VPN: tutto quello che devi sapere sulle Reti Private Virtuali

0

SEGUICI SU TELEGRAM E VINCI BUONI AMAZON

Una VPN (Virtual Private Network) è una rete privata virtuale che protegge la tua navigazione online criptando il tuo traffico internet. Per farlo utilizza un canale di comunicazione riservato (tunnel VPN), creato sopra un’infrastruttura di rete pubblica, garantendo privacy, anonimato e sicurezza alla tua navigazione.

In poche parole la VPN è un tunnel di passaggio (sicuro) tra il tuo dispositivo e internet. In questo articolo ti spiegheremo tutto ciò di cui hai bisogno di sapere per scegliere e utilizzare la miglior VPN per poter navigare su internet in modo sicuro e senza problemi.
Ecco cosa vedremo:

Che cos’è una VPN

Che cos'è una VPN

Una VPN è uno strumento che puoi utilizzare per proteggere la connessione quando devi effettuare alcune operazioni come usare wi-fi pubblici, connetterti all’estero, accedere ad alcuni tipi di contenuti.

Quando ci connettiamo, ognuno di noi ha uno specifico indirizzo IP, cioè un codice identificativo personale per la propria connessione internet, che ci rende riconoscibili e tracciabili online. Quindi qualsiasi cosa tu faccia è visibile a chiunque voglia saperlo.

Sostanzialmente la VPN ti permette di fare 3 cose in particolare:

      • aumentare la tua privacy online;
      • fornire maggiore sicurezza online;
      • navigare in internet più liberamente.

Ma come fa una VPN a garantire sicurezza, privacy e libertà?

Quando ti connetti la VPN reindirizza la tua connessione internet, attraverso una connessione sicura e criptata, a un server remoto, gestito da un provider VPN, offrendoti una piattaforma di lancio sicura prima di accedere ai vari siti web. Questo processo è denominato Tunneling.

Nel dettaglio, una volta stabilita la connessione, i tuoi dati vengono sottoposti a questa procedura:

      1. Il software VPN sul dispositivo da cui ti stai connettendo cripta il tuo traffico dati e lo invia al server VPN attraverso una connessione sicura.
      2. I dati, criptati, vengono decriptati dal server VPN.
      3. Il server VPN invia i tuoi dati alla rete internet e riceve una risposta.
      4. A questo punto il traffico viene nuovamente criptato dal server VPN e inviato a te.
      5. Infine il software VPN sul tuo dispositivo decripta nuovamente i dati in modo che tu possa comprenderli e utilizzarli.

In questo modo la VPN è capace di camuffare l’indirizzo IP, nascondendo la tua identità sia nel traffico in entrata dei dati che nel traffico in uscita e quindi, in questo modo:

      • la tua privacy sarà tutelata perchè il tuo indirizzo IP personale viene nascosto nel momento in cui ti connetti con il server VPN, trasformandosi nell’IP del server VPN. Mentre, normalmente, molti siti e enti governativi possono vedere quello che fai online, con una VPN le tue azioni online possono essere ricondotte solo al server VPN, ma non a te.
      • la tua sicurezza nella navigazione sarà maggiore perchè criptando i tuoi dati e utilizzando un tunnel sicuro diventa molto più difficile agli hacker e ad altre parti intercettarli.
      • la tua navigazione sarà più libera perchè potrai connetterti ai server di un altro Paese, come se ti trovassi lì, aggirandone vincoli restrittivi e censure di navigazione. Infatti molti lo usano per accedere a siti web o servizi di streaming di un altro Paese.

Come funziona una VPN aziendale

Se lavori in un’azienda, avrai sicuramente a che fare con una connessione privata  protetta da VPN. Questa rete privata nacque proprio per garantire sicurezza alle grandi aziende che avevano molti dati importanti da proteggere. Oggi, oltre a fornire un alto livello di crittografia per la protezione di dati e informazioni da attacchi esterni, permette anche ai dipendenti che lavorano da remoto di collegarsi a internet come se si trovassero in ufficio.

La VPN aziendale permette anche:

      • Ai computer connessi alla rete (che siano nello stesso ufficio o all’esterno) di comunicare tra loro come se fossero tutti fisicamente collegati
      • Nascondere le attività svolte online sia al fornitore del servizio che a strumenti governativi
      • Modificare virtualmente la propria posizione geografica per accedere a siti bloccati o censurati dalla geo-localizzazione
      • Abbattere i costi di molte operazioni e dell’IT legati alla tua attività
      • Ridurre il tempo di transito e i costi di trasporto per clienti in remoto

Una VPN aziendale funziona quasi allo stesso modo di una normale VPN casalinga, però, mentre con quest’ultima puoi impedire a chiunque di tracciare la tua attività online, con quelle aziendali dovrai condividere i tuoi dati con tutti i dipendenti dell’azienda.

