Home Apple Un iPad Pro Può Rimpiazzare Un PC?

Un iPad Pro Può Rimpiazzare Un PC?

0
SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated: sconti esclusivi su Amazon e Gearbest ogni giorno selezionati per te! 

Cosa può fare un iPad Pro? A cosa serve un iPad Pro? Si può usare un iPad Pro al posto di un computer? In questo articolo cercherò di rispondere a queste domande

Meglio iPad Pro o un PC?

Da parecchio tempo sono molto combattuto: posso abbandonare il mio PC portatile e girare solo con iPad Pro? Sto pensando da tanto a questa domanda, ma fatico a trovare una risposta definitiva.

Con l’arrivo di iOS 11 il tablet di Apple offre un vero multitasking e la potenza sicuramente non gli manca. Se lo associamo ad una tastiera fisica diventa perfetto anche per gestire il blog, rispondere alle email e lavorare con Office. Anche la batteria è veramente ottima, e non dimentichiamo peso e dimensioni davvero contenuti, che ne fanno il compagno di viaggio ideale.

Ma iPad Pro non è perfetto: non ha porte USB, non si possono collegare chiavette USB e schede MicroSD (vero solo in parte), non si può collegare un mouse e ci sono altri limiti rispetto ad un normale computer.

Insomma, ci sono pro e contro nell’abbandonare un PC per passare ad iPad Pro, e in questo articolo cercherò di analizzarli tutti. Magari insieme riusciremo a capire se iPad Pro è meglio (o peggio) di un PC portatile. 

iPad Pro al posto di un computer?

Effettivamente è dal 2016 che Apple vuole convincerci che iPad Pro sia il perfetto sostituto dei PC: lo diceva durante la presentazione ufficiale ed ha continuato a dirlo nelle varie pubblicità, dove l’azienda sosteneva che iPad Pro potesse fare tutto (e di più) quello che fa un normale PC desktop o PC portatile. Ma dal mio punto di vista questo era vero solo in parte: con l’arrivo di iOS 11 effettivamente Apple ha liberato tutto il potenziale di iPad Pro. 

Vero multitasking con iOS 11

Grazie ad iOS 11, infatti, iPad Pro può sfruttare il vero multitasking, che permette di utilizzare tutto lo spazio disponibile sul display per aprire più app insieme e svolgere varie operazioni contemporaneamente, spingendo al massimo il processore che Apple ha installato sul tablet. E non dimentichiamo che con iOS 11 è arrivata anche l’attesissima dock in stile Mac, per lanciare e gestire più comodamente le nostre app: è anche grazie a questa novità che iPad Pro è diventato veramente in grado di competere alla pari con PC fissi e portatili.

Ammetto che da sempre sono stato molto titubante sull’abbandonare il computer (e la sua flessibilità) per passare ad un tablet (anche con tastiera), ma, come anticipato, con iOS 11 le cose sono cambiate ed effettivamente se usiamo un iPad Pro con tastiera esterna e magari anche una Apple Pen non si sente troppo la mancanza del computer. Anzi, non si nota quasi per niente, soprattutto in mobilità e in ambito lavorativo.

E’ chiaro che non possiamo pretendere che in tutti i casi iPad Pro possa sostituire un computer, ma per quanto riguarda scrittura di articoli, gestione email, documenti di Office, navigazione web, editing di foto e video (basilare), qualche sessione di gioco, sicuramente iPad Pro se la gioca alla pari con un computer portatile. 

Nemico della distrazione

Soprattutto in ambito produttività si notano importanti vantaggi passando da computer ad iPad Pro: il tablet di Apple è nemico della distrazione e, al contrario del PC, dove si passa facilmente tra una scheda di Chrome e l’altra, su iPad Pro si resta concentrati su quello che si sta facendo, anche perché lo spazio per le finestre è limitato e sicuro non c’è un supporto per un secondo monitor in cui andare ad aprire altre app inutili che rallentano il nostro lavoro.

E’ vero, iPad Pro gestisce bene il multitasking con iOS 11, ma alla fine ti limiterai a fare una cosa alla volta, anche perchè lo spazio sullo schermo è limitato e diventa difficile aprire tante app.

