Recensione Samsung Galaxy S9+: Minestra Riscaldata, Ma Comunque Buona

0

Ecco la nostra recensione e prova completa di Samsung Galaxy S9+.

Abbiamo provato il nuovo smartphone Samsung Galaxy S9+: ecco la nostra recensione completa

Finalmente siamo pronti per proporvi la recensione di Samsung Galaxy S9+, attualmente uno dei migliori smartphone Android in commercio assieme a Huawei P20 Pro.

Costa caro, carissimo, ma per fortuna online si trova ad un buon prezzo.

Rispetto all’S8+ cambia poco, molto poco, ma ora il top di gamma di Samsung è quasi perfetto. C’è ancora qualcosa da migliorare, certo, ma senza dubbio siamo di fronte al re degli smartphone Android.

Anche se quasi identico al precedente modello, è sempre uno dei più belli oggi sul mercato.

Ma vediamo pregi e difetti di questo smartphone nella recensione completa, partendo come sempre dalla scheda tecnica.

LA RECENSIONE VIDEO SARA’ DISPONIBILE DAL 16 APRILE ALLE ORE 13. 

Per ora è disponibile solo la recensione testuale.

Scheda Tecnica Samsung Galaxy S9+

Le specifiche di Galaxy S9 (SM-G960F) ed S9 Plus (SM-G965F) sono le seguenti:

  • Schermo: 5,8 e 6,2 pollici QHD+ Super AMOLED 18,5:9
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 845 (USA) ed Exynos 9810 (Europa)
  • RAM: 4 /6 GB
  • Memoria interna: 64 / 256 GB espandibile (con microSD fino a 400 GB)
  • Fotocamera posteriore: 12 megapixel, con apertura variabile (f/1.5 o f/2.4). Solo su S9+ c’è una seconda fotocamera da 12 megapixel a focale fissa (f/2.4) con zoom 2x. Tutte con stabilizzazione ottica dell’immagine.
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel f/1.7 con autofocus
  • Connettività: dual SIM, dual VoLTE, Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, GPS, NFC, USB Type-C 2.0
  • Dimensioni: 147,6 x 68,7 x 8,4 mm e 158,1 x 73,8 x 8,5 mm
  • Batteria: 3.000 / 3.500 mAh
  • Certificazione: IP68
  • OS: Android 8.0 Oreo Samsung Experience 9.0

Confezione e contenuto

Inutile perdere troppo tempo sulla confezione.

E’ classica, non abbiamo niente di particolare da segnalare, se non la presenza dell’adattatore USB-C e degli auricolari AKG di altissima qualità.

Segnalo infine che il caricatore presente in confezione ricarica lo smartphone in 1 ora e mezzo (S9+ supporta la ricarica rapida sia con cavo che wireless).

Materiali, design, touch & feel

E’ quasi identico all’S8+, compresa la certificazione IP68 contro acqua e polvere.

Cambia solo la parte posteriore, dove abbiamo 2 fotocamere disposte in verticale e il sensore delle impronte digitali, ora posizionato in modo più comodo e semplice da raggiungere.

Fortunatamente sono rimasti il LED di notifica, indispensabile per me, e il jack audio da 3.5mm.

Da un certo punto di vista apprezzo il fatto che Samsung non abbia copiato Apple e non abbia inserito il notch su S9+, dall’altro mi spiace vedere che il modello 2018 del top di gamma Samsung è praticamente identico a quello dello scorso anno. A prima vista, soprattutto guardandoli frontalmente, sembrano davvero uguali. Certo, il profilo laterale è leggermente diverso, ora realizzato in alluminio 7003 più resistente alle deformazioni in caso di urti, ma solo un occhio molto attento noterà le differenze.

S9+ è comunque uno smartphone bellissimo, elegantissimo, curato in ogni dettaglio, che restituisce un feedback premium ogni volta che lo si impugna. Peccato per il peso: 189 grammi sono tantissimi, danno fastidio in mano, in tasca, ogni volta che si usa lo smartphone.