Tipi di connessione VPN

Ci sono 2 tipi di VPN tra cui poter scegliere, a seconda delle esigenze delle aziende:

    • la connessione VPN ad accesso remoto, molto semplice e comune, utilizzata soprattutto dai dipendenti che lavorano in smartworking. È un collegamento dedicato e privato, che consente ad alcuni utenti specifici di accedere, da remoto, a un server sulla rete privata dell’azienda che fa da tramite della rete Internet.
    • la connessione VPN site-to-site è utilizzata per connettere uffici dislocati in più sedi o uffici di altre organizzazioni in un’unica rete privata con l’ausilio di una rete pubblica. Tutto ciò consentendo il routing ed una comunicazione sicura. Ogni sede deve avere un router dedicato, cioè un nodo della rete VPN per mandare i dati verso i destinatari secondo un modello client/server, condividendo le informazioni con le sedi remote in modo del tutto trasparente. In questa tipologia si possono distinguere due sotto classi di VPN site-to-site:
    • VPN-Intranet che uniscono più sedi della stessa azienda;
    • VPN-Extranet che uniscono aziende e/o uffici esterni all’organizzazione.

Per quali attività è consigliabile usare una VPN

Sono tante le attività in rete che ti rendono vulnerabili ad attacchi hacker o a violazioni della privacy, ma con l’uso di una VPN puoi navigare come e quanto vuoi in tutta tranquillità. Vediamo quali sono le attività per cui è consigliabile l’uso di una VPN.

Per collegarsi da wifi pubblici

Le Wi-Fi e gli hotspot pubblici a cui puoi accedere gratuitamente, anche se protetti da password, sono pericolosi, perchè è abbastanza semplice per un hacker che utilizza la stessa rete leggere i tuoi dati personali.

Per viaggiare

Quando viaggi, soprattutto all’estero, potresti avere difficoltà ad accedere ad alcuni siti. Alcuni Stati, infatti, bloccano l’accesso a siti come Facebook, YouTube, Gmail e altri servizi Google. Con le VPN puoi modificare il tuo indirizzo IP in modo che la tua navigazione risulti in un luogo diverso in cui è possibile accedere ai contenuti che ti servono.

Considera poi anche la sorveglianza dei governi utilizzando una VPN priva di registri puoi proteggerti dal tracciamento da parte degli Internet Service Provide (ISP) e dalla sorveglianza governativa generalizzata

Per estendere la copertura di sicurezza a tutti i tuoi dispositivi

Alcune VPN permettono di estendere la sicurezza non a un solo dispositivo, ad esempio lo Smartphone, ma anche a tutti gli altri dispositivi che possiedi come PC e tablet, in modo da poter avere sempre a disposizione, in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo, una connessione sicura.

Per espandere il tuo business

Questa funzionalità, che inizialmente non avevamo previsto, è stata indicata da Angelo Valenza, CEO di Clickable, agenzia di Bologna specializzata in SEO e Google Ads.

Infatti, se hai un’azienda in Italia e vuoi espandere il tuo business all’estero, avrai bisogno di analizzare il mercato e i competitor, ma dall’Italia potrebbe non essere sempre facile farlo.

Alcuni competitor esteri potrebbero aver bloccato gli IP italiani, o comunque gli IP fuori dai loro paesi di appartenenza, e redirezionarti alla versione internazionale del sito, oppure bloccarti. Con una VPN, hai la possibilità di cambiare l’indirizzo IP ed eseguire le ricerche proprio come farebbe una persona locale, assicurandoti di poter effettuare le tue ricerche di mercato, e capire il posizionamento di mercato, il target di riferimento dei tuoi competitor e in generale tutto ciò di cui hai bisogno per poter entrare nei mercati esteri.

Per accedere a contenuti streaming

Siti di streaming come Netflix, Hulu, Amazon Prime hanno cataloghi e abbonamenti diversi per ogni Paese. Se il tuo indirizzo IP è in Italia, non ti permetteranno di accedere al catalogo di un altro Paese, ma con le VPN puoi aggirare questo blocco e accedere ai contenuti di Netflix e altre piattaforme streaming senza problemi.