Si sente la mancanza del mouse?

Una delle cose più incredibili è che, quando usavo un PC portatile Windows (anche quelli con schermo touch), ho sempre sentito la mancanza di un mouse in ambito lavorativo. 

Con iPad Pro, invece, non ho mai sentito questo problema, perché le funzioni di iOS sono studiate appositamente per rendere inutile un mouse. Le gesture sono così naturali e intuitive che dopo pochi istanti non sentirai più la mancanza del mouse per interagire col sistema. Anzi, dopo aver usato iPad Pro per lavorare, quando si torna al PC si sente la mancanza di questi gesti rapidi e manca il senso di contatto diretto con il display.

E non dimentichiamo comunque che, quando sentiamo troppo la mancanza del mouse, possiamo sempre appoggiarci alla Apple Pencil, che non è solo un simpatico giochino per disegnare e pitturare, ma una valida alternativa al mouse (e non solo).

E poi c’è la Apple Smart Keyboard, che non sarà precisa, bella e affidabile come le migliori tastiere meccaniche, ma fa il suo lavoro egregiamente e ci permette di scrivere per ore e ore in mobilità senza sentire la mancanza di una classica tastiera per PC.

Passando alle operazioni di tutti i giorni, come puoi immaginare io passo gran parte del mio tempo a pubblicare articoli sul blog, su WordPress, un CMS che inizialmente non era stato creato per essere gestito da tablet con gestures. Ma grazie al browser internet Chrome e all’app dedicata (su App Store ci sono app per tutti i gusti e le esigenze) posso dire di riuscire a gestire anche il sito in mobilità senza alcun problema e senza difficoltà. 

Come già anticipato, in tutti i casi in cui sentivo di aver bisogno del mouse, potevo sempre appoggiarmi alla Apple Pencil. 

Del computer mi mancano solo le estensioni di Chrome, che su iOS (e anche su Android) purtroppo ancora non funzionano.

Oltre alla navigazione web, tra le altre operazioni che si possono svolgere senza problemi su iPad Pro c’è la modifica delle foto, anche tramite programmi come Lightroom, che gestisce alla grande anche i file RAW scattati direttamente con la fotocamera del tablet.

Sempre parlando di foto, manca la possibilità di ridimensionare tante foto assieme, o di applicare il watermark su tante immagini contemporaneamente, ma niente di grave.

L’app Files è spettacolare!

Altra novità utilissima introdotta con iOS 11 è l’app Files, una sorta di Esplora Risorse di Windows per iPad Pro: ne sentivo la sua mancanza da quando ho provato iOS per la prima volta, ma finalmente ora anche Apple ha dotato i suoi tablet di questo gestore dei file davvero utilissimo e comodissimo.

 Mancano alcune cose rispetto ad un PC

Come ho anticipato ad inizio articolo, però, iPad Pro non può sostituire al 100% un PC: ad esempio al suo interno non è possibile avere tutte le canzoni e i film che abbiamo su iTunes, così come non è possibile usare il tablet per sincronizzare tutti i nostri dispositivi. E’ vero, si integra perfettamente con iCloud, ma chi usa ancora supporti fisici per la sync troverà qualche difficoltà nel farlo.

Non dimentichiamo poi che, per quanto siano efficienti e potenti, iPad Pro, iPhone e iOS in generale sono molto chiusi: fanno solo quello che vuole Apple, come vuole Apple. Al contrario di un PC, è impensabile. Immagina semplicemente di voler guardare film, serie tv o altri video che hai salvato su una chiavetta USB, o di voler riprodurre file video non supportati da iOS.

E’ evidente che iPad Pro non è il dispositivo perfetto per uno smanettone in questo caso: chi si limita ad usare il dispositivo come previsto da Apple non avrà problemi, ma tutti gli altri che amano la libertà di Windows si sentiranno un pò limitati in certe circostanze.

iPad Pro è super compatto, ma..

