Visibilità del sito web: l’importanza di apparire su Google

0

🎯RISPARMIA e vinci BUONI AMAZON! Unisciti al canale Telegram OfferTech!

Come indicizzare un sito su Google

I processi che portano un sito web ad apparire su Google sono principalmente due, l’indicizzazione del portale e il posizionamento organico all’interno delle SERP.

Ovviamente alle spalle deve esserci una corretta progettazione della piattaforma, affinché attraverso lo studio del mercato e l’analisi degli utenti in target sia possibile capire come muoversi. Si tratta in pratica della SEO Audit, un’attività strategica fondamentale eseguita da consulenti esperti.

Dando per scontata l’efficiente pianificazione del progetto, per ricevere visite al proprio sito è indispensabile eseguire alcune buone pratiche, per assicurarsi che il portale venga inserito nei motori di ricerca.

Vediamo alcuni consigli utili su come migliorare la presenza online, con una guida alla visibilità su Google per la quale si ringrazia l’esperto SEO Roberto Serra, un punto di riferimento importante nel settore che offre tantissimi spunti interessanti nel suo sito web.

Come indicizzare un sito su Google

La prima cosa da fare quando il portale web è pronto, è indicizzare il sito web su Google, segnalando a Big G la presenza della nuova piattaforma. Naturalmente esistono dei software che si occupano della scansione del web, i quali lavorano senza sosta per analizzare milioni di pagine al giorno e aiutare il motore di ricerca nella creazione delle SERP.

Tuttavia è opportuno ottimizzare questo processo, mantenendo il controllo sui contenuti da indicizzare e quelli invece da tenere fuori perché non utili ai fini del progetto online. Innanzitutto è importante registrare un profilo nella Search Console di Google, una piattaforma dalla quale effettuare una serie di operazioni tecniche.

Qui ad esempio si possono monitorare eventuali problemi, oppure verificare che sia tutto in ordine. L’indicizzazione passa per l’invio della sitemap, un file in formato XML all’interno del quale viene indicata la struttura del sito web.

Per compiere questo intervento esistono dei plugin automatici, altrimenti basta generare il file e mandarlo a Google tramite la Search Console per velocizzare il processo. Dopodiché è possibile controllare se l’operazione ha avuto successo, sempre attraverso lo strumento di Google oppure con dei comandi da digitare nel motore di ricerca.

Quali pagine del sito web indicizzare?

Nei CMS come WordPress è possibile scegliere quali contenuti rendere accessibili ai crawler di Google, selezionando anche quali pagine classificare come noindex. Si tratta di una modalità che indica al motore di ricerca una richiesta specifica, affinché non prenda in considerazione quella risorsa HTML al fine dell’indicizzazione.

In alternativa è possibile bloccare l’accesso ad alcuni contenuti tramite la funzionalità disallow, per evitare lo scansionamento di quella risorsa.

Perché non indicizzare alcune pagine del sito web?

Le motivazioni possono essere diverse, ad esempio per far risparmiare tempo ai crawler di Google, per mantenere una sitemap più snella e ottimizzata, oppure per non inserire nelle SERP pagine che non servono al posizionamento, come il modulo dei contatti, i contenuti duplicati o pagine poco profittevoli.

Come ottimizzare l’indicizzazione del sito web?

Oltre a verificare la corretta indicizzazione del sito è fondamentale che la struttura del portale sia adeguata, poiché la sitemap rifletta l’alberatura della piattaforma. Se la progettazione iniziale è errata anche l’inserimento sarà complicato e confuso, quindi bisogna fare attenzione.

Uno strumento molto potente sono i link interni, poiché i collegamenti ipertestuali che collegano le varie pagine del sito web consentono di capirne l’infrastruttura. Di solito il punto di riferimento dovrebbe essere la homepage, scendendo via via in profondità con le varie sezioni del portale.

L’uso dei link interni è davvero strategico, perciò non va sottovalutato essendo essenziale per migliorare la visibilità del sito su Google. Un sistema poco efficiente rischia di confondere il motore di ricerca e gli utenti, complicando il posizionamento e la navigazione.

I link devono essere utili, bisogna usare parole chiave ottimizzate e i collegamenti devono essere scelti in base alla progettazione iniziale del sito web e agli obiettivi del progetto. Se adoperati correttamente possono migliorare l’indicizzazione, aumentare i tempi di permanenza degli utenti nel portale e spingere alcune pagine con l’autorevolezza acquisita nel tempo.

Come ottimizzare la visibilità su Google

Oltre all’indicizzazione del sito e alla gestione dei link interni esistono altre buone pratiche che si possono utilizzare, per apparire su Google in modo più efficace. Una di queste è la Local SEO, ovvero un insieme di attività volte al miglioramento della presenza online nelle ricerche locali.

Al giorno d’oggi queste ricerche sono sempre più importanti, infatti Google ha dedicato un intero snippet a questi risultati, posizionato in alto a destra nelle SERP. Per questo motivo è importante verificare l’inserimento nelle ricerche localizzate, qualora siano utili per il proprio business digitale.

Allo stesso tempo è fondamentale sfruttare i social network, ottimizzando i profili su Instagram, LinkedIn, Facebook e le altre piattaforme. La gestione dei social è davvero essenziale ai fini della visibilità, in quanto consente di apparire all’interno di SERP e nicchie difficili da raggiungere con il traffico organico e l’advertising.

Inoltre è necessario ottimizzare le immagini e i video del sito web, poiché oggi vengono proposte all’interno di sezioni specifiche del motore di ricerca, il quale permette agli utenti di cercare direttamente tramite le immagini oppure i video con SERP dedicate.

Acquisire visibilità su Google non è semplice come sembra, per questo motivo è consigliabile rivolgersi sempre a dei professionisti, per evitare che piccoli errori possano compromettere la buona riuscita del progetto e non consentire un corretto posizionamento, per apparire in cima alle SERP dei motori di ricerca.

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here