SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated: sconti esclusivi su Amazon e Gearbest ogni giorno selezionati per te! 

Ecco la nostra recensione e prova completa di OnePlus 5

Abbiamo provato il nuovo smartphone Samsung OnePlus 5: ecco la nostra recensione completa

Finalmente siamo pronti per proporvi la recensione di OnePlus 5, quello che vuole essere il dispositivo Android più veloce e potente sul mercato. Ed effettivamente ci riesce: è una scheggia!

Sicuramente non è perfetto, ha qualche lacuna, ma per 400 euro (o anche meno) non si può chiedere di più!

Vediamo pregi e difetti di questo smartphone nella recensione completa, partendo come sempre dalla scheda tecnica.

Videorecensione

https://youtu.be/xIp0pXBfZb8

Scheda Tecnica

Confezione e contenuto

La confezione di OnePlus 5 è un pò povera, nel senso che non contiene gli auricolari. E’ comunque presente il cavo USB Type-C e l’alimentatore per la ricarica. Segnalo che l’alimentatore è il Dash Charger da parete di OnePlus (5V/4A), indispensabile per ricaricare velocemente lo smartphone.

Materiali, design, touch & feel

Per quanto riguarda il design, OnePlus 5 riprende certi aspetti  dalla generazione precedente, mentre altri si ispirano ad Apple e ai suoi iPhone. La prima impressione è che lo smartphone sia uguale ad iPhone 7 Plus, ma è solo usandolo, impugnandolo e guardandolo da vicino che si notano delle importanti differenze sia lato design che lato ergonomia. Rispetto ad iPhone, infatti, OnePlus 5 si impugna molto meglio, ha un retro leggermente stondato, ha le fotocamere meno sporgenti e un design in generale che risulta unico.

Ottimi i materiali, anche se l’effetto saponetta è sempre dietro l’angolo: meglio proteggerlo subito con una cover.

Interessante notare che la scocca è realizzata interamente in alluminio anodizzato ed è caratterizzata dalla “Horizon Line”, un nome originale per descrivere un bordo continuo lungo tutto il profilo che in sostanza ci da la sensazione che lo smartphone sia più piccolo, accattivante, elegante ma soprattutto facile da impugnare. Peccato che le cornici siano comunque molto evidenti rispetto alla concorrenza top di gamma Android, non tanto ai lati, quanto quella inferiore e superiore.

L’uso con una sola mano è quasi impossibile, anche se lo spessore è ridotto a soli 7,25mm.

Come su tutti i modelli precedenti, anche qui sulla sinistra troviamo lo switch zigrinato a 3 posizioni per regolare volumi e suonerie al volo: è davvero comodissimo, oltre che personalizzabile a piacimento per quanto riguarda le funzionalità.

Sulla destra c’è il tasto di accensione con il cassettino estraibile che può ospitare due nano-SIM. Sulla parte inferiore c’è lo speaker di sistema, il jack audio da 3.5mm, il microfono principale e la porta USB Type-C 2.0.

Il display è protetto da vetro Gorilla Glass 5 leggermente arrotondato sui bordi. Fortunatamente non trattiene molto le impronte.

Il tasto home, realizzato in ceramica, integra un sensore biometrico sempre rapidissimo e precisissimo nel riconoscimento delle impronte (fino ad un massimo 5). Sempre frontalmente troviamo i tasti funzione capacitivi, retroilluminati (forse un pò poco) e con feed a vibrazione. Dalle Impostazioni di sistema possiamo scegliere di sostituirli con i classici tasti virtuali su display oppure possiamo personalizzarne il comportamento.

Sempre frontalmente troviamo il LED RGB per le notifiche, anch’esso personalizzabile.

Sul retro troviamo invece il secondo microfono, accanto alla doppia fotocamera leggermente sporgente rispetto alla scocca, ed al doppio flash LED. E’ presente anche un terzo microfono dedicato alla soppressione dei rumori. Peccato per la sporgenza della fotocamera, che la espone a rischio graffio e rottura.

Concludo segnalando che purtroppo OnePlus 5 non è impermeabile (resiste però agli schizzi).

Display

OnePlus 5 monta un pannello AMOLED da 5.5 pollici con risoluzione FullHD, una densità di 401ppi e supporto allo spazio di colori sRGB e DCI-P3. Senza troppi giri di parole, la qualità di questo display è davvero ottima, con colori non troppo saturi e angoli di visione ampi.

Peccato per l’assenza di una risoluzione maggiore o di una soluzione borderless se lo confrontiamo con i top di gamma 2017.

