Alcune regole SEO da NON seguire più

0

Alcune vecchie regole del SEO che molti ancora utilizzano e che di fatto penalizzano il vostro sito. Ecco le regole da NON seguire più

Alcune regole SEO da NON seguire più

Se sei un blogger e scrivi per un sito web sicuramente uno dei punti fondamentali per aumentare il tuo traffico e visite è essere indicizzato al meglio sui motori di ricerca. L’ottimizzazione dei contenuti per comparire tra i primi nei risultati delle ricerche si chiama SEO e se fatta al meglio permette di essere trovati dai motori di ricerca come Google e Bing

Nel corso degli anni però il SEO è cambiato, si è aggiornato, modificato e profondamente diverso a quello visto anche solo qualche anno fa. Cambiano gli algoritmi, metodi di ricerca e motori sempre più evoluti e funzionali che si adattano al cambiare della mente umana restituendo risultati sempre più precisi.

Ecco che con il passare gli anni le regole di SEO cambiano ed alcune NON si devono più utilizzare. Noi abbiamo raccolto 5 pratiche di SEO che ora sono in disuso e non devono essere più utilizzate in quanto obsolete.

Ecco alcuni consigli pratici da NON seguire.

Consigli da NON seguire per un buon SEO

Abbiamo selezionato i 5 consigli da NON seguire per fare un SEO aggiornato ai nostri tempi e non restare aggrappato ad un passato che potrebbe danneggiare il vostro sito.

Keywords: Troppe fanno male

Usa la parole chiave in modo corretto e deve descrivere il tuo articolo in maniera chiara ma non usare troppe keywords in un articolo.

La parola chiave, devi inserirla ovviamente nel titolo, nel permalink dell’articolo, nel paragrafo di apertura articolo e nei sottotitoli h2 e poi ripetila ogni 150 parole non ad ogni frase.

Article Directories

Gli Article Directories sono quelle pratiche che permettono di pubblicare gli articoli rimandando al tuo sito. Beh gli Article Directories non piacciono ai motori di ricerca. Il guest blog è un esempio molto fruttuoso di come funziona al meglio ai giorni d’oggi.

Copiare

E’ una regola generale e vale sempre ma copiare non fa mai bene e non piace ai motori di ricerca. Se qualche anno fa i motori di ricerca era facile prenderli in giro cambiando l’ordine delle parole, adesso un contenuto copiato è individuabile in pochi click. Beh non copiate e siate creativi. Sia nei contenuti che negli articoli originali. Così avrete successo.

Non c’è solo Google

Sapete che non esiste solo Google? Ben ci sono giganti come Bing, Yahaoo! ed altri social network dove pubblicare i nostri contenuti che pensano in modo diverso da Google. Fare un SEO che punti tutto su Google è sbagliato.

Scambio di link

Non funziona più. Lo scambio di link con siti web a caso, forum, blog ed altro non piace ai motori di ricerca. Sono oltre 10 anni che questo penalizza il sito da siti che non trattano il nostro settore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here