Per utilizzare servizi di condivisione di file

Molti ISP tentano di scoraggiare gli utenti alla condivisione di file con metodo P2P (Peer-to-Peer) – metodo più efficace per condividere grandi quantità di informazioni in rete-  impostando limiti di banda che rallentano la velocità di una connessione e monitorando l’accesso a questi siti di condivisione. Con le VPN puoi svolgere queste operazioni in anonimato.

Protocolli VPN

Per la trasmissione VPN esistono vari protocolli di cifratura, cioè un insieme di  regole definite al fine di gestire la comunicazione tra dispositivi, garantendo che i dati passino per il tunnel e arrivino dal client al server senza poter essere decriptati.Ogni protocollo ha la sua specificità e contribuisce alla protezione dei pacchetti dati in trasmissione.

La scelta tra questi dovrebbe dipendere dalle necessità e dai requisiti desiderati, i più conosciuti sono:

  • OpenVPN: protocollo open source molto affidabile, versatile e offre un equilibrio perfetto tra velocità, sicurezza e affidabilità;
  • PPTP: Point to Point Tunneling Protocol è un protocollo ormai un po’ datato, (il primo supportato da Microsoft) ma compatibile con qualsiasi dispositivo abilitato per VPN. Tuttavia non è più molto sicuro, spesso infatti si sono verificate violazioni gravi dalla National Security Agency;
  • L2TP / IPsec: è un protocollo con un certo livello di sicurezza, risultato dall’implementazione di 2 protocolli separati, L2TP e IPsec. Questo perché L2TP non fornisce nessuna criptazione da solo, mentre IPsec supporta chiavi fino a 256 bit. Questo protocollo combinato consente la trasmissione crittografata dei pacchetti dati (IPSEC) su un tunnel virtuale (L2TP);
  • SSTP: Secure Socket Tunneling Protocol è uno dei migliori protocolli in circolazione, lanciato da Windows. È completamente integrato nel sistema operativo e semplice da utilizzare su Microsoft, mentre su altri sistemi operativi è estremamente difficile usarlo. Ma è senza dubbio uno dei protocolli più sicuri;
  • HTTPS: Hyper Text Transfer Protocol Secure è un protocollo ormai molto conosciuto la cui applicazione serve per un trasferimento ipertestuale sicuro che si appoggia sul protocollo di trasporto SSL/TLS.

Come configurare una VPN su Windows 10, iPhone e Android

A seconda del dispositivo da cui ti connetti, ci sono delle procedure specifiche per poter configurare una VPN.

Configurazione su Windows 10

Per utilizzare una VPN dal tuo pc Windows 10, Microsoft mette a disposizione una guida molto semplice e dettagliata su come connettersi a una VPN, dividendo l’operazione in due fasi: creazione di un profilo VPN e in seguito connessione.

A questo proposito, puoi trovare dei buoni profili VPN sul sito VPNbook, che offre appunto questo tipo di accessi con username e password.

Configurazione su Iphone, IPad e iOs

Per poter configurare un dispositivo della casa di produzione iPhone dovrai invece seguire i seguenti passaggi:

  • scegliere la VPN;
  • andare nelle Impostazioni > sezione VPN > scegliere la voce Aggiungi configurazione VPN;
  • qui dovrai scegliere il protocollo della VPN;
  • a questo punto, in alto a destra, troverai il tasto Fine, clicca  e la nuova VPN configurata inizierà ad essere visibile nella sezione dedicata;
  • Infine seleziona la nuova voce e attiva l’opzione Stato, nella foto che segue ti viene mostrato come procedere.

https://www.iphonecountry.it/wp-content/uploads/2017/03/connettere-vpn-ios.jpg

Configurazione su Android

Nelle ultime versioni di Android è molto semplice configurare le VPN perché vengono gestite direttamente dal sistema operativo, basta installare l’app del servizio VPN da te scelto, avviarla e accettare il messaggio d’avviso.