Insomma, le dimensioni sono molto generose, troppo dal mio punto di vista: non riesco davvero ad usare questo smartphone, è troppo scomodo, impossibile da utilizzare con una sola mano. Certo, è possibile ridurre l’interfaccia lato software per arrivare più comodamente a tutte le icone, ma comunque il peso del dispositivo è davvero importante. E’ uno smartphone dedicato a chi non ha problemi di spazio, a chi vuole un display enorme e non bada a peso e dimensioni. Pensateci bene prima di comprarlo, perché nelle tasche dei pantaloni vi darà veramente fastidio.

Display

Lo schermo è eccezionale, il migliore in commercio: abbiamo un pannello da 6.2 pollici con risoluzione QuadHD+ da 2960×1440 pixel in rapporto 18.5:9 con ed una densità di 529ppi.

Si vede benissimo sotto alla luce del sole, si legge alla grande di notte, anche grazie alla modalità che protegge gli occhi dalla luce blu. L’AMOLED di Samsung è il migliore al mondo e guardare video, foto o giocare su S9+ è davvero uno spettacolo: colori fedelmente riprodotti, angoli di visione eccellenti. Tutto questo, unito allo speaker stereo di altissima qualità, potrebbe farvi dimenticare di usare la TV in casa.

Sempre lato display, ricordiamo che è ancora presente la funzione Always-On-Display per vedere rapidamente orario e notifiche senza sbloccare lo smartphone.

Personalmente continuo a non digerire gli schermi curvi, poco utili e troppo delicati, ma Samsung ha deciso che i suoi top di gamma devono avere questi display e non ci possiamo fare niente.

Hardware, processore e memoria

Lato hardware questo S9+ è il top attualmente offerto dal mondo Android, con un processore Exynos 9810 Octa Core e 6GB di RAM.

Certo, ci sono smartphone con 8GB di RAM, ma non ce ne è bisogno: 6 bastano e avanzano per gestire tutte le operazioni più pesanti, il multitasking, i giochi più recenti al massimo del dettaglio. Real Racing, ad esempio, si avvia in pochi istanti e gira sempre fluidissimo.

Si passa rapidamente da un’app all’altra, si possono eseguire task impegnativi, si possono affiancare 2 app per usarle contemporaneamente, ma il processore e la RAM non vengono mai messi in crisi.

Da segnalare poi che la memoria interna da 64GB UFS 2.1 è più che sufficiente, ma in caso di necessità si può espandere con MicroSD.

Lato sensori non manca niente: iride, pressione, accelerometro, barometro, impronte digitali, giroscopico, sensore geomagnetico, sensore Hall, sensore HR, sensore di prossimità, sensore di luce RGB.

Insomma, ad oggi S9+ è indubbiamente uno dei migliori smartphone disponibili per chi cerca un device Android top di gamma.

Batteria

Sono rimasto un pò deluso dai 3500 mAh della batteria di S9+: si arriva sempre a sera, ma a volte con qualche difficoltà se si usa lo smartphone in modo molto intenso. In generale si fanno sempre 4-5 ore di schermo acceso, ma mai di più. Evidentemente display e processore consumano parecchio.

Sicuramente questo smartphone non ci abbandona a metà giornata, ma può capitare che in certi casi sia necessario collegarlo al caricabatteria ad ora di cena per superare una giornata intensa.

Mi sarei aspettato qualcosa di meglio. Fortuna che la batteria si carica velocemente sia via cavo che via wireless.

Software ed ecosistema

Lato software abbiamo i soliti pregi e difetti di Samsung.

Il sistema operativo è Android Oreo 8.0 personalizzato con interfaccia Samsung Experience 9.0. Abbiamo tantissime funzionalità per personalizzare lo smartphone, come i temi, tantissime app pre-installate perfette per sfruttare funzionalità aggiuntive, tante funzioni software che rendono il dispositivo ancora più intelligente, ma tutto questo appesantisce l’interfaccia che, per quanto veloce e scattante, ogni tanto soffre di qualche micro-lag o rallentamento non presente su dispositivi come OnePlus 5T o Pixel 2.

