. Anche Google ha capito che bisogna dare agli utenti la possibilità di cambiare e personalizzare i temi?

Autofill API

L’auto-completamento delle password avviene ora a livello di piattaforma: l’utente potrà scegliere un’app preferenziale per gestirle, proprio come avviene scelta la tastiera, per esempio. Quest’app salva (e protegge) i dati dell’utente come indirizzi, nomi e password, e questi possono poi essere sfruttati da altre app senza che l’utente stesso li debba reinserire. Finalmente tutti i nostri dati saranno inseriti in automatico dal sistema, senza che sia necessario inserirli ogni volta. Finalmente!

PIP per smartphone e tablet

La funzione Picture in Picture (PIP) arriverà per tutti! Questa funzione attualmente è disponibile solo su Android TV, ma presto tutti potranno sfruttarla. Grazie a questa novità, potremo continuare a guardare un video YouTube, ad esempio, mentre stiamo chattando con un’altra app. L’utente potrà specificare l’aspetto ed avrà a disposizione vari modi per interagire con la finestra PIP.

Arriva anche il supporto multi-display che in pratica introduce il supporto a monitor esterni (Android O è sempre più un sistema anche per computer, non solo per smartphone e tablet).

Font resources in XML

Le app posono usare font in layout XML e definire famiglie di font, sempre in in XML, dichiarando lo stile ed il peso del font.

Audio e connettività

Android O supporta Bluetooth audio codec di alta qualità, come LDAC codec.

Viene inoltre aggiunto il Wi-Fi Aware, noto anche come Neighbor Awareness Networking (NAN): in questo modo, su dispositivi con hardware apposito, le app ed altri dispositivi vicini possono comunicare via WiFi anche senza un access point.

AAudio è inoltre una nuova API nativa progetta per app che richiedano audio a bassa latenza ed elevate performance.

Navigazione da tastiera

Android O andrà a migliorare il comportamento di “frecce” e “tab” soprattutto su Chrome OS, dove era necessario permettere agli utenti di interagire al meglio le app Android recentemente arrivate sui computer con questo sistema operativo.

Wide-gamut color per le app

Le app posono sfruttare dispositivi con un display dall’ampia gamma cromatica (AdobeRGB, Pro Photo RGB, DCI-P3, ecc.).

Ottimizzazioni per Java 8 e di runtime 

Android O supporta nuove API Java e Android Runtime è più veloce che mai.

Queste, per il momento, sono le principali novità di Android O. Chiaramente tante altre modifiche saranno apportate al sistema prima del rilascio della versione finale di Android O, ma penso che già adesso abbiamo parecchie novità a disposizione. 

Download Android O e Dispositivi Supportati

Mi dispiace, ma per ora non ci sono aggiornamenti OTA da installare. Se volete provare Android O, dovete farlo tramite factory image. Niente di troppo complicato comunque, gli smanettoni sanno bene come procedere.

Se volete testare Android O, le istruzioni all’installazione sono su questa pagina.

Ovviamente ricordo che questa release è una alpha pensata per sviluppatori e non per l’utilizzo quotidiano: bug e problemi potrebbero essere all’ordine del giorno. Consiglio di installare Android O su dispositivi NON principali, usate “muletti” o telefoni di scorta se possibile.

Google fa sapere che ci saranno in tutto 4 developer preview prima del rilascio finale di Android O, che comunque avverrà entro fine estate. Ecco le date indicative di rilascio delle varie preview di Android O:

Come già anticipato, al momento i dispositivi compatibili con Android O sono: Nexus 5X, Nexus 6P, Pixel, Pixel XL, Pixel C e Nexus Player. Nessuna notizia Nexus 6 e Nexus 9.

Android O: tutte le novità principali in video

Prima di concludere, vi lascio un video che mostra tutte le principali novità di Android O. Come potrete notare, Android O non introduce novità radicali che stravolgono il sistema, ma va a migliorare ulteriormente Android N introducendo piccole interessanti novità che migliorano ulteriormente l’esperienza d’uso. Pian piano Android diventa sempre migliore, sotto ogni punto di vista!

Buona visione, e non dimenticate di farci sapere cosa ne pensate di Android O. 

Fonte: Android Developers

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here