Configurazione sul router

Se vuoi configurare una VPN sul router devi prima di tutto essere sicuro che il tuo ne supporta l’installazione. Molti router infatti non supportano l’installazione, ma esistono ormai tanti modelli che invece hanno una preconfigurazione alle VPN. Per cui le tue opzioni sono:

  • comprare un router VPN preconfigurato che sarà subito pronto ad essere utilizzato
  • oppure utilizzare un router che supporti una VPN e configurarla manualmente

Nel secondo caso, ogni router ha le sue istruzioni per la configurazione, tuttavia nella maggior parte dei router è strutturata in maniera simile e i passaggi sono grossomodo i seguenti:

  • prima di tutto devi capire qual è l’indirizzo IP del router. Lo potrai trovare sul manuale di istruzioni, o guardando l’indirizzo del gateway predefinito sui tuoi device.
  • apri il browser e trascrivi l’indirizzo IP del router come URL(192.168.13.1) in modo da ottenere una richiesta di login per la console amministrativa del router.
  • ottenuto l’accesso alle funzioni di amministratore del router, nella sezione Amministrazione dovresti trovare il comando che permette l’aggiornamento del firmware
  • quindi scarica e installa un firmware, il più utilizzato è DD-WRT (in alternativa c’è Tomato o altri meno utilizzati)
  • entra nel firmware, vai alla scheda VPN, entra nella sezione Servizi e seleziona Avvia client OpenVPN su Abilita
  • inserisci le informazioni che ti verranno richieste sulla VPN che intendi usare e a quel punto dovresti essere connesso

Come bloccare una VPN?

Le VPN permettono di aggirare i blocchi geografici e le censure in maniera sicura e veloce, ma alcuni governi e aziende che cercano di controllare l’accesso a Internet hanno dalla loro parte tecnologia anti-VPN che possono rilevare e bloccare gli utenti che utilizzano VPN, impedendo l’accesso a siti web e reti locali.

Questi blocchi però possono essere superati utilizzando delle VPN che possiedono un alto numero di server nel paese che vuoi usare come posizione virtuale e che aggiornino regolarmente gli indirizzi IP dei loro server.

In particolare ci sono 3 tipi di blocco:

  • Blocco delle porte: i dati passano attraverso varie “porte”, quelle più utilizzate dalle VPN potrebbero venir chiuse dagli amministratori di rete per impedirti l’accesso. Per aggirare a tua volta il blocco ti toccherà configurare la tua VPN per utilizzare una porta meno nota.
  • Blocco dell’IP: quando utilizzi una VPN, i siti web non vedono il tuo indirizzo IP, ma la posizione e l’indirizzo IP del server a cui sei connesso. Per cui molti siti, ma soprattutto le piattaforme di streaming come Netflix, confrontano gli indirizzi IP dei visitatori con un database di server VPN noti e, se notano corrispondenze, bloccano l’accesso al loro sito web. In questo caso è meglio utilizzare fornitori di VPN che cambiano regolarmente gli indirizzi IP dei loro server in modo che Netflix e altri non li possa identificare.

Blocco DPI (Deep packet inspection): grandi aziende e governi possono usare tecniche DPI per esaminare i dati che viaggiano attraverso la loro rete e agire per bloccare, reindirizzare o registrare i dati. Per aggirare questo blocco puoi usare Tor come browser che associato a Obfsproxy, un programma che cambia il modo in cui i dati appaiono sulla rete, potrai prevenire il rilevamento DPI.

VPN a pagamento e gratuite: quale scegliere

Nonostante la maggior parte delle VPN siano a pagamento, ci sono numerose VPN che offrono un servizio gratuito. La scelta su quale tipo di VPN usare dipende sia dalle disponibilità economiche che dall’uso che ne dovrai fare.

Ovviamente le VPN a pagamento hanno più fondi da investire per dare un servizio migliore e completo di quelle che, essendo gratuite, avranno più difficoltà ad offrire servizi completi ed efficienti. Per decidere se affidarti a una VPN a pagamento o gratuita devi pensare analizzare 3 fattori in particolare:

  • Sicurezza: il fattore principale nella scelta di una VPN. Di solito i servizi gratuiti offrono un protocollo di collegamento PPTP, cioè la configurazione più semplice che si possa avere ma non la più sicura, rendendo queste connessioni VPN molto più vulnerabili ad attacchi esterni. I servizi di pagamento, invece, offrono vari protocolli VPN, di tipo IPSec o L2TP, molto più sicuri.
  • Larghezza di banda disponibile: le VPN gratuite non hanno abbastanza fondi per investire in infrastrutture di qualità, con conseguenti connessioni lente. Le VPN a pagamento invece dispongono dei fondi necessari per migliorare le proprie infrastrutture per un servizio molto più veloce e sicuro.
  • Numero di server: le VPN gratuite si affidano a pochi server mentre quelli a pagamento investono in una vasta gamma di server garantendo connessioni sempre attive e streaming fluido e senza buffering.

Le VPN sono legali?

