Garmin Venu: LA RECENSIONE COMPLETA

0

SEGUICI SU TELEGRAM E VINCI BUONI AMAZON

Ho comparto lo smartwatch Garmin Venu e l’ho testato a fondo: ecco la mia recensione. Garmin Venu: tutto quello che devi sapere. Leggi la recensione

Garmin Venu recensione

Alla fine non sono riuscito a resistere e ho comprato un nuovo smartwatch: il Garmin Venu. 

E dopo oltre 2 settimane di test approfonditi sono pronto per la recensione completa di questo interessante orologio intelligente di Garmin.

Se anche tu stai cercando di capire se valga o meno la pena di spendere i tuoi soldi (tanti!) per comprare Garmin Venu, in questo articolo cercherò di aiutarti.

Non ti posso convincere a comprare o non comprare questo prodotto, non è neanche il mio obiettivo. Cercherò solo di raccontarti nel migliore dei modi e in totale sincerità la mia esperienza con il Garmin Venu in modo da evidenziare pro e contro di questo prodotto e di metterti nelle condizioni di decidere se questo prodotto faccia o meno al caso tuo.

Ma non perdiamoci in chiacchiere, le cose da dire su Garmin Venu sono davvero tante! Iniziamo!

NOTA 1: la mia versione è la Black Slate, la più cara ma anche la più bella esteticamente.

NOTA 2: da bravo sportivo, ho comprato in passato TUTTI i precedenti Garmin Vivoactive (1, 2, 3 Music). Ho saltato solo il 4, sono passato direttamente al Venu (che in pratica è il 4 con schermo AMOLED). Direi che parlo con cognizione di causa dei prodotti Garmin.

VIDEO

CONFEZIONE

Classica.

Al suo interno troviamo il Garmin Venu, le istruzioni e il cavetto per caricare l’orologio, niente di più.

DESIGN E MATERIALI

Così così.

Il design è classico: orologio con schermo circolare, due tasti laterali che praticamente non sporgono, cinturino in silicone da 20mm (intercambiabile).

La cassa ha dimensioni di 43,2 x 43,2 mm: non troppo grossa, non troppo piccola. Sono le dimensioni giuste per qualsiasi polso. Non da fastidio, nemmeno mentre facciamo sport, anche grazie al fatto che i pulsanti laterali non sono sporgenti (sui vecchi Garmin andavo sempre a premere inavvertitamente i tasti laterali quando piegavo molto il polso, qui non accade). Peccato per lo spessore: 12,4mm sono davvero tanti rispetto alla concorrenza.

Il peso è di 46,3g: sono giusti, una volta indossato al polso, praticamente non si sente più e ci si dimentica di averlo.

Male il cinturino: non sono mai riuscito a trovare una regolazione giusta per il mio polso, o troppo largo o troppo stretto. E’ la prima volta che mi capita e sicuramente non è positivo. Fortunatamente è intercambiabile con un qualsiasi altro cinturino da 20mm.

I materiali sono solo discreti: la ghiera è in acciaio inossidabile, mentre cassa e fondello sono in polimero fibrorinforzato. Tante belle parole, ma alla fine l’orologio a prima vista sembra un plasticone anonimo e sicuramente non elegante, anche se è ben assemblato. Inoltre la ghiera di acciaio è estremamente delicata: al primo impatto, anche leggero, rischia di rovinarsi o graffiarsi con segni piuttosto evidenti e impossibili da togliere.

Lo schermo è a filo con la ghiera in acciaio e questo non è un bene: anche questo rischia di graffiarsi o rovinarsi in caso di impatti o botte accidentali, che per uno sportwatch non sono neanche così rari.

Insomma, esteticamente e sui materiali si poteva e doveva lavorare meglio, soprattutto se consideriamo che Garmin Venu costa quasi 400 euro.

Rispetto al Vivoactive 3 apprezzo il fatto che ora ci siano 2 pulsanti fisici (al posto di 1) e che siano a filo con la scocca, decisamente meno scomodi e invadenti. Per il resto esteticamente i prodotti sono quasi identici, segno del fatto che Garmin deve lavorare di più su estetica, design e materiali se vuole competere con prodotti come Apple Watch.

