UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

Ventenne francese ruba mezzo milione di euro grazie ad applicazioni fake per Android

Interessante e preoccupante notizia arriva dalla Francia, dove un ingegnoso ragazzo ha raccolto ben 500.000€ sviluppando applicazioni fake per Android.

Vediamo nel dettaglio cosa è successo.

Un giovane e sveglio ragazzo francese ha ideato un mezzo ingegnoso ma poco lecito per raccogliere qualche soldino.

Anzichè mettersi a lavorare per creare un’app o un gioco di successo, ha deciso di creare delle fake apps per Android che, una volta installate, utilizzavano il credito telefonico degli ignari utenti per inviare sms a numeri a tariffazione maggiorata e nello stesso tempo raccoglievano i dati di accesso per siti di scommesse e giochi online.

In questo modo il giovane ragazzo è riuscito a mettere da parte oltre 500.000€ in poco tempo. Poi è stato preso e spedito in prigione dalla polizia francese per truffa ovviamente.

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

L’idea, però, è interessante, per quanto possa essere illegale e scorretta: il ragazzo, che non conosceva nessun linguaggio di programmazione, si è limitato a creare programmi simili ad altri molto famosi disponibili sul Play Store. Ha creato applicazioni con un nome e un logo simile e non ha fatto altro che aspettare che gli utenti li scaricassero sui propri smartphone.

Dopo il primo avvio, mentre l’utente si accorgeva di aver scaricato il gioco sbagliato, il programma iniziava a svuotare il conto telefonico degli ignari utenti inviando sms a numeri a pagamento. In sostanza, dunque, tutto questo è stato creato solo con l’amore per il computer e con l’ambizione di diventare sviluppatore di software. Peccato che il ragazzo abbia scelto la strada sbagliata.

Adesso il colpevole si trova in carcere in Francia, ma il problema è un altro: basta davvero così poco per creare un’applicazione fake e per pubblicarla sul Google Play Store? Apple avrà anche dei controlli rigidi per approvare le app, ma Google è forse troppo aperto. In questo modo, infatti, chiunque può pubblicare facilmente il proprio programma sul Play Store, anche chi ha cattive intenzioni come in questo caso.

Con Android 4.2 la sicurezza su Android sarà ulteriormente migliorata, ma il problema grosso riguarda il Play Store, non tanto lo smartphone o il sistema operativo in sè. Speriamo che col tempo Google decida di applicare controlli più severi al suo Play Store per evitare che si ripetano situazioni spiacevoli come questa.

via

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

3 COMMENTS

  1. ciao,
    secondo me il problema non riguarda tanto il Play Store ma l’abitudine della gente a considerare un dispositivo elettronico come qualcosa di superficiale e poco pericoloso.

    Non lascerebbero mai le chiavi della macchina inserite mentre si allontanano per andare a mangiare una pizza, eppure negli uffici è pieno di post-it con le password in bella vista mentre i proprietari vanno comodamente a mensa.

    Android ti avverte di quali permessi ha bisogno l’app… sei tu che accetti, e quindi ne accetti le conseguenze. In finale è come un contratto, se non lo leggi e te ne freghi (o peggio ancora non lo capisci, ma accetti ugualmente) poi non ti puoi lamentare delle conseguenze del tuo comportamento.

    Deve cambiare la mentalità della gente. Dobbiamo cominciare a considerare la sicurezza informatica come un qualcosa di serio ed importante, al pari delle chiavi di casa.

    Colgo l’occasione per complimentarmi per il tuo/vostro lavoro, vi seguo quotidianamente e trovo YLU veramente ottimo! continuate così

    • Grazie per i complimenti prima di tutto 😉

      Per quanto riguarda il resto, hai perfettamente ragione..solo che un pò di controllo aggiuntivo da parte di Google a protezione degli utenti non guasterebbe a mio avviso 😉 Diciamo un controllo a monte..poi ovviamente anche gli utenti hanno le loro responsabilità..

  2. E’ una balla che si possa scaricare da Google Play.
    Smettetela di credere a queste cialtronate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here