Buona ma non eccellente la visibilità all’aperto: con gli occhiali da sole si usa senza problemi, ma sotto al sole più forte lo schermo non è sempre perfettamente visibile. Siamo indietro rispetto alle tecnologie usate da Samsung sui Galaxy S8.

Segnalo anche che tramite Impostazioni possiamo regolare la temperatura dei colori ed attivare l’utilissima funzione Ambient che illumina il display quando riceviamo una notifica o quando solleviamo lo smartphone.

Mi sono sembrate ottime anche la sensibilità e la reattività al tocco.

Concludo facendo presente che, oltre alla modalità notturna, ora abbiamo una nuova modalità lettura che trasforma lo schermo in un display in bianco e nero particolarmente adatto alla lettura.

Hardware, processore e memoria

L’hardware è al TOP. Abbiamo processore Snapdragon 835 octa-core da 2.45GHz e GPU Adreno 540. Sono due le configurazioni disponibili: 6GB di RAM LPDDR4X e 64GB di memoria integrata UFS2.1 o 8GB di RAM e 128GB di memoria integrata. Io ho provato la versione con 6GB RAM.

Lato prestazioni cosa si può dire? Nulla, se non che lo smartphone è potentissimo e sempre veloce e fluido, anche grazie al software praticamente “stock”. Benchmark ed esperienza d’uso quotidiana confermano che questo è uno dei dispositivi Android più veloci in assoluto, che non mostra mai la minima incertezza e che scorre sempre fluido e reattivo, anche con tante app aperte in background. Chi vuole lo smartphone Android più veloce e potente non deve avere dubbi: OnePlus 5 è la scelta da fare.

Nonostante abbia potenza da vendere, lo smartphone non scalda nemmeno quando viene messo molto sotto stress.

Inutile dire che i giochi, anche quelli più pesanti, si avviano in pochi secondi e girano fluidissimi. Real Racing parte in 8 secondi e gira al massimo dei dettagli senza problemi.

A completare la dotazione abbiamo il WiFi dual band ac, Bluetooth 5.0 ed NFC. Il GPS assistito rileva anche satelliti GLONASS e Galileo. Manca la radio FM.

Come sensori, oltre a quelli di luminosità e prossimità, ci sono anche un accelerometro, giroscopio e la bussola digitale.

Batteria

La batteria di OnePlus 5 è una 3300 mAh, 100 in meno rispetto allo scorso anno. Nonostante questo, con un utilizzo medio-intenso si arriva sempre a fine giornata. In generale si fanno almeno 4 ore e mezza di schermo acceso senza problemi.

Aggiungo che il Dash Charge permette di ricaricare il telefono in modo fulmineo (in 30 minuti si arriva da zero al 65%), ma si può sfruttare solo col caricatore originale.

Software ed ecosistema

OnePlus 5 monta Android alla versione 7.1.1 Nougat personalizzato con OxygenOS.

In pratica abbiamo Android stock con tante piccole personalizzazioni che consentono di sfruttare al massimo Android e la potenza di questo smartphone. Indubbiamente il software di OnePlus rappresenta la migliore reinterpretazione del software stock di Google: ci sono tante personalizzazioni leggere e mirate, che non appesantiscono il sistema ma consentono di adattare Android ai nostri gusti in modo davvero semplice e immediato.

Tra le chicche più interessanti, segnalo:

  • la comodissima scheda a sinistra della home dove raccogliere tutti i propri widget
  • la vibrazione regolabile su tre livelli di intensità
  • la possibilità di visualizzare un menù di scelta rapida quando teniamo premuta l’icona di diverse applicazioni
  • la modalità di lettura che riduce i colori ad una scala di grigi e filtra la luce blu
  • le gesture a schermo spento per avviare determinate app al volo
  • la possibilità personalizzare i tasti touch frontali, potendo decidere anche cosa deve succedere quando li premiamo a lungo o due volte o se avere o meno la barra di navigazione su schermo
  • la possibilità di risvegliare lo smartphone con un doppio tocco sullo schermo
  • la possibilità di cambiare liberamente il font di sistema
  • il file manager pre-isntallato
  • la vibrazione personalizzabile
  • la possibilità di fare gli screenshot “lunghi”
  • la modalità non disturbare per i giochi

Reparto telefonico e audio

OnePlus 5 è un Dual SIM Dual Standby. Tramite impostazioni possiamo scegliere la SIM predefinita per dati, chiamate e messaggi.

La ricezione l’ho trovata sempre buona ma non eccezionale. Inferiore rispetto a LG G6 e Honor 9 giusto per fare un confronto. E’ presente la famosa banda 20.