HARDWARE

Per quanto riguarda l’hardware di Garmin Venu, ci sarebbe davvero tanto da dire, ma per analizzarlo meglio e non perdere dei pezzi ti rimando alla SCHEDA TECNICA completa sul sito di Garmin.

Piuttosto che soffermarmi su quello che è presente (davvero tanta, tanta roba), voglio però evidenziare cosa gli manca.

  • Manca una cassa/speaker che permetterebbe di rispondere alle chiamate o ascoltare i messaggi vocali: considerato il prezzo del prodotto, l’avrei gradita molto. I concorrenti a questo prezzo la hanno.
  • Manca la ricarica wireless: Apple Watch o Galaxy Watch Active 2 la hanno.
  • Manca la possibilità di fare ECG: Apple Watch la ha (e in futuro anche Samsung, speriamo).

A parte questo, Garmin Venu è davvero molto completo, ha tanti sensori che permettono di rilevare praticamente tutto (o quasi) durante la nostra giornata o allenamento.

Da evidenziare l’impermeabilità fino a 5 ATM, un bel vantaggio rispetto alla concorrenza.

DISPLAY

Bene ma non benissimo.

E’ il primo smarwatch Garmin con display AMOLED. Finalmente, aggiungerei.

Risoluzione 390×390 pixel, abbastanza ampio ma non enorme, permette comunque di leggere notifiche e informazioni sull’allenamento in modo comodo e preciso. Ovviamente non manca la possibilità di cambiare e personalizzare il quadrante in base alle nostre preferenze.

La risoluzione non è troppo elevata: guardando bene lo schermo si intravedono i pixel ad occhio nudo e la cosa non mi fa impazzire. Su un prodotto da oltre 300 euro si doveva fare meglio.

Peccato anche per l’abbondante cornice nera attorno allo schermo, decisamente esagerata (su Garmin Vivoactive 4 è molto più sottile, non capisco perché su Garmin Venu sia così larga).

La luminosità è automatica e si regola molto bene. Sotto al sole si legge bene, anche quando viene colpito da luce diretta e molto forte.

I colori sono ben riprodotti, anche se quasi tutti i menù sono in bianco e nero, con qualche tonalità diversa per confermare o annullare determinate azioni.

BATTERIA

Discreta.

Si fanno, come dichiarato da Garmin, dai 3 ai 5 giorni in base all’uso durante l’allenamento e soprattutto in base all’uso del GPS. In linea di massima, comunque, 4 giorni si raggiungono sempre senza problemi.

Peccato per:

  • la mancanza della ricarica wireless
  • il cavo di ricarica proprietario, ormai preistorico, che andrebbe sostituito con la classica basetta di ricarica che troviamo su tutti gli altri smartwatch concorrenti. Non mi spiego come mai Garmin sia ancora legata a questo scomodo e stupido cavo, che ci dobbiamo portare sempre dietro per non restare senza orologio dopo qualche giorno di utilizzo.

In generale la batteria dura molto più di Apple Watch o Galaxy Watch Active 2, ma molto meno di prodotti come gli Amazfit e simili (che costano 1/3).

SOFTWARE E INTERFACCIA

Da rivedere, completamente. 

Il software di Garmin è ormai lo stesso da anni, almeno sui Vivoactive e quindi sul Venu. E’ decisamente arrivata l’ora di cambiarlo e di pensarlo in modo intelligente.

Le funzionalità offerte sono tante, tantissime, ma tutte male organizzate, distribuite in menù e sottomenù mal disposti, laggosi e confusionari. Ci vogliono ore solo per ricordarsi come interagire con le funzionalità di sistema, che a volte si controllano con i pulsanti, a volte con il tocco sullo schermo.

Per non parlare delle app per smartphone: possibile che servano due programmi, uno per gestire orologio e allenamenti, e uno per scaricare e installare applicazioni sullo smartwatch? Ci vuole così tanto per unire queste due app in una sola, magari con interfaccia più intuitiva e comoda da usare?

Ad oggi, inoltre, è ancora impossibile scaricare app direttamente dal Garmin Venu: bisogna sempre passare dall’app per telefono. Fortunatamente le app e i widget offerti sono tanti, tantissimi, e ci permettono di aggiungere ancora più funzionalità ad uno smartwatch che di base è già molto ben rifornito.

