Google Chrome 67 Consumerà Ancora Più Memoria RAM

0

Chrome si prepara all’impossibile: consumare ancora più RAM. La versione 67 di Google Chrome consumerà ancora più memoria RAM: sembra impossibile, ma è proprio vero!

Funzione Site Isolation di Google Chrome Consuma Tantissima RAM

Sembra incredibile, ma purtroppo è tutto vero. Il famoso browser internet Google Chrome, il più diffuso, apprezzato e usato al mondo, si prepara a consumare ancora più memoria RAM sui nostri computer.

Già oggi Chrome è il browser internet più pesante, quello che consuma più memoria RAM rispetto alla concorrenza. Da tempo gli utenti si lamentano del fatto che Chrome consumi troppa RAM e impatti in modo troppo pesante su batteria e risorse di sistema, ma ad oggi da Google non è arrivata nessuna soluzione.

Anzi, peggio. Con la versione 67 di Google Chrome la memoria RAM consumata dal browser internet aumenterà ancora. Sembrava impossibile, e invece Chrome riuscirà a consumare ancora più RAM rispetto a quella attuale. 

Ma come è possibile tutto questo?

Semplice: la colpa sarà da attribuire alla funzione “Site Isolation“, in arrivo appunto con Chrome 67. 

Per spiegare in cosa consiste questa nuova modalità, bisogna fare una premessa.

Google Chrome già utilizza da tempo una particolare struttura sandbox per gestire le schede: senza entrare troppo nel dettaglio, devi sapere che al momento attuale Chrome consuma così tanta RAM perché isola ogni singola tab aperta (le classiche schede) in un singolo processo del sistema. Questo meccanismo permette di evitare che al crash di una pagina corrisponda il crash dell’intero browser (ed è dunque positivo per certi aspetti), ma chiaramente pesa sulle risorse ed aumenta la quantità di RAM utilizzata dal software.

Ed ecco spiegato perché ad oggi Chrome consuma così tanta memoria RAM rispetto ai browser concorrenti.

Come anticipato, però, presto le cose peggioreranno.

Arriva la funzione Site Isolation su Chrome 67

Ad oggi infatti in Chrome è presente una funzionalità di “condivisione dei processi“, che consente alle pagine web collegate di sfruttare un unico processo condiviso per scambiarsi informazioni.

La modalità Site Isolation che arriverà con Chrome 67, però, interviene proprio su questo aspetto e porta ad un completo “isolamento” di ogni tab, rimuovendo l’eventuale possibilità di condivisione tra le pagine.

In sostanza, dunque, aumenterà la memoria RAM consumata dal browser in modo direttamente proporzionale rispetto alle schede aperte durante la tua sessione di navigazione.

Certo, è un sistema di protezione completo per il browser, che massimizza la sicurezza per la privacy, ma in questo modo aumenterà dal 10% al 20% la RAM occupata dal browser.

Dunque se già oggi il tuo computer fa fatica a gestire Chrome perché consuma troppa RAM, in futuro i problemi potranno solo peggiorare.

Quando arriverà la funzione Site Isolation su Chrome?

Al momento questa nuova funzione non è ancora disponibile per tutti su Chrome, ma arriverà a brevissimo.

Preparati: con Chrome 67 la memoria RAM del tuo computer sarà messa davvero in difficoltà!

Speriamo solo che in futuro Google trovi un modo per ridurre la RAM consumata da Chrome, altrimenti servirà un computer da gaming solo per avviare il browser internet di Google.

Via: XDA Developers

Ridurre RAM consumata da Chrome

Ne approfitto per segnalarti che, ad oggi, l’unico modo per ridurre davvero la quantità di RAM consumata da Chrome è quello che abbiamo proposto in questa guida:

E’ una soluzione un pò forte, ma funziona alla grande e ti permette di aprire tante schede di Chrome senza consumare tutta la RAM del tuo computer. 

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here