Darknet: cosa è e come funziona

C’è chi la conosce ma non la evita pur di assicurarsi gratis materiale protetto. Entrarci comporta però grossi rischi. Ecco cosa si cela nell’altra faccia del web. 

Visto che in questi giorni si parla molto della Darknet, ho deciso di pubblicare questo articolo per fare un pò di chiarezza in merito.

Cosa è Darknet? Come funziona Darknet? Darknet si paga? Darknet è sicura? Sono tutte domande a cui proverò a dare risposta nelle prossime righe. 

Dopo la chiusura di Megaupload e siti di file hosting simili, la paura serpeggia tra gli utenti di quei servizi: si mormora che, dopo aver arrestato i promotori e chiuso i siti, ora gli investigatori siano alla caccia anche degli utenti. Che si tratti di notizie fondate o meno, queste voci hanno avuto l’effetto di spingere sempre più persone a cercare delle alternative per scaricare i file dalla rete.

Molti utenti sono tornati alla rete eMule, altri ai Torrent, altri ancora alla rete IRC.

Tanti altri, invece, hanno trovato alternative nella rete Darknet, una rete di siti underground normalmente non accessibile ai comuni navigatori di internet. Darknet infatti promette l’anonimato totale e l’accesso completamente gratuito ai download illegali (film, giochi, programmi, serie TV…), ma quasi nessuno conosce i pericoli nell’entrare in questo vero e proprio lato oscuro di internet.

Darknet, così come le moltissime pagine nascoste e non indicizzate del DeepWeb, sono termi che indicano delle reti anonime. In questo caso, non esiste un singolo server centrale che si occupa della gestione dei dati trattati, come avviene invece normalmente per i siti Internet: Darknet è invece creata dall’unione di molti PC privati, i cui dati vengono scambiati in forma diretta ma criptata. 

Darknet: accesso e navigazione

Non solo la struttura, ma anche le possibilità di accedere a Darknet differiscono dai canoni standard di Internet. Iniziare è facile: basta avere un software dedicato da installare sul sistema operativo e che si integra con il browser Firefox e non richiede impostazioni troppo elaborate.

Il programma è Tor, indispensabile per crittografare il flusso dati. Quando ci si collega tramite esso alla rete Darknet, l’utente rimane anonimi e può navigare su di essa come sulle normali pagine web, restando però sempre anonimo. Darknet, però, ha alcune caratteristiche particolari:

non si trova su Google: il lato oscuro delle reti non può essere trovato tramite i normali motori di ricerca. Esistono, invece, grandi elenchi di link, accessibili su siti come Newzbin o HiddenWiki, su cui sono presenti migliaia di collegamenti, ciascuno dei quali riporta a contenuti presenti su un computer della Darknet. Qui si trova di tutto: musica, film e software, tutto materiale illegale.

i contenuti non sono sempre disponibili: se uno dei computer si disconnette, i materiali presenti su di esso non sono più accessibili. Tuttavia, secondo gli esperti, la quantità di dati disponibile su Darknet è enorme: si stima una quantità superiore di 500 volte rispetto a quella presente sulla “normale” internet.

i collegamenti sono lenti: per proteggere l’anonimato degli utenti, i pacchetti di dati non vengono inviati direttamente, ma sono cifrati e seguono un percorso più tortuoso, passando da più PC per rendere difficili eventuali tracciamenti, anche se non del tutto impossibili. Per questo motivo il trasferimento dati è più lento rispetto a Internet normale.

Paradiso dell’illegalità?

Certo che no. Per alcuni, Darknet è solo il modo per sfuggire all’oppressione dei regimi degli stati totalitari e potersi così esprimere liberamente e mantenere i contatti con il resto del mondo. Ma l’anonimato delle Darknet, ovviamente, attrae anche criminali che hanno cose ben peggiori in rete che non la classica condivisione di musica o film. Nell’anonimato della Darknet si muovono spesso spacciatori di droga, trafficanti di armi e gente simile. Bisogna quindi prestare la massima attenzione: chi entra nella Darknet si rende inconsapevolmente complice di tutti costoro visto che i dati cifrati delle varie connessioni vengono trasferiti da computer a computer in modo casuale, uno di questi potrebbe essere il vostro.

Come funziona la rete Tor

L’utente installa sul proprio computer il Browser Tor (o un plugin per il suo attuale browser internet) e lo avvia. Il software stabilisce automaticamente una connessione di rete sicura alla rete Tor. Poichè in questa rete tutti i PC collegati comunicano in modo crittografato, non è possibile determinare quale di essi recupera effettivamente i contenuti richiesti. I dati non arrivano direttamente al richiedente, ma passano prima attraverso più computer. Per questo l’accesso alle pagine della Darknet è più lento rispetto alla navigazione “normale”.

Bene, spero di aver fatto un pò di chiarezza su Darknet.

Il mio consiglio è di NON usarla a meno che non siate utenti davvero esperti. Per tutti gli altri, per scaricare film, giochi, musica e programmi velocemente da internet, consiglio di usare questi siti:

Migliori siti per scaricare film, giochi, programmi, musica ed altro ancora

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here