Ad ogni modo, le funzionalità software offerte dal Garmin Venu sono veramente tantissime:

  • possibilità di tracciare una quantità praticamente infinita di allenamenti e sport
  • sveglia, timer, cronometro
  • possibilità di scaricare app e widget aggiuntivi per personalizzare lo smartwatch in modo esponenziale
  • trova il mio telefono, per ritrovare lo smartphone perso nelle vicinanze
  • possibilità di fare pagamenti in mobilità grazie a Garmin Pay (come Apple Pay), che permette di pagare anche se abbiamo dimenticato il telefono a casa
  • contapassi
  • barra di movimento che segnala inattività prolungata
  • possibilità di impostare obiettivi di movimento giornalieri
  • monitoraggio del sonno
  • misurazione di calorie bruciate, piani saliti, distanza percorsa, minuti di intensità
  • monitoraggio dell’energia del corpo (body battery) e livello di stress
  • possibilità di collegare l’orologio direttamente al WiFi
  • integrazione con Spotify e Deezer per scaricare direttamente la musica sull’orologio (possiamo ascoltare la musica dal Garmin Venu con auricolari direttamente collegati, senza passare dal telefono)

e tanto altro ancora.

Come dicevo, le funzionalità sono veramente tantissime, superiori ad ogni concorrente, ma sono male organizzate e male gestite, tanto che alcune rischierete di non vederle nemmeno se non vi impuntate e le cercate nei vari menù.

Un piccolo neo lato software: mentre si fa attività sportiva non è possibile vedere l’orario. Possibile che uno smartwatch non mostri l’ora mentre corro, vado in bici o nuoto? Come faccio a vedere l’orario, se non posso usare l’orologio che ho al polso? Assurdo.

INTEGRAZIONE CON SMARTPHONE

Bene, ma migliorabile.

Permette di vedere tutte le notifiche che arrivano dal telefono: SMS, email, WhatsApp, Telegram e tutte le app che vogliamo.

Per fortuna se cancelliamo una notifica dal Garmin Venu viene cancellata anche dal telefono.

Solo alcune emoji vengono visualizzate, le email lunghe vengono troncate, è possibile rispondere alle chiamate (o rifiutarle), ma visto che manca il microfono/speaker dobbiamo comunque passare per il telefono se vogliamo parlare con una persona.

Non possiamo ascoltare i messaggi vocali, non possiamo vedere immagini ricevute su WhatsApp.

Possiamo però caricare musica nella memoria interna per ascoltarla direttamente con gli auricolari bluetooth collegati al Garmin Venu, senza passare per lo smartphone. Volendo, dunque, possiamo uscire a correre o allenarci senza portarci dietro il telefono: con l’orologio possiamo gestire liberamente la musica e con Garmin Pay possiamo anche fare acquisti di emergenza.

Da notare che su iPhone le notifiche sono gestite solo in ricezione, quindi si possono solo leggere. Con Android, invece, possiamo anche rispondere con risposte pre-impostate.

Quando arriva una chiamata, possiamo scegliere se rispondere, riattaccare o rispondere con messaggi pre-impostati.

Sempre parlando di notifiche, inoltre, non è troppo semplice accedere a quelle non ancora lette.

Fortunatamente la vibrazione è forte e si sente bene quando arriva una notifica.

PRECISIONE ALLENAMENTI E RILEVAZIONE DATI

Bene, molto bene, esattamente come ci si aspetta da Garmin.

Le attività sportive che possono essere monitorate da Garmin Venu sono tantissime, sia indoor che outdoor. E’ davvero difficile, se non impossibile, trovare uno sport non monitorabile dal Garmin Venu: nuoto, corsa, sci, bici, golf, snowboard e tanto altro ancora.

Il GPS è preciso e fixa in poco tempo, circa 30 secondi a freddo.

Il sensore dei battiti mi sembra preciso e affidabile in qualsiasi situazione, a patto di aver stretto correttamente il cinturino al polso.

Per ogni sport, poi, abbiamo a disposizione varie informazioni e statistiche che ci permettono di analizzare la nostra attività sportiva in modo estremamente dettagliato sia durante che dopo. Per ogni sport/allenamento possiamo personalizzare gli avvisi, le schermate e le informazioni da visualizzare sul display.