Inoltre ho notato che spesso alcune app vanno in crash improvvisamente, cosa che non ho riscontrato con le stesse app ma su smartphone diversi.

Molto ben fatta la funzione di sblocco dello smartphone con il viso: non siamo ancora ai livelli di Apple con iPhone X, ma sbloccare il telefono usando la faccia e la retina è un’operazione davvero molto veloce e comoda, che risulta anche piuttosto precisa e funziona anche al buio. E’ comunque ancora possibile sbloccare lo smartphone con il sensore di impronte posto sul retro, molto rapido e preciso, quasi infallibile.

E’ ancora presente l’assistente vocale Bixby, che però in italiano è decisamente castrato e praticamente inutile. Sinceramente non capisco che intenzioni abbia Samsung con questo assistente: o lo rilascia in tutte le lingue, o meglio toglierlo e usare quello di Google.

Altro programma interessante è Samsung Pay, che ci permette di fare acquisti con lo smartphone senza portare con noi la carta di credito. L’ho provato in vari negozi e sono rimasto davvero soddisfatto.

Comunque, lato software, siamo alle solite: Samsung riempie i propri smartphone di bloatware che io consiglio caldamente di disinstallare per liberare memoria interna, memoria RAM e aumentare di un minimo l’autonomia.

Una funzione che apprezzo davvero lato software è DeX: collegando lo smartphone ad una dock station esterna, possiamo trasformarlo in una sorta di computer portatile, collegando tastiere, mouse e schermo esterno, mentre tutta l’interfaccia si riadatta per diventare molto simile a Windows o Linux. Una funzione che si utilizza poco, è vero, ma che torna davvero utile in caso di emergenza.

Ad ogni modo aspetto con ansia il momento in cui Samsung deciderà di alleggerire il proprio software permettendo agli utenti di scegliere quali app pre-installare, visto che ogni volta perdo mezz’ora a rimuovere tutta la suite Office, i programmi Microsoft e tanti altri tool già installati e che non uso mai.

Sempre lato software, spero vivamente di vedere presto Android 8.1 e Android 9 per S9+: Samsung non è famosa per rilasciare aggiornamenti di sistema in tempi brevi, spero che in futuro le cose migliorino, ma ho seri dubbi a riguardo.

Nel complesso, comunque, abbiamo un software molto completo e pieno di funzionalità, ma che personalmente ritengo troppo e inutilmente appesantito.

Reparto telefonico e audio

Reparto telefonico che funziona molto bene: ottima ricezione, ottima qualità delle chiamate. La ricezione e soprattutto il WiFi sono un filo migliori di Galaxy S8.

Lo smartphone è inoltre Dual SIM, ma bisogna scegliere tra la seconda SIM o la scheda MicroSD per espandere la memoria.

Buona la vibrazione per chiamate e notifiche, che a volte è addirittura troppo forte.

Molto buoni WiFi, Bluetooth 5.0 e GPS. Lato sensori non manca davvero niente a questo smartphone: come abbiamo detto, l’hardware è al top e si vede.

Fantastico, poi, lo speaker stereo: una cassa è in basso, l’altra nella capsula auricolare (riproduce alti e medi). Il suono è pulito, forte e avvolgente, per una resa davvero strepitosa e con un volume altissimo. Alti, medi e bassi sono riprodotti egregiamente: con S9+ non ci sarà bisogno di casse bluetooth per ascoltare la musica in mobilità. Sempre lato audio, da segnalare la possibilità di personalizzare in modo avanzato le impostazioni, l’ottimo audio in cuffia e il DAC.

Non dimentichiamo infine che il BT5 permette di sdoppiare l’audio.

