Vodafone Italia licenzia 1130 dipendenti?

0

BUONI AMAZON GRATIS su Telegram > UNISCITI

Vodafone Italia, 1130 esuberi (su 7mila) nel nuovo piano industriale. Nel nuovo piano di Vodafone Italia ci sono 1.130 esuberi: ecco cosa succederà

Vodafone prevede 1.130 esuberi

Bruttissime notizie arrivano per i dipendenti Vodafone Italia: il nuovo piano industriale prevede 1130 esuberi nei prossimi mesi. 

Negli scorsi giorni Vodafone ha presentato ai sindacati il nuovo piano industriale che darà il via ad una massiccia ristrutturazione con 1.130 esuberi. Colpa, a dire dell’azienda, del drastico calo dei prezzi della telefonia mobile.

E così, stando alle recenti informazioni trapelate in rete, Vodafone Italia si appresta a ridurre del 15% la sua forza lavoro: si parla di 1130 esuberi su circa 7000 dipendenti.

E’ chiaro che si tratta di una doccia gelata per i lavoratori e i sindacati che ieri hanno ricevuto il nuovo Piano Industriale dell’azienda. 

Ma analizziamo la vicenda nel dettaglio.

Perché Vodafone licenzia oltre 1000 dipendenti in Italia?

Le motivazioni legate a questa operazione sono strettamente legate, secondo Vodafone, alla contrazione dei margini e del fatturato.

Dati negativi generati dalla crescente competizione nel settore e dalla trasformazione del mercato TLC.

La riorganizzazione, dunque, fa parte di un piano ad ampio respiro per rivoluzionare l’assetto della compagnia, che nell’ultimo anno ha subito una sensibile riduzione di fatturato e margini (non solo per colpa di Iliad).

L’arrivo del nuovo operatore Iliad, che ha da subito adottato costi particolarmente bassi a fronte di un’offerta comprensiva di SMS, telefonate e giga di traffico, ha dato vita a una «straordinaria pressione competitiva, in particolare nel segmento mobile» che ha progressivamente ridotto la marginalità per le aziende di telecomunicazioni. Ed ecco spiegato uno dei principali motivi che hanno portato a questa difficile situazione per i dipendenti Vodafone.

Tutti i 1130 esuberi saranno licenziati?

Vodafone ha ribadito l’intenzione di confrontarsi con le parti sociali “in modo costruttivo con l’obiettivo e l’impegno reciproco di individuare quanto prima soluzioni sostenibili per le persone e per l’impresa”.

Sempre secondo Vodafone, “la spinta verso modelli di business più agili e digitali rende necessaria una revisione dell’organizzazione e una radicale semplificazione del modello operativo per continuare ad investire, garantire la sostenibilità futura e tornare a crescere”.

Non è detto che tutti i dipendenti in esubero saranno licenziati, ma sicuramente ci sarà un bel cambiamento tra i lavoratori Vodafone. Attendiamo con ansia novità in merito.

Risultati negativi per Vodafone nel 2018

In effetti la correzione di rotta è più che necessaria poiché l’ultimo trimestre 2018 ha registrato una riduzione dei ricavi del 4,6% a 1,2 miliardi di euro e i due precedenti si erano attestati a -6,5% e 6,3%.

Non è stato sufficiente l’aumento di clienti 4G (+9,2% su base annua a 12,4 milioni) e la copertura in 4,5G di 23 città. E neanche l’aumento dei ricavi dell’11,3% a 281 milioni di euro dei servizi di rete fissa è stato d’aiuto, a fronte di 1,5 milioni di clienti fibra e della copertura di 1987 città – di cui 65 in FTTH.

Problemi simili anche per TIM

Aggiungo che solo 10 giorni fa TIM aveva raggiunto un accordo con Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni per far uscire dall’azienda anticipatamente e volontariamente 4.300 lavoratori nel biennio 2019-2020, utilizzando lo strumento di prepensionamento dei lavoratori anziani (la cosiddetta “isopensione) previsto dalla Legge Fornero e per altri 314 dipendenti impiegando la “Quota 100”.

FONTE

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here