Molti si sono interrogati sulla legalità di queste reti virtuali. In realtà non c’è una risposta che valga per ogni Stato: per la maggior parte dei paesi del mondo è legale, ma ogni paese ha le sue leggi e le sue regole. Infatti originariamente le VPN erano utilizzate per fornire una rete sicura alle grandi organizzazioni, col tempo però i suoi utilizzi sono stati estesi in pratiche illegali, non raccomandate o comunque poco ortodosse.

In ogni caso nella maggior parte dei paesi occidentali non c’è pericolo di incappare in problemi con le autorità se utilizzi una connessione VPN, il problema è per quei paesi con leggi autoritarie come la Cina, la Corea del Nord e il Turkmenistan dove la libertà di usare internet è limitata. In questi paesi infatti è assolutamente vietato utilizzare VPN perché, altrimenti, i Governi non possono controllare le informazioni alle quali i loro cittadini possono accedere, né monitorare e registrare il comportamento degli utenti privati.

Le migliori 4 VPN

Abbiamo selezionato quelle che secondo noi sono le 4 migliori VPM a pagamento in circolazione.

ExpressVPN

ExpressVPN

Probabilmente ExpressVPN è la migliore tra le VPN oggi disponibili.

Offre un periodo di prova gratuito di 30 giorni. Alla fine della prova è possibile continuare con abbonamento annuale o mensile che non supera i 10€ di costo, oppure godere di una promozione speciale per un abbonamento di 15 mesi.

Estremamente veloce e sicura, dispone di app adattabili a tutti i tipi di dispositivi come Mac, Windows, Android, iOS, Linux, router e altro. Unica pecca: non ha uno strumento di blocco degli annunci.

Questa formidabile VPN mette comunque a disposizione:

  • Larghezza di banda illimitata che garantisce sempre una rete veloce
  • Scelta tra 160 posizioni in 94 paesi per mantenere nascosta la posizione reale
  • Traffico P2P/torrent veloce e anonimo
  • Sblocco di Netflix USA, BBC, HBO e altro
  • Nessun registro delle attività web

CyberGhost

CyberGhost VPN
Alla pari di ExpressVPN, CyberGhost ha tutto quello che ti serve per poterti rendere invisibile. Con questa VPN puoi beneficiare di ben 45 giorni di prova e un risparmio del 79% se scegli l’abbonamento di 3 mesi. Con una cifratura a 256 bit, può tenerti nascosto da qualsiasi cosa. Possiede quasi 6000 server, con navigazione veloce nonostante sia  possibile connettere fino a 7 dispositivi contemporaneamente. Con questa VPN hai a disposizione anche;

  • Traffico P2P/torrent veloce e anonimo
  • Sblocco di Netflix USA, BBC, HBO e altro
  • Nessun registro delle attività web
  • Più di 90 paesi disponibili
  • Politica di non registrazione efficace
  • Blocco automatico degli annunci

NordVPN

nord-vpn
Anche NordVPN è un’ottima VPN con più di 5800 server in tutto il mondo che, dopo un mese di prova gratuito, permette di scegliere vari piani di abbonamento e promozioni. Con un solo account possono essere collegati fino a 6 dispositivi per poter offrire protezione anche ai tuoi amici o la tua famiglia. Presenta quasi le stesse caratteristiche dei VPN precedenti, tranne per la presenza di strumenti che bloccano gli annunci ma disponibilità di un numero di paesi a disposizione ridotto, cioè solo 55.

Surfshark

Surfshark

Per chi non vuole spendere molto ma vuole comunque una buona protezione può scegliere Surfshark: economico e facile da usare. Anche se non è tra i migliori in circolazione ha comunque buone qualità che possono tornarti utile:

  • account a cui è possibile associare un numero illimitato di dispositivi
  • Traffico P2P/torrent veloce e anonimo
  • Garanzia di rimborso a 30 giorni
  • Blocco della pubblicità
  • Prezzi molto bassi e possibilità di pagare con criptovalute

Webscribe

schermata-windscribe

Chiudiamo la classifica con una delle migliori VPN gratuite, Webscribe presenta una versione gratuita senza vincoli con 10 GB di dati al mese. Mette a disposizione 300 server e un ad-blocker contro il tracciamento dei social media. È disponibile in oltre 60 paesi e compatibile sia con pc che mobile.

Ha un buon servizio clienti con un team di assistenza attivo  tramite live chat, servizio ticket ed e-mail. Lo svantaggio di questa VPN, come quello di molte VPN gratuite, è la velocità non eccelsa

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here