Foto e video

C’è poco da dire, è la miglior fotocamera mai vista su smartphone, assieme a quella di Pixel 2 e Huawei P20 Pro. Di giorno le foto sono eccezionali, di sera anche. Stesso discorso per i video, davvero spettacolari.

Già S8 faceva foto quasi perfette, qui si arriva praticamente alla perfezione, anche se in certi casi P20 Pro risulta migliore (al buio soprattutto), anche se effettivamente le differenze sono difficili da notare.

La principale novità rispetto ad S8 è rappresentata dalla doppia fotocamera da 12MP (come su Note 8) con doppia apertura focale (a differenza di Note 8), con F/1.5 ed F/2.4: in questo modo le immagini vengono sempre perfette, in qualsiasi condizione di luce, e con una profondità di campo (effetto bokeh) sempre ben riprodotto, fedele e molto preciso. Molto ampia anche la gamma dinamica e la messa a fuoco davvero rapida. In condizioni di scarsa illuminazione, grazie alla possibilità di variare l’apertura del diaframma, si riescono ad ottenere degli scatti di ottima qualità con pochissimo rumore.

Non dimentichiamo poi la presenza di una lente con zoom 2X che permette di avvicinarci al soggetto senza perdere qualità.

Risultati eccellenti anche utilizzando la fotocamera anteriore da 8MP che, grazie alla messa a fuoco automatica, consente di ottenere sempre degli scatti molto dettagliati e di girare video in 2K.

Lato video abbiamo la possibilità di girare in 4K/1080p a 60fps o 960p in SuperSlowmo: il risultato finale è eccellente, anche se lo SlowMo automatico non parte sempre precisamente. L’effetto è comunque molto bello e divertente, perfetto per caricare video un pò particolari sui nostri social. Comunque la qualità dei video si mantiene sempre molto elevata con colori brillanti, messa a fuoco rapida e un’accurata regolazione dell’esposizione.

Il software che gestisce la fotocamera è molto completo e ci offre la possibilità di riconoscere le scene in automatico, ma abbiamo anche preset già pronti per scatti di cibo, di panorami o per fare dei ritratti con effetto sfuocato. Non mancano ovviamente la modalità Pro, che permette di settare tutti i parametri di scatto a mano, e la possibilità di modificare al volo foto e video direttamente da smartphone.

Non dimentichiamo le Emoji AR, la versione Samsung delle animoji di Apple: una funzione molto carina. Samsung permette in pratica di crearsi un avatar che ci somiglia con la fotocamera dello smartphone: basta scattarsi una foto ed in pochi secondi abbiamo un “mini me”, a cui possiamo cambiare dettagli ed accessori, che possiamo animare con il movimento del volto. In automatico vengono anche create una serie di GIF ed adesivi che possiamo condividere facilmente tramite applicazioni social e di messaggistica. Anche se effettivamente poco utile, è una funzione comunque molto divertente.

Giudizio finale

Cosa dire di questo S9+?

Sicuramente un ottimo telefono, bello, potente, un vero top di gamma.

Effettivamente non sono riuscito a trovargli dei veri difetti o problemi, perché Samsung ha realizzato uno dei migliori smartphone in commercio, non solo nel mondo Android, ma in assoluto.

Dal mio punto di vista ci sono solo 2 problemi con questo S9+:

  • il prezzo, inizialmente esagerato, ma che ora inizia a diventare interessante (750 euro circa)
  • le dimensioni troppo generose, che mi rendono davvero difficile usare e apprezzare uno smartphone così grande e pesante.

Se poi Samsung decidesse di alleggerire il suo software, magari montando Android One, allora questo S9+ sarebbe il telefono definitivo.

Già oggi comunque, se peso, prezzo e dimensioni non sono un problema per voi, penso che S9+ sia una delle migliori scelte che potete fare.

Prima di acquistarlo, però, valutate anche l’acquisto di Note 8, che è praticamente identico, ma ha anche il pennino in più, e Huawei P20 Pro, che ha un prezzo simile ma dimensioni più compatte, Android più aggiornato e batteria più potente.

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here