Facebook Messenger Kids: Cosa E’? E’ Sicuro?

0

Arriva Facebook Messenger Kids, uno strumento sicuro e protetto anche per i più piccoli. Ma cosa è esattamente? E’ sicuro da usare? Ecco quello che devi sapere

Facebook Messenger Kids: tutto quello che devi sapere

Facebook non sa più come fare per attirare nuovi utenti, allora lancia l’app Messenger Kids per puntare sulle persone che hanno meno di 13 anni. Cerchiamo di scoprire insieme cosa è, come funziona, a cosa serve e se è sicuro il programma Messenger Kids. 

Inutile negarlo: i tempi cambiano e ultimamente sono cambiati ancora più rapidamente. Un tempo i bambini non usavano smartphone, tablet e computer, mentre oggi sono praticamente dipendenti da tutta questa tecnologia. Facebook lo sa bene, così come sa che ultimamente una fetta importante della sua audience si è spostata verso altri lidi.

E così il social network in blu si adatta ai tempi e cerca di conquistare nuove fette di mercato, rappresentate ad esempio dai più piccoli, quelli che hanno meno di 13 anni e che fino ad oggi hanno non hanno usato la piattaforma di Mark e soci.

Così dalla giornata di ieri è stato rilasciato il programma Messenger Kids, dedicato appositamente al pubblico più giovane.

Cosa è Messenger Kids?

Come intuibile dal nome, si tratta di una variante della nota app di messaggistica pensata per essere utilizzata anche dai bambini, in particolare quelli che hanno un’età compresa tra i 6 e i 12 anni. 

Oltre ad un aspetto grafico particolarmente accattivante e alla presenza dei classici filtri per le foto, in grado di far divertire anche i più piccoli, l’aspetto principale di quest’app risiede nella possibilità da parte dei genitori di assumere un controllo attivo e profondo sulle modalità di utilizzo dei propri figli in età infantile.

Messenger Kids è sicuro?

Tecnicamente, dunque, i genitori possono avere pieno controllo su quello che viene fatto dai propri figli all’interno dell’app Messenger Kids.

Nessuno può contattare i bambini all’insaputa dei genitori all’interno della piattaforma e dell’app non può essere fatto un utilizzo improprio.

Almeno stando a quanto dichiarato da Facebook, dunque, Messenger Kids è un programma sicuro, ma è ancora tutto da vedere e da dimostrare. Basta una piccola disattenzione da parte dei genitori e l’app in un istante si potrebbe trasformare in una piattaforma perfetta per malintenzionati e addirittura pedofili, che hanno a disposizione uno strumento semplicissimo per entrare direttamente in contatto con i bambini.

Ad ogni modo, Facebook ci tiene a precisare che vuole evitare che l’applicazione diventi un territorio dove sfruttare la presenza di bambini.

“Non ci saranno annunci e le informazioni dei vostri figli non saranno utilizzate per targhettizzare spot” spiega l’azienda. “Sarà gratuita e non saranno presenti acquisti in-app”.

Come funziona concretamente l’app?

I bambini in autonomia non possono fare niente.

Per poter utilizzare l’app, infatti, i genitori devono scaricarla dallo store e autenticarsi con il loro account Facebook.

Una volta fatto sarà possibile creare un profilo per il bambino tramite un processo che richiede solo il nome.

Una funzione di ricerca consentirà di trovare amici e parenti, con questi ultimi che potranno creare un account Messenger Kids per parlare con loro.

Ogni contatto, però, dovrà essere approvato dal genitore proprietario dell’account principale.

I bambini potranno bloccare alcuni contatti ma non far sparire i messaggi o nasconderli nel caso in cui i genitori volessero controllarli.

L’app funziona solo sotto rete WiFi. 

Utile per la famiglia?

Forse Messenger Kids è un utile strumento di comunicazione fra tutti i membri della famiglia, che può essere usato anche per iniziare i più piccoli all’uso consapevole di internet, ma dal mio punto di vista è un’arma a doppio taglio troppo pericolosa.

Meglio tenere i bambini più piccoli lontano da queste piattaforme, soprattutto ai giorni nostri, dove i malintenzionati sono sempre dietro l’angolo.

Facebook sottolinea che diverse ricerche mostrano che i bambini utilizzano applicazioni pensate per adolescenti o adulti, spesso usando dispositivi dei genitori, quindi, se proprio devono fare questo genere di attività, meglio che lo facciano con account sicuri in un ambiente controllato (e non ha tutti i torti), ma dal mio punto di vista è meglio che i bambini piccoli stiano lontano da tutte queste piattaforme, a prescindere dal fatto che siano progettate per loro o meno.

Sicuramente è utile per i genitori poter controllare cosa fanno i figli con l’app Messenger Kids, ma è ancora meglio se i figli non usano lo smartphone e fanno altro, magari qualcosa di più stimolante per il loro cervello e la loro crescita.

Disponibilità Messenger Kids

Al momento il programma Messenger Kids è disponibile soltanto negli Stati Uniti per i dispositivi iOS. Nei prossimi mesi arriverà anche l’app Android.

Non sappiamo se e quando arriverà in Italia, ma ovviamente aggiorneremo l’articolo in caso di novità interessanti.

Tu cosa ne pensi di Messenger Kids? Sei favorevole o contrario all’uso di un programma come questo?

In tutto questo, comunque, non dimentichiamo che le principali piattaforme di social networking stanno lanciando versioni pensate per gli under 13. D’altronde questi sono gli utenti del futuro, o forse addirittura già del presente, e i Big del settore hanno capito che devono andare a intercettarli prima che scelgano app alternative o più riservate. YouTube e Facebook si stanno già muovendo in questa direzione, presto lo faranno anche altri, cerchiamo di essere pronti per questo!

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here