Recensione OnePlus 3T: Migliorato sotto tutti i punti di vista

Abbiamo provato il nuovo smartphone OnePlus 3T che si presenta come un upgrade rispetto alla precedente versione migliorano, di poco, un po ovunque

Dopo un paio di settimane di test vi offriamo la recensione del nuovo OnePlus 3T che aggiunge una T alla precedente versione, OnePlus 3, che subisce un aggiornamento un po ovunque ma che non stravolge la qualità che conosciamo di OnePlus.

OnePlus 3T review: 10 key takeaways

Il top di gamma economico di fine 2015 riceve un aggiornamento che lo rende quasi perfetto anche se è solo un upgrade tecnologico dovuto per stare al passo con i tempi. OnePlus 3T è uno smartphone veramente fantastico e come la precedente versione è quasi l’ smartphone perfetto ma quel quasi che non riesce ancora a fare il vero salto di qualità. Il 3T è un ottimo smartphone ma secondo noi non conviene comprare se avere OnePlus 3. Veniamo alla nostra recensione.

DESIGN & HARDWARE

http://image.prntscr.com/image/aab9f2a63b134b14a6e3b123cd28adc6.jpeg

Sul design c’è poco da dire, resta identico alla precedente versione ed è identico ad un HTC One, corpo in alluminio bellissimo al tatto e da vedere, perfetto nell’assemblaggio senza putni deboli. Il design è davvero minimal, il retro è pulito, interrotto solo da 2 righe in plastica per le antenne. Frontalmente abbiamo il Gorilla Glass 4 a proteggere lo schermo. Sempre sul davanti abbiamo il sensore per le impronte digitali.

Sui lati abbiamo i pulsanti di accensione, lo slot ibrido per inserire 2 SIM oppure 1 SIM ed una microSD e un utile pulsante a 3 scatti che ci permette di personalizzare la suoneria e la quantità di notifiche che riceviamo. In basso abbiamo lo speaker, il jack audio da 3.5 mm e l’ingresso per le cuffie da 3.5mm.

Il design, sebbene non sia rivoluzionario, è molto bello ed elegante. Ottiene un feedback di smartphone top di gamma, solido, robusto e curato si ha ogni volta che si impugna il dispositivo. Lo schermo da 5.5 pollici non rende il device particolarmente piccolo, ma nel complesso OnePlus 3T si impugna abbastanza facilmente anche se è molto scivoloso per via dell’alluminio ma si tiene in mano facilmente anche grazie al retro leggermente curvo.

DISPLAY

Schermata 2016-06-15 alle 22.42.42

Lo schermo è un 5.5 pollici AMOLED, che è prodotto da Samsung, ha una risoluzione di 1920×1080 pixel quindi un FullHD e restituisce colori sono perfetti e naturali anche se leggermente saturi, la visibilità eccellente anche sotto alla luce del sole, gli angolo di visuale sono enormi. Insomma, il display di OnePlus 3T è fantastico in ogni condizione di luce; del resto da uno schermo di Samsung non ci saremmo aspettati altro.

HARDWARE

OnePlus 3T non è solo bello, ma anche potentissimo. Sotto al cofano troviamo un processore SnapDragon 821 che è un quad core da 2.35GHz quindi un leggero   6GB di RAM, 64GB di memoria interna, batteria da 3400 mAh, WiFi, Bluetooth 4.2, NFC. Non gli manca niente.

SOFTWARE

Il sistema operativo è  Android 6 Marshmallow, anche se è già in test Android 7 Nougat, basato però su interfaccia personalizzata chiamata Oxygen OS. In generale, posso dire che Oxygen OS prende la versione stock di Android Marshmallow, aggiunge funzionalità comode e utili e lo migliora sotto ogni punto di vista. A me personalmente questo Oxygen OS piace parecchio, ma son gusti. L’esperienza utente, effettivamente, è simile a quella che avremmo su un qualsiasi Nexus, solo che abbiamo più funzionalità a disposizione e opzioni per la personalizzazione.