L’audio in capsula ha un volume elevato. Anche lo speaker inferiore ha un buon volume e risulta privo di distorsioni. Anzi, l’audio dello speaker è davvero molto potente, sicuramente uno dei migliori della sua categoria.

Foto e video

Lato fotocamera, in quella posteriore troviamo un doppio sensore: un Sony IMX 398 da 16 megapixel molto luminoso, con apertura f/1.7, pixel da 1.12 micrometri e stabilizzatore digitale, tutto questo associato ad un teleobiettivo Sony IMX 350 da 20 megapixel con apertura f/2.6 e pixel da 1 micrometro.

La fotocamera anteriore ha un sensore Sony IMX 371 da 16 megapixel con apertura f/2.0, HDR, stabilizzatore digitale e pixel da 1 micrometro.

Sia la fotocamera anteriore che quella posteriore scattano foto in rapporto 4:3, mentre impostando i 16:9 la risoluzione scende a 12 megapixel.

L’interfaccia utente è personalizzata da OnePlus e risulta semplice da utilizzare e molto completa dal punto di vista delle funzionalità. Possiamo scattare foto in rapporto 1:1, modificare al volo la luminosità, attivare timer, HDR e altre funzioni in un click. Non mancano funzioni per lo scatto in verticale, time-lapse, slow motion o panorama.

Fantastica la modalità PRO, che permette di regolare manualmente vari parametri (esposizione, focus, apertura focale, bilanciamento del bianco, ISO) e di salvare immagini in formato RAW. Interessante anche la presenza dell’istogramma e la possibilità di salvare 3 preset.

Interessante il secondo sensore per la fotocamera, che offre uno zoom 2x senza evidente perdita di qualità (zoom massimo 8x) e consente anche di ottenere un effetto di sfocatura dello sfondo (bokeh) davvero ben fatto, realistico e sicuramente soddisfacente, tra i migliori in ambito smartphone. Peccato che questa seconda camera non possa essere usata nei video e che di notte abbassi molto la qualità dello scatto.

In generale OnePlus 5 riesce a catturare foto di ottima qualità con colori naturali, soprattutto con buone condizioni di illuminazioni. La messa a fuoco risulta veloce e precisa. Con il calare della luce abbiamo un aumento del rumore digitale, ma la qualità della foto resta comunque molto buona, anche se inferiore a quelle di Galaxy S8 o HTC U11.

Anche la fotocamera anteriore riesce a regalare degli scatti di elevata qualità: i risultati sono buoni e assolutamente sopra alla media anche di notte, grazie al flash software che illumina completamente lo schermo prima dello scatto.

Passando ai video, anche questi risultano fluidi e ricchi di dettagli. La risoluzione massima è 4K a 30fps ma possiamo scegliere anche il Full HD a 30fps e 60fps.

Peccato per l’assenza della stabilizzazione ottica, anche se quella digitale, soprattutto dopo l’ultimo aggiornamento software, funziona molto bene.

Nel complesso la fotocamera di OnePlus 5 è tra le migliori mai viste su smartphone e c’è un netto salto in avanti rispetto ai precedenti modelli.

Giudizio finale

OnePlus 5 viene venduto a 499 euro con 6GB/64GB o 559 euro per la versione 8GB/128GB. Su Gearbest, dove l’ho preso io, costa almeno 110 euro in meno nei rispettivi modelli. Costa di più rispetto ai precedenti modelli (il primo costava 299 euro…), è vero, ma è un dispositivo più potente, maturo e completo, e con lui è cresciuta anche l’azienda, che ora offre un’assistenza completa anche in Italia.

Costa più caro dei predecessori, ma sicuramente è uno dei migliori Android in commercio, indubbiamente il più reattivo e veloce. E’ perfetto per tutti: chi ama la personalizzazione, chi vuole la velocità, chi vuole un dispositivo semplice e completo.

Insomma, è un ottimo smartphone sotto tutti i punti di vista, anche se avrei gradito la presenza della stabilizzazione ottica, dello slot MicroSD per espandere la memoria, della resistenza ad acqua e polvere e soprattutto un design più “moderno” con cornici più ridotte.

Nonostante questo, non posso che consigliare assolutamente l’acquisto di questo smartphone ad occhi chiusi, soprattutto dalla Cina, dove ha un prezzo imbattibile: a 400 euro non si trova di meglio sul mercato.

OnePlus 5 Miglior Prezzo Gearbest

Su Gearbest lo smartphone si trova a meno di 400 euro, soprattutto se approfitti dei codici sconto che pubblichiamo sul nostro canale Telegram ogni giorno

>>> COMPRALO SU GEARBEST AL PREZZO PIU BASSO <<<

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here