Ho testato il Garmin Venu durante gli allenamenti di Crossfit e posso dire che:

  • calorie e SPM sono allineate a quelle del row
  • manca il monitoraggio della Air Bike, quindi in quel caso ho usato la generica “ellittica” e le calorie misurate dal Venu sono nettamente inferiori rispetto a quelle indicate dalla Bike
  • durante le attività di corpo libero nel Crossfit il Venu si perde una quantità infinita di ripetizioni

Insomma, non è il prodotto indicato per chi fa Crossfit (ma a dire la verità devo ancora trovare uno smartwatch in grado di monitorare correttamente questo sport).

Durante le sessioni di corsa o bici all’aperto, invece, il tracciamento è preciso e affidabile. Come già detto, poi, la quantità di informazioni che possono essere analizzate a fine allenamento dall’app per smartphone è semplicemente impressionante.

L’ho provato anche per analizzare i piani e gli scalini saliti: nel mio caso ha sballato totalmente. Nei vari test che ho fatto, non ha mai rilevato i piani reali ed è sempre stato ben distante dal mostrare risultati attendibili.

C’è anche la funzione “Pesi”, che è dedicata a chi fa palestra classica: in questo caso la rilevazione di serie e movimenti è nettamente più precisa e affidabile. Perde qualche colpo, ma molto raramente.

Oltre a tutto questo, lo smatwatch analizza:

  • passi, calorie e piani saliti
  • la batteria corporea: analizza la giornata e il nostro riposo e ci dice se abbiamo ancora energie per allenarci
  • livello di stress
  • sonno, con analisi di fasi e livello di ossigenazione del sangue
  • battiti cardiaci, con possibilità di essere avvisati in caso di superamento di un valore da noi impostato

Interessante, infine, la possibilità di trasformare il Garmin in un personal trainer: dall’app per smartphone si scaricano allenamenti già pronti (o se ne possono creare di personalizzati), si inviano all’orologio e siamo pronti per allenarci con un coach al polso che ci mostra i movimenti, ci da i tempi di attività e quelli di recupero. Sarà quasi come essere in palestra, con un allenatore personale al polso.

Come anticipato, le funzionalità dedicate al fitness sono davvero tante e molto complete, nettamente superiori alla concorrenza.

PREZZO

Indicativamente Garmin Venu si trova attorno ai 300 euro per le colorazioni base, mentre il mio costa oltre 350 euro (promozioni escluse).

Per farla breve, sono troppi per questo prodotto, che dovrebbe costarne almeno 100 in meno. E sarebbe comunque caro.

CONCLUSIONI

Siamo arrivati alla conclusione di questa recensione del Garmin Venu.

Cosa ne penso?

Difficile esprimere un parere definitivo su questo Garmin Venu.

La parte sport è ricchissima e completissima, nettamente superiore alla concorrenza.

La parte smart e notifiche è decisamente complessa, confusionaria e limitata, nettamente inferiore alla concorrenza.

A questo si aggiunge un prezzo troppo elevato dal mio punto di vista. Inoltre non dimentichiamo che Garmin Venu è praticamente identico al Vivoactive 4, ma aggiunge lo schermo AMOLED. Premesso che secondo me nel 2020 dovrebbero smettere di esistere smartwatch con schermo in bianco e nero, se non hai bisogno assoluto dello schermo a colori allora consiglio di comprare un Vivoactive 4 che funziona allo stesso modo e costa molto meno.

Se invece vuoi necessariamente uno schermo AMOLED, sicuramente con Garmin Venu non ti troverai male. Anzi, ti troverai molto bene, ma devi sapere che è un prodotto pieno di funzionalità ed estremamente preciso, ma limitato lato software e sicuramente poco elegante da indossare.

Da quel che ho visto nei miei test, al contrario di Apple Watch e Galaxy Watch Active, questo Garmin Venu è semplicemente più uno sportwatch che uno smartwatch, un prodotto prettamente sportivo che prova a strizzare l’occhio a chi cerca anche un prodotto bello e moderno.

Se il tuo focus è soprattutto sullo sport, questo Garmin Venu ti regalerà grandi soddisfazioni, ma se ti interessa anche la parte smart, di notifiche e di connessione al telefono, allora resterai deluso.

Dopo averlo testato a fondo, comunque, personalmente ho optato per un Huawei Watch GT 2: costa la metà, è molto preciso, è nettamente più bello ed elegante. E mi permette anche di rispondere alle telefonate.

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here