I cambiamenti principali rispetto alla versione stock di Android riguardano la possibilità di personalizzare l’interfaccia in modo facile e immediato: potete modificare le icone della status bar, i toggle del quick settings, il colore del tema del sistema operativo, la luce delle notifiche, bilanciare i colori dello schermo e altro ancora. Il launcher di default permette di personalizzare la dimensione delle icone, della griglia dell’app drawer, di attivare quick gestures, di cambiare il look della search bar e altro ancora.

Inoltre Oxygen OS integra altre comode funzionalità: potete scegliere se usare i pulsanti capacitivi per gestire il sistema operativo, o se usare quelli sullo schermo o assegnare loro nuove funzioni, potete sfruttare gesture a schermo spento per accendere la torcia o fare altre operazioni.

USO QUOTIDIANO

Schermata 2016-06-15 alle 22.41.27

Anche se costa solo 439 euro, OnePlus 3T compete alla pari con Galaxy S7, Nexus 6P ed iPhone 7 e simili. E l’esperienza utente che offre è da vero top di gamma.

Il sistema operativo è molto ben ottimizzato, fluido, snello, veloce e non mostra mai blocchi, rallentamenti o problemi di alcun tipo. Il processore SnapDragon 821 e i 6GB di RAM garantiscono prestazioni eccellenti sempre e comunque: le app si aprono velocemente, la RAM è gestita in maniera ottimale. OnePlus 3T è veloce, incredibilmente veloce, c’è poco da dire. Lo speaker di OnePlus 3T restituisce un suono potente e pulito. Il sensore delle impronte digitali è molto preciso, veloce e immediato in qualsiasi situazione: in un istante lo schermo viene sbloccato.

BATTERIA

Schermata 2016-06-15 alle 22.41.57

La batteria da 3400 mAh, unita alla funzione Doze di Android 6, garantisce un uso intenso fino a sera senza problemi. Arrivate tranquillamente dalle 7 alle 21 con oltre 4 ore di schermo acceso e ancora il 25% di batteria e se usate lo smartphone in modo non eccessivo, potete anche arrivare alle 9 di sera con il 50% di batteria oppure usarlo anche per due giorni con un utilizzo blando.

Molto interessante, poi, la funzione Dash Charge, che ricarica lo smartphone velocemente. E’ la funzione di ricarica rapida ideata da OnePlus, che però richiede un caricatore da muro compatibile. Usando quello incluso nella confezione (da 5V/4A), potete ottenere il 60% di carica in 30 minuti. Chiaramente potete caricare OnePlus 3T con qualsiasi caricatore USB-C, ma non potrete sfruttare i vantaggi della tecnologia Dash Charge. 

FOTOCAMERA

Schermata 2016-06-15 alle 22.42.12

Da uno smartphone come OnePlus 3T ci aspettiamo un’ottima fotocamera ed effettivamente lo smartphone non ci delude. Il sensore da 16MP posteriore ha pixel da 1.12 micron, f/2.0, stabilizzatore ottico, fa video in 4K a 30fps e la qualità di foto e video è spettacolare.

L’interfaccia della fotocamera è semplice ed intuitiva, con tutte le funzioni a portata di mano. Potete attivare/disattivare il flash al volo, attivare HDR, attivare la griglia, passare alla modalità video, attivare le impostazioni manuali (ISO, bilanciamento del bianco, velocità dell’otturatore…), il tutto in un istante e in pochi click.

I colori delle foto sono naturali, i dettagli davvero tanti e ben riprodotti, la luce catturata è ben bilanciata: ottimo lavoro OnePlus! Anche gli scatti con poca luce sono di ottima qualità.

La fotocamera frontale da 8MP con f/2.0 è davvero buona, usa pixel da 1.4 micron e permette di scattare selfie di ottima qualità. Utile la funzione che permette di avviare un countdown da 3 secondi per scattarsi i selfie e quella che scatta automaticamente quando vede un sorriso sullo schermo.

CONCLUSIONI

E’ praticamente perfetto, per 430 euro non potremmo chiedere altro ma chi ha OnePlus 3 può tenerlo tranquillamente in quanto non è un vero e proprio salto di qualità da giustificare il cambio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here