E’ vero, iPad Pro è sottilissimo, leggerissimo e compattissimo. E’ perfetto per i viaggi (soprattutto in aereo) e per chi è sempre in movimento, ma rispetto ad un MacBook, ad esempio, perde le porte USB che permettono non solo di collegare dispositivi esterni (mouse, chiavette..), ma anche di caricarli grazie alla batteria del computer.

iPad Pro è una macchina da corsa, macOS un pickup versatile e potente

Cercando di arrivare alle conclusioni di questo lungo articolo, dal mio punto di vista iPad Pro è un dispositivo estremamente leggero, veloce, potente e immediato, perfetto per operazioni rapide e per chi vuole arrivare dritto al punto, senza perdere tempo e senza funzioni aggiuntive non indispensabili. E soprattutto senza il peso/ingombro classico di un computer, soprattutto quando siamo in viaggio (aereo, macchina) o quando siamo a letto.

Un qualsiasi computer con macOS, invece, è indubbiamente più potente, completo e con maggiori funzionalità, ma al tempo stesso, proprio per la sua maggiore versatilità, in certe situazioni potrebbe risultare più lento per raggiungere il nostro obiettivo.

A mio avviso iPad Pro può sostituire un computer nel 90% dei casi, ma non sempre, perché comunque iOS 11 ha i suoi limiti (anche se sono pochi, come abbiamo visto). Per quanto mi riguarda, l’unico “limite” che ho riscontrato con iPad Pro è la mancanza di quel senso di libertà e di controllo, di fare ciò che si vuole con il dispositivo, visto che bisogna stare nei confini tracciati dal sistema operativo. 

Se questo per te non è un problema, allora ti troverai benissimo con iPad Pro, soprattutto se le operazioni che esegui normalmente sono “basiche”: navigazione internet, email, documenti Office e simili.

Nel mio caso, quasi sempre iPad Pro è stato sufficiente per raggiungere il mio obiettivo, ma non ti nascondo che ho sempre avuto a disposizione un computer portatile per quelle poche operazioni che su iPad Pro non potevano essere effettuate, come ad esempio guardare foto e video da chiavetta USB o navigare su quei siti di streaming strapieni di pubblicità e banner, che su iPad Pro rendono impossibile navigare su quei portali (mentre su PC posso beneficiare delle estensioni di Google Chrome che bloccano tutta questa schifezza).

Il problema più grosso, nella scelta tra iPad Pro e un PC portatile, è forse la spesa da affrontare: il tablet di Apple, compresa cover con tastiera e pennino, supera i 1000 euro. A questo prezzo ci sono tantissimi computer portatili che offrono potenza da vendere e buona flessibilità, anche se montano il sistema operativo Windows, che soprattutto nella fascia bassa del mercato non offre la stessa esperienza d’uso di iOS e la stessa cura e ricercatezza dei materiali proposti da Apple.

Se vogliamo restare nel panorama Apple, dove comunque i prezzi sono più alti, il costo da sostenere per acquistare iPad Pro è simile a quello di un MacBook Air, quindi la scelta diventa difficile.

Attorno ai 1000 euro è meglio comprare un iPad Pro o un MacBook?

Come ho detto nell’articolo, nel 90% dei casi l’iPad può sostituire il computer, ma la vera domanda da farsi a mio avviso è: “Ho davvero bisogno di un computer? O mi basta un iPad per le operazioni quotidiane?”.

Dal mio punto di vista un iPad Pro è più che sufficiente nella quasi totalità dei casi, ma ha dalla sua gli incredibili vantaggi di immediatezza, leggerezza e compattezza che nessun computer portatile riesce ancora ad offrire.

Io, però, ho preferito comprare un macBook 12: costa di più, non ha il display touch, ma unisce tutti i vantaggi di un iPad con quelli di macOS e risulta perfetto per le mie esigenze. Ecco il video della recensione completa:

Io però sono un utente molto esigente, quindi penso che per quasi tutti i lettori di YourLifeUpdated la soluzione rappresentata da iPad Pro + tastiera sarebbe perfetta.

E tu cosa ne pensi? Meglio un iPad Pro o un computer portatile? Facci sapere la tua opinione nei commenti a fine articolo!

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here