I sindacati indicono lo sciopero nazionale dei corrieri per il Black Friday di Amazon (26 novembre 2021). C’è il rischio del blocco delle consegne

Sciopero corrieri Black Friday 26 novembre

Brutte, bruttissime notizie arrivano per Amazon in vista del Black Friday, che quest’anno sarà il 26 Novembre.

In breve, infatti, è stato indetto uno sciopero dei corrieri proprio per il Black Friday. Questo, chiaramente, comporterà non pochi problemi per il colosso dell’e-commerce, che non riuscirà a consegnare i prodotti ordinati ai propri clienti.

Ma cerchiamo di capire nel dettaglio perché è stato indetto questo sciopero e come funzionerà.

Perché c’è lo sciopero dei corrieri per il Black Friday?

A deciderlo è stato Michele De Rose, segretario nazionale della sigla Filt Cigl tramite un lungo post pubblicato su Facebook:

Alla base dello sciopero c’è la richiesta di abbassare carichi e ritmi di lavoro, divenuti insostenibili, nonché quella di diminuire l’orario settimanale dei driver.

Ogni singolo corriere, infatti, arriva facilmente a consegnare più di 200 pacchi al giorno, con 130-140 fermate in media per 8-9 ore di lavoro senza pause o rallentamenti.

Per i sindacati si tratta di una condizione assolutamente inaccettabile: a tal proposito si chiede di diminuire le 44 ore settimanali a 42 e poi a 39.

Occorre anche dare continuità occupazionale a tutto il personale, in occasione dei cambi di appalto e di contratto, ridurre la responsabilità sui fattori in casi di danni e franchigie, aumentare il valore economico della trasferta e introdurre il premio di risultato – sottolinea De Rose. 

È infine necessario garantire la normativa sulla privacy, la gestione dei dati ed il controllo a distanza, escludendo ogni ripercussione di carattere disciplinare.”

Quanti corrieri si fermeranno per il Black Friday?

La mobilitazione decisa dal segretario nazionale interesserà più di 12 mila corrieri dipendenti delle aziende iscritte ad Assoespressi a cui si aggiungono anche i 3-4 mila stagionali richiamati per soddisfare il picco delle domande atteso durante il Black Friday.

Il commento di Amazon

Amazon ha risposto subito alla questione ed ha fatto sapere che i suoi corrieri, assunti attraverso società terze sempre controllate e “allontanate” in caso di violazione dei termini contrattuali, vengono impiegati con il contratto G1 del CCNL e uno stipendio lordo di 1658€ mensile + 300€ netti mensili di indennità giornaliera.

Amazon prosegue: “Oltre il 96% delle rotte effettuate in Italia viene completato entro la conclusione dell’orario lavorativo e, frequentemente, con largo anticipo rispetto alla conclusione dello stesso”.

Amazon sostiene inoltre che gli autisti sono liberi di non seguire le indicazioni dell’algoritmo dei palmari forniti in dotazione (che calcolano automaticamente i percorsi più veloci in base al traffico) anche se, a detta dell’azienda, l’affidabilità è tale che consente lo svolgimento della giornata lavorativa in maniera ottimale.

A fine nota Amazon si augura che le trattative possano riprendere e che tutti gli operatori possano esercitare il loro impiego rispettando i termini stabiliti non interrompendo o ritardando il servizio verso i clienti.

Quindi cosa succederà?

Lo scopriremo solo nelle prossime settimane